Coronavirus, attivata la didattica a distanza on line nelle scuole del Vallo di Diano

0
6

{vimeo}396133959{/vimeo}

Non si fermano le attività didattiche nelle scuole del Vallo di Diano. In piena emergenza da Coronavirus, con le scuole chiuse fino al prossimo 15 marzo, sono state infatti attivate in diversi istituti del territorio lezioni a distanza in modalità on line, con lo scopo di garantire la continuità dell’apprendimento e dare agli alunni la possibilità di vivere in serenità le loro attività quotidiane.

Specifici percorsi di didattica a distanza sono stati previsti presso il Liceo Scientifico “Carlo Pisacane”, la scuola secondaria di primo grado, la scuola primaria e la scuola dell’infanzia di Padula, presso gli indirizzi dell’Istituto “Cicerone” di Sala Consilina, presso l’Istituto di Istruzione Superiore “Pomponio Leto” di Teggiano e presso i due indirizzi dell’Istituto “Sacco” di Sant’Arsenio. È prevista la creazione di “classi virtuali” per la condivisione di materiale didattico e dei compiti ma anche per dare la possibilità ai docenti di svolgere le lezioni in diretta live-streaming e di interagire con gli studenti. Una modalità didattica che si sta pensando di mettere in atto anche presso l’Istituto Omnicomprensivo di Teggiano, per consentire agli alunni delle scuole secondaria e primaria di proseguire le loro lezioni.

Per sostenere l’attivazione delle “classi digitali”, il MIUR ha messo a disposizione delle istituzioni scolastiche una pagina web per accedere a strumenti di cooperazione e scambio di buone pratiche, gemellaggi con istituti scolastici che hanno esperienze avanzate di didattica digitale e piattaforme certificate per la didattica a distanza. I dirigenti scolastici hanno dunque dato alcune indicazioni ai docenti per l’utilizzo di strumenti utili allo scopo e disposizioni agli insegnanti che già utilizzano canali per la formazione a distanza di continuare a disporne. Grande attenzione infine viene rivolta agli studenti del quinto anno degli Istituti Superiori per prepararli al meglio all’Esame di Stato.

Antonella D’ALTO

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here