Anche Uil Fpl e Confial aderiscono alla mobilitazione del 23 maggio per l’ospedale di Polla

0
105

La manifestazione a difesa dell’Ospedale Luigi Curto di Polla promossa dalla FIALS Salerno trova il sostegno anche di altri sindacati che sostengono le motivazione che hanno spinto i referenti della Fials a scendere in piazza a tutela del presidio ospedaliero valdianese. Dalla Confial e dalla UIL FPL Vallo di diano, arrivano infatti le comunicazioni ufficiali in cui annunciano la loro presenza il 23 maggio prossimo alle ore 10,00 nel piazzale antistante l’Ospedale Luigi Curto da dove quindi partirà la mobilitazione a difesa del presidio e per chiedere il potenziamento dei servizi prestati all’interno della struttura sanitaria.

Ad annunciare l’adesione della CONFIAL Salerno il responsabile territoriale Francesco Bellomo che evidenzia come l’iniziativa vuole dire NO al continuo impoverimento subito dal presidio ospedaliero di Polla, e all’imminente rischio di chiusura di alcuni reparti. “Saremo sempre attenti al diritto della Salute, – dichiara Bellomo – partecipiamo a questa protesta perché non vengano ridotti i servizi ai cittadini, che non si perdano ulteriori posti di lavoro e affinché si ottenga un miglioramento del servizio dato dalla sanità pubblica in questo territorio, confidiamo nella partecipazione di tanti cittadini e amministratori di tutto il Vallo di Diano”. Sulla stessa linea anche la UIL FPL Vallo di Diano che spiega anche come la condivisione della manifestazione potrà rendere la protesta più incisiva per garantire le attività di base per i cittadini del territorio.

“Convinciamoci – scrivono dalla UIL – che la salute non è solo un requisito essenziale del singolo cittadino, bensì di tutta la collettività. Rivendichiamola tutti insiele, soprattutto per chi vive la sofferenza, per chi condivide la fragilità. Rivendichiamo quindi – sottolineano ancora invitando le comunità interessate ad aderire compatti alla mobilitazione – la penalizzazione e la soppressione dei servizi per gli anziani, per noi stessi e per le generazioni che verranno”.

Tutti i sindacati uniti, dunque, invitano il territorio ad unirsi alla manifestazione promossa dalla FIALS e condivisa anche da UIL FPL e da CONFIAL, finalizzata a chiedere maggiore attenzione per l’Ospedale di Polla che deve fare i conti con una continua emorragia di medici ed infermieri incapaci, visto il ridotto numero di personale, di garantire un efficace ed efficiente servizio sanitario al territorio.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here