Sport

Sport

Sabato scorso, 3 agosto 2019, a Sassano c’è stata la 9^ della Corsa delle Sette Cappelle, valida quale 11^ tappa del Circuito “Cilento di Corsa”. Organizzata dall’Associazione In cammino con Padre Pio in collaborazione con l’A.S.D. Cilento Run, è una gara podistica veloce di 12km, interamente su asfalto, con dislivello negativo, due le categorie: maschile e femminile. Venerdì 2 agosto 230 gli atleti che si sono presentati al ritrovo a Varco Notar Ercole. La partenza poi sabato pomeriggio alle 18 dal piazzale antistante la Chiesa Madre di “San Giovanni Evangelista” per arrivare alla chiesa Cuore immacolato di Maria a Varco Notar Ercole. Primo posto classifica generale e classifica maschile a Gilio Iannone dell’ASD Carmax Camaldolese; primo posto classifica femminile a Rosmary Antico dell’ASD ATL Sporting Calore. 

Sport

E' giunto al termine il raduno degli arbitri CAN B tenutosi a Sportilia, con la partecipazione di arbitri e assistenti di serie A, in vista della prossima stagione sportiva.

Importanti momenti di condivisione voluti per uniformare approccio e metodologia in vista dell’inizio dei campionati, con il commento di vari episodi ed eventuali provvedimenti disciplinari da adottare, analizzando i casi che richiedono la revisione del VAR o il suo intervento, mirato a correggere il ‘chiaro errore’ dell’arbitro. 

Una tre giorni presso il centro sportivo romagnolo che ha visto protagonisti anche i fischietti valdianesi, Ivan e Manuel Robilotta, della sezione AIA di Sala Consilina.

Tante le tematiche toccate, per uno stage che ha approfondito le ultime novità regolamentari da seguire. Un'attività tecnica iniziata con la spiegazione della Circolare n. 1 da parte di Enzo Meli, Responsabile del Modulo Regolamento del Settore Tecnico dell’AIA.

I partecipanti, sotto la guida dei loro colleghi più esperti in materia, si sono esercitati ai due simulatori VAR allestiti nello stadio “Gabetto” di Sportilia.

In aula i lavori sono poi entrati nel vivo con una lunga match analysis sulla Regola 12 ed i falli di mano. Un continuo confronto finalizzato ad innalzare ulteriormente il livello di affidabilità e competenza della squadra CANB, in particolar modo dei più giovani, in vista dei prossimi impegni.

Federico D'ALESSIO

 

 

 

 

 

 

Sport

Grande soddisfazione per la sezione arbitri di Sala Consilina e per tutto il Vallo di Diano per la promozione in Serie B di Ivan Robilotta, che ieri ha ricevuto i complimenti dell’amministrazione comunale, nel corso di una cerimonia di saluto alla presenza del sindaco Francesco Cavallone e dell’assessore con delega allo sport Elena Gallo. L’evento si è svolto presso il Polo Culturale Cappuccini. Ivan Robilotta, 31 anni, ha cominciato da giovanissimo a scalare le categorie fino ad arrivare alla Lega Pro dove è rimasto 5 anni. Al termine di quest’ultima stagione dove ha diretto importanti gare, è giunta la meritata promozione in serie B. Originario di Villa d’Agri in Basilicata, Ivan Robilotta, è stato scelto tra i cinque che sono stati promossi nella serie cadetta ed è l’unico della Campania.

Una passione di famiglia, in quanto anche i genitori di Ivan sono stati arbitri e lo è anche il fratello Manuel, assistente che vanta due presenze in serie A. Nel corso della cerimonia, alla quale erano presenti anche il presidente della sezione Aia di Sala Consilina Gianpiero Cafaro e il delegato Figc Gerardo Lo Bosco, Robilotta ha ricevuto un dono dall’amministrazione comunale, un fischietto con il logo del Comune di Sala Consilina e la B della promozione in serie B.

Antonella D'ALTO

 

Sport

Un lucano nell'elitè mondiale del nuoto. Parliamo di Domenico Acerenza, 24enne di Sasso di Castalda, che nella staffetta mista dei Mondiali 2019 in Corea del Sud si guadagna una grandissima medaglia d'argento.

Nelle acque libere asiatiche il quartetto composto da Rachele Bruni, Giulia Gabbrielleschi, Domenico Acerenza e Gregorio Paltrinieri coglie un ottimo risultato, migliorando quanto gli azzurri seppero fare a Budapest 2 anni fa, quando furono bronzo. Una gara che ha vissuto sulla grande rimonta della frazione di Acerenza che poi ha messo Paltrinieri nelle condizioni di duellare sino all'ultimo per la vittoria.

Già all'esordio mondiale in acque libere, nella 5 Km, il giovane sassese ha fatto sognare una medaglia, classificandosi 5° dietro ai big della disciplina e dimostrando, ancora una volta,  tenacia e coraggio da vendere. Poi il capolavoro nella staffetta con una prestazione stellare ed un recupero di 36 secondi di distanza dai primi a metà gara.

"Sono partito a razzo perchè avevo tanta rabbia li volevo recuperare tutti - ha spiegato Acerenza - c'ho messo il cuore perchè qui conta soprattutto quello, ora riposero tre o quattro giorni prima delle gare in piscina. Li servono, oltre il cuore, anche le braccia e la testa" ha concluso il ventiquattrenne campione italiano della 5 km alla sua quarta gara ufficiale della carriera dopo gli Assoluti, la 5 km di Miami e quella iridata, in Corea, a Yeosu.

Federico D'ALESSIO

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.