Vallo di Diano, ecco le piazze dove nel fine settimana si troveranno le Uova dell’AIL

0
13

{vimeo}328380097{/vimeo}

Anche quest’anno torna in 4800 piazze italiane l’iniziativa Uova di Pasqua AIL, giunta alla 26esima edizione e in programma dal 5 al 7 aprile. Moltissime le piazze salernitane e del Vallo di Diano che aderiscono alla manifestazione di solidarietà promossa dall’associazione per la ricerca sulle leucemie, i linfomi e il mieloma.

L’evento sarà realizzato grazie al consueto impegno di migliaia di volontari che offriranno le uova di cioccolato, a fronte di un contributo minimo associativo di 12 euro. I fondi raccolti saranno impiegati per sostenere la ricerca scientifica;finanziare il Gruppo GIMEMA (Gruppo Italiano Malattie Ematologiche dell’Adulto) cui fanno capo oltre 140 Centri di Ematologia; per collaborare al servizio di cure domiciliari; realizzare case alloggio nei pressi dei centri di terapia; e realizzare sale gioco e scuole in ospedale.

Pasqua rappresenta per l’AIL, che da 50 anni promuove e sostiene la ricerca scientifica per la cura delle leucemie, dei linfomi e del mieloma, un importante appuntamento per finanziare la ricerca contro i tumori del sangue e garantire servizi di assistenza ai pazienti e ai loro familiari.

Ogni traguardo raggiunto è merito di un piccolo gesto, di chi ha permesso di trasformare le Uova AIL in un grande simbolo di solidarietà. È merito dei tanti volontari, e sarà merito di chi vorrà festeggiare la Pasqua con le uova AIL, regalando ai pazienti la sorpresa più bella, la speranza!

Nel Vallo di Diano questo fine settimana troveremo le uova dell’AIL a Sala Consilina in Piazza Umberto I, a Padula, a Sassano nella Piazza Principale, a Sant’Arsenio in Piazza Domenico Pica,  a Polla in Piazza V. Emanuele, a Montesano nella Piazza Principale, a Caggiano, a Pertosa nella pressi della Chiesa, e in tantissime altre piazze cilentane e salernitane. Per consultare l’elenco completo si può visitare il sito www.ail.it. 

Un piccolo aiuto per sostenere la ricerca e l’associazione che assiste i malati e le loro famiglie, lotta al loro fianco per migliorarne la qualità della vita e sensibilizza l’opinione pubblica sulla lotta contro le malattie del sangue.

Antonella D’ALTO 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here