Il Nursind Salerno boccia il piano di riorganizzazione dei posti letto al San Luca

0
188

Sul piano di riorganizzazione dei posti letto del “San Luca” di Vallo della Lucania il Nursind Salerno esprime profonda preoccupazione e dissenso essendo basato sulla presunta inadeguatezza del personale infermieristico rispetto alle attività svolte nel presidio.

“Come sindacato degli infermieri e del personale sanitario – scrivono in una nota – respingiamo fermamente questa impostazione. Riteniamo che diminuire ulteriormente l’offerta sanitaria, specialmente in un momento così critico come quello attuale e in vista dell’emergenza estiva imminente, sia una decisione irresponsabile e dannosa per la comunità. Inoltre, respingiamo l’idea che il ricorso a straordinari possa risolvere le carenze di personale. Il personale del “San Luca” è già oberato da pesanti carichi di lavoro, con molti lavoratori che hanno già raggiunto le quote pro capite di ore straordinarie imposte dalla direzione generale. Aumentare ulteriormente il carico di lavoro di questi operatori non solo non è sostenibile ma mette anche a rischio la qualità dell’assistenza fornita ai pazienti. I cittadini e i lavoratori non sono numeri e non possono essere trattati come tali. È fondamentale garantire un’adeguata dotazione organica di tutte le figure professionali coinvolte nell’assistenza sanitaria, con particolare attenzione agli infermieri e agli operatori socio sanitari (Oss). Chiediamo all’azienda di spostare il personale in sovrannumero nelle altre strutture dell’Asl Salerno per aumentare il numero di infermieri e Oss assegnati al presidio ospedaliero di Vallo della Lucania”.

Il Nursind Salerno contesta fermamente i calcoli effettuati dalla direzione strategica, che sembrerebbero basarsi unicamente sul numero di posti letto anziché sulle effettive attività svolte nel nosocomio. Questo approccio avrebbe portato, secondo il sindacato, a una distribuzione inadeguata del personale, con una grave carenza di operatori socio sanitari non presa in considerazione.

“Chiediamo alla direzione sanitaria del presidio di Vallo di avviare al più presto una discussione seria e costruttiva con l’Asl Salerno sui parametri da adottare per determinare il numero corretto di lavoratori necessari al “San Luca” di Vallo della Lucania. Solo attraverso un dialogo aperto e collaborativo potremo garantire un’assistenza sanitaria di qualità e accessibile a tutti i cittadini della Campania”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here