Vallo di Diano, dalla Caritas Diocesana presidi di sicurezza per gli ospedali di Polla e Eboli. Garantiti i servizi assistenziali

0
10

caritasdiocesana

L’ufficio della Caritas Diocesana della Diocesi di Teggiano-Policastro si sta attivando per fornire di adeguate mascherino gli ospedali di Polla e di Eboli avvalendosi della collaborazione dei Volontari della Protezione Civile Vallo di Diano. Con una nota stampa fanno sapere di aver dato mandato ad alcune imprese sartoriali, di confezionare mascherine protettive a norma di legge da consegnare ai presidi ospedalieri del Luigi Curto di Polla e del Maria SS Addolorata di Eboli. Inoltre, dalla Diocesi, arriva anche la conferma che tutte le attività sociali quali i centri di ascolto e la consegna dei pacchi alimentari per le persone disagiate.

“L’emergenza che stiamo vivendo –scrivono dalla Caritas Diocesana – impone l’accantonamento di ogni motivo di frammentazione per generare invece una risposta sinergica, in aiuto al territorio. L’emergenza Covid-19 non scoraggia la solidarietà. La Caritas Diocesana continua regolarmente il suo operato, nel rispetto delle direttive nazionali e con le dovute precauzioni sanitarie, continuando a garantire quotidianamente la sua assistenza.

Restano dunque aperti i centri di ascolto, con la prudenza necessaria e senza esporsi ed esporre gli altri a rischi.

 Anche il “pacco alimentare” continuerà ad esistere, ma per esso è stato pensato un sistema di consegna a domicilio, che avverrà nel rispetto di tutte le norme igienico-sanitarie obbligatorie.

 La mensa dei poveri di Sapri si riorganizza alla luce dell’emergenza Coronavirus con l’introduzione del pasto d’asporto per coloro i quali hanno la possibilità di consumarlo presso il proprio domicilio. Chi, invece, fosse per necessità costretto a consumare il pasto presso la mensa, verrà opportunamente tutelato. Agli ospiti sono garantite tutte le disposizioni igienico-sanitarie previste.

La Caritas diocesana di Teggiano-Policastro continua con audacia a proporre con entusiasmo e piena convinzione il servizio e la cautela ai soggetti più deboli e vulnerabili, attraverso il generoso gesto di vicinanza di chi vive il volontariato e l’oblatività come autentico atto di fede.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here