Sport

Sport

E’ di pochi giorni fa il Decreto Legge cd. “Ristori-quater” (n. 157 del 30 novembre 2020), recante ulteriori misure urgenti connesse all’emergenza epidemiologica da Covid-19. Interessato, per fortuna, anche il settore sportivo dilettantistico.

In tal senso, al fine di fare fronte alle misure di ristoro a fondo perduto destinate alle ASD/SSD, è incrementata, per il 2020, la dotazione del Fondo Unico inizialmente prevista per 95 milioni di euro. Infatti, per il mese di dicembre 2020, è erogato dalla Sport e Salute S.p.A., per un ammontare di 170 milioni di euro, un’indennità di 800,00 euro in favore dei lavoratori impiegati con rapporti di collaborazione presso le ASD e le SSD, le quali, in conseguenza dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, hanno cessato, ridotto o sospeso la propria attività. Il predetto emolumento non concorre alla determinazione del reddito e non è riconosciuto ai percettori di altro reddito da lavoro. Si considera reddito da lavoro, che esclude il diritto a percepire l’indennità, il reddito da lavoro
autonomo, dipendente e assimilato, nonché da pensione. Ai fini dell’erogazione delle indennità si considerano cessati, a causa dell’emergenza epidemiologica, tutti i rapporti di collaborazione scaduti entro la data del 30 novembre 2020 e non rinnovati.

Le domande degli interessati, con autocertificazione del possesso dei requisiti di cui sopra, potranno presentarsi sino alla mezzanotte di oggi, tramite la piattaforma informatica di S.p.A. Sport e Salute. Dunque, chi non ha ancora proceduto perché all’oscuro di questa opportunità, ha ancora qualche ora di tempo per attivarsi.

Federico D’ALESSIO

Sport

La FIGC ha pubblicato pochi giorni fa il documento con l’aggiornamento del Protocollo Allenamenti e Gare per le squadre partecipanti ai Campionati Nazionali LND Stagione 2020/2021 (Dipartimento Interregionale Maschile, Divisione Calcio a 5, Divisione Calcio Femminile).

Il testo, redatto dalla Lega Nazionale Dilettanti, è stato ‘validato’ dalla Commissione Medico Scientifica della FIGC.

Tra gli aspetti più importanti, continua a prevedersi il distanziamento obbligatorio di almeno due metri nel corso di riunioni , il divieto di abbracci e altri comportamenti a rischio durante lo svolgimento dell'attività sportiva degli atleti. Poi, si prevedono test settimanali entro le 48/72 ore antecedenti la disputa della gara per tutto il gruppo squadra.

In caso di positività accertata di un membro della squadra, l'isolamento si riferisce alla separazione delle persone infette dal resto della comunità per la durata del periodo di contagiosità, in ambiente e condizioni tali da prevenire la trasmissione dell’infezione, mentre La quarantena si riferisce alla restrizione dei movimenti di persone sane per la durata del periodo di incubazione, ma che potrebbero essere state esposte ad un agente infettivo o ad una malattia contagiosa, con l’obiettivo di monitorare l’eventuale comparsa di sintomi e identificare tempestivamente nuovi casi.

L'eventuale ritorno all'attività di un atleta guarito dovrà essere valutato dal Medico Sociale del club, in relazione al quadro clinico di riferimento ed al tempo di stop forzato causa malattia.

Federico D'ALESSIO

Sport

La Salernitana all’Arechi batte un’arcigna Cremonese e conquista la vetta della classifica. 

TvOGGI

Sport

Lo scorso venerdì pomeriggio, in videoconferenza, si è tenuto il Consiglio direttivo del Comitato Regionale Campania F.I.G.C. – L.N.D., indetto dal Presidente Carmine Zigarelli. Su proposta di quest'ultimo, in virtù delle costanti interlocuzioni con i club campani e delle linee guida della Lega Nazionale Dilettanti, immaginando la ripresa delle attività dopo la scadenza dell’attuale DPCM, si ipotizza la ripresa degli allenamenti a partire dal 4 dicembre, per le due settimane successive.

Dunque una ripartenza delle gare per il week end del 19-20 dicembre, prima con i recuperi dei match non disputati, poi con le sfide da calendario, in questo periodo, di ciascun campionato. Nei successivi Comunicati Ufficiali, e in base alle ulteriori normative governative, saranno resi noti tutti i dettagli della ripresa.

“Il nostro più grande auspicio per il calcio dilettantistico e giovanile campano è quello di una ripartenza in tempi stretti, ma che sia ben chiaro che tutte le nostre decisioni sono diretta conseguenza dei dispositivi governativi. Nonostante le tante difficoltà e il periodo di grande incertezza continuiamo a lavorare senza sosta per e con le società campane, serbatoi di speranza e di futuro”. Così il Presidente del C.R. Campania Carmine Zigarelli. 

Federico D’ALESSIO

 

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.