Operazione antidroga, sgominata banda dedita al traffico di sostanza stupefacente

0
54

Sgominata una banda dedita al traffico di sostanza stupefacente e operante tra la Calabria e la Campania. Ad eseguire le ordinanze di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP del Tribunale di Catanzaro, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia, i militari dei Nuclei di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Napoli e Salerno che hanno tratto in arresto 4 persone ritenute responsabili del reato di Associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanza stupefacente e di detenzione e spaccio di sostanza stupefacente.

L’operazione eseguita dalla Guardia di Finanza nella mattinata di oggi, segue un’altra misura cautelare emessa lo scorso luglio emessa dal Giudice per le Indagini preliminari del Tribunale di Salerno ed ora, emessa, in sede di rinnovazione dal GIP di Catanzaro. Secondo quanto emerge pare che i quattro indagati avevano messo su un sodalizio criminale dedito al traffico di droga ed in special modo di Hashish e cocaina, operante a Scalea in provincia di Cosenza. Dalle indagini preliminari effettuate dalla Guardia di Finanza di Napoli e Salerno, che dovranno poi essere confermate in fase processuale, è emerso che il sodalizio era strutturato con ripartizione dei compiti tra fornitori, acquirenti, corrieri, custodi e distributori della sostanza stupefacente.

Inoltre sono anche stati individuati i canali di approvvigionamento con la cessione che avveniva anche nelle province di Salerno e Napoli. Per le comunicazioni, invece, venivano utilizzati telefoni criptati. Tra gli arrestati anche  Antonio Pignataro, 67enne, che ha già scontato la condanna a 30 anni di reclusione per l’omicidio di Simonetta Lamberti, figlia del magistrato Alfonso Lamerti uccisa da colpi di arma da fuoco che avevano raggiunto la piccola alla testa il 29 maggio 1982 a Cava de’ Tirreni quando il magistrato ricopriva l’incarico di Procuratore presso il Tribunale di Sala Consilina e impegnato nella lotta alla camorra.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here