Verso le elezioni politiche. Definiti ieri i collegi elettorali

0
15

{vimeo}244333177{/vimeo}

Non c’è ancora la data ma è sempre più spedita la marcia verso le elezioni. Ieri il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto legislativo che definisce i collegi previsti dalla nuova legge elettorale. La definizione sarà perfezionata entro due settimane ma non dovrebbero esserci novità. In linea di massima si fa riferimento al Mattarellum del 1993, anche se i cambiamenti demografici, sulla base dei dati ISTAT, hanno fatto acquisire collegi alla Lombardia, al Veneto e all’Emilia Romagna e perderli alla Sicilia, all’Umbria e alla Basilicata. Per la Campania il Rosatellum stabilisce 2 circoscrizioni (Napoli e provincia; Avellino, Benevento, Caserta e Salerno) e 22 collegi uninominali per la Camera dei Deputati. Per il Senato della Repubblica 1 circoscrizione che coincide con la regione e 11 collegi. Le novità sembrano esserci per la provincia di Salerno. Stando a quanto riporta il quotidiano LaCittà “7 Comuni del Sele – Tanagro, ovvero Oliveto Citra, Contursi, Campagna, Santomenna, Valva, Colliano e Castelnuovo di Conza saranno quasi certamente accorpati al collegio di Ariano Irpino. Quindi i collegi uninominali alla Camera saranno 4 (Nocera Inferiore, Salerno, Battipaglia che perde 7 Comuni e Agropoli), al Senato 2 (Salerno – Nocera Inferiore, Battipaglia – Agropoli)”. Passando ai collegi plurinominali con listini bloccati e assegnati col proporzionale, qui la logica del disegno è stata di aggregare il territorio di collegi uninominali contigui in modo tale che a ciascuno sia assegnato un numero di seggi mai superiore a 8 e non inferiore a due. Il testo del decreto passa ora alle Commissioni Affari costituzionali di Camera e Senato che avranno 15 giorni di tempo per formulare i pareri e l’ultima parola poi spetta al Governo. 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here