Utilizzo improprio di loghi istituzionali, i partiti di centrodestra in Regione si oppongono

0
165

Una manifestazione contro il Governo promossa utilizzando loghi istituzionali come quello della Regione Campania e quello dell’ANCI Campania. Istituzioni che, per il ruolo che rivestono, dovrebbero garantire totale imparzialità e quindi non essere coinvolte in logiche partitiche. Il presidente della Regione Campania De Luca così come il sindaco di Caserta e presidente dell’Anci Campania, hanno invece deciso di utilizzare i loghi istituzionali quali enti organizzativi di una manifestazione di protesta promossa contro il governo italiano ed eletto democraticamente nell’autunno del 2022.

Una scelta che fa discutere anche perché, nei giorni scorsi, pare che a tutti i comuni della Campania siano arrivati inviti dall’ANCI ad aderire alla manifestazione di protesta organizzata, secondo quanto reso noto, per lo stop arrivato dal Ministero della Coesione dei fondi di Sviluppo e Coesione e contro il disegno sull’autonomia differenziata. La presenza dei due loghi, che si riferiscono ad enti istituzionali che dovrebbero garantire l’imparzialità e il superamento di ogni logica politica e partitica quindi essere distanti da ogni tipo di faziosità, ha provocato numerose reazioni, in particolare verso l’ANCI che dovrebbe essere garante dei diritti e delle opinioni di tutti i comuni, indipendentemente dal colore politico ma che, secondo numerosi esponenti, si sta invece lasciando coinvolgere in battaglie politiche del Governatore della Campania. La decisione ha dunque spinto i capigruppo in consiglio regionale afferenti ai partiti di centrodestra, a presentare la richiesta di inserimento all’ordine del giorno della tematica, sottolineando anche il loro dissenso verso gli atteggiamenti del Governatore della Regione.

“Chiediamo – scrivono in una nota inviata al Presidente del Coniglio Regionale gli On. Cosimo Amente, Stefano Caldoro, Severino Nappi e Livio Petitto – di inserire all’ordine del giorno della prossima seduta consiliare del 14 febbraio c.a. la mozione, con carattere d’urgenza, concernente la ‘pronuncia di dissenso e sospensione delle condotte assunte dal Presidente della Giunta”. La mozione è stata presentata con carattere d’urgenza e si riferisce alla pronuncia di dissenso delle condotte recentemente assunte dal Presidente della giunta e alla sospensione dell’utilizzo improprio del logo della regione Campania per iniziative di carattere politico contro il Governo nazionale. Per i consiglieri la richiesta è “in coerenza alla prassi consolidata, attraverso la quale si provvede all’inserimento di atti e provvedimenti all’ordine del giorno delle sedute consiliari preavvisate con interlocuzioni informali ai Presidenti dei Gruppi”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here