Sport

Sport

tudisco

Cambio di allenatore per il Valdiano. Fuori Francesco Tudisco e dentro l’argentino Pedro Pablo Pasculli, campione del mondo con l'Argentina nel 1986. Fatale per Tudisco è stata la sconfitta patita con il Costa d'Amalfi. L’ex calciatore della Salernitana era arrivato in sostituzione di Salvatore Nastri. Ora che, dopo i quattro punti delle prime tre gare, sono arrivate filato quattro sconfitte e la società ha deciso di interrompere il rapporto.

Sport

Week end avaro di emozioni per le compagini a noi vicine. Cade ancora il Valdiano, sconfitto 2 a 1 fuori casa contro il Costa d’Amalfi. La cronaca del match: allo scoccare del primo quarto d’ora di gioco arriva il vantaggio dei padroni di casa con Marino, poi il monologo bianco azzurro non finalizzato. A nulla è valso il pareggio dell’11 di mister Tudisco, al 1’ della ripresa, con Coquin, abile ad insaccare su corta respinta del portiere avversario. 5 minuti dopo, infatti, è arrivata la rete dei padroni di casa ad opera di Vallefuoco che, di fatto, ha chiuso in anticipo la partita.

Gli azulgrana restano in zona retrocessione e orfani di punti in questo 2019, ma anche di Piero Di Candia, ormai un ex del Valdiano. Le sue dimissioni dalla carica di socio e consigliere sono giunte alla società poco più di una settimana fa, anche se nell’aria da diverso tempo. Il dirigente teggianese, raggiunto da noi telefonicamente, ha ribadito la sua volontà di farsi da parte, complici i risultati negativi e le divergenze di vedute con gli altri stati generali della squadra. Di Candia ha deciso di mollare dopo una lunga riflessione, resosi conto di non poter esprimere al meglio le sue idee, molto ambiziose si, ma anche realizzabili con una progettazione seria e calibrata che, perché no, avrebbe potuto portare nel giro di pochi anni al salto di categoria. Ma non solo “campo”.

In cantiere c’era anche l’aspetto merchandising azulgrana, così da ottenere ulteriori introiti e, soprattutto, avvicinare la gente del comprensorio al movimento, coinvolgendo tutti, teggianesi e non, come avviene anche in altre realtà italiane non più grandi della nostra. Il potenziale c’era tutto e volendo ci sarebbe ancora, ma senza partire per gradi con una solida organizzazione non si arriva lontani. E il giovane Piero, compreso che questo sogno non si sarebbe potuto realizzare, ha deciso di farsi da parte, ringraziando tutti e augurando le migliori sorti al Valdiano, deciso comunque a coltivare il suo credo, aspettando solo il progetto giusto per rimettersi in gioco.

Federico D’ALESSIO

Sport

Tra poche ore un nuovo fine settimana di sport. Partendo dalle designazioni arbitrali, importanti impegni aspettano i fischietti nazionali della sezione AIA di Sala Consilina. Domani pomeriggio, Manuel Robilotta sarà di scena in serie B per Brescia – Spezia mentre, in mattinata, Ivan Robilotta arbitrerà la sfida tra Cagliari ed Inter per il Campionato Primavera, con la diretta visibile su Sportitalia. Sempre nella stessa giornata, Cristian Robilotta sarà in campo per Massese Ponsacco di serie D girone E.

Per quanto riguarda le formazioni a noi vicine, nel Campionato di Eccellenza girone B, un nuovo incontro ostico attende il Valdiano guidato da Tudisco. Gli azulgrana, dopo l’ennesimo passo falso casalingo con l’Eclanese, questa volta dovranno vedersela in trasferta con il Costa d’Amalfi, compagine attrezzata per lottare fino alla fine a salire in serie D. L’impegno è proibitivo, ma visto la classifica, che vede i valdianese in piena zona retrocessione, il risultato a cui puntare è uno solo: la vittoria. Tra defezioni e infermeria non sarà facile, ma a questo punto del torneo bisogna mettere fieno in cascina per lottare fino all’ultimo a mantenere la categoria.

Scendendo in Promozione, invece, il Buccino Volcei in piena zona play off cercherà i 3 punti esterni contro la Sanmaurese distante solo due lunghezze, per dare continuità alla vittoria casalinga di sabato scorso e restare in scia delle prime della classe. Uno scontro diretto che dirà finalmente se i gialloneri sono pronti a lottare per la vittoria del Campionato.

Federico D’ALESSIO

 

Sport

Una giornata da incorniciare e ricordare a lungo, quella svoltasi ad Ostia sabato scorso. Grande successo ed emozioni, infatti, al centro olimpico FIJLKAM (la federazione sportiva Italiana riconosciuta dal CONI) “Matteo Pellicone” per la squadra di Kumite Assoluti della rappresentativa Campania, di cui ha fatto parte l’atleta Emanuele Sarnataro, tesserato presso la Universal Center di Napoli e direttore tecnico del Team Sarnataro karate che opera a Melito e a Teggiano.

Il giovane atleta d’adozione valdianese, dopo il titolo italiano per club conquistato lo scorso mese di novembre, aggiunge alla propria, già folta, bacheca anche il titolo italiano per rappresentative regionali. La squadra campana era composta da Giovanni Marino, Luca Mennillo, Alessio Faraone, Emanuele Sarnataro, William Wierdis, Giuseppe Tesoro e Biagio Nettore, e si è laureata Campione D’Italia dopo aver battuto nettamente gli avversari. 3 a 0 la rappresentativa Calabria ai quarti, 3 a 1 quella del Piemonte in semifinale e 3 a 0 in finale la selezione della regione Lazio. Un risultato prestigioso per tutto il movimento del territorio, espressione del costante impegno di questi giovani sportivi nella disciplina, che darà ulteriori stimoli per il futuro, nella consapevolezza di aver già fatto un qualcosa di straordinario a livello nazionale.

Ogni anno questa gara chiama a sé i migliori atleti di ogni regione selezionati dai propri Centri Tecnici Regionali (CTR) per confrontarsi in una sorta di Coppa Italia della disciplina che andrà così ad aprire l’anno sportivo. I CTR sono stati creati con lo scopo di selezionare, formare e addestrare gli atleti che abbiano i requisiti strutturali, funzionali e tecnico-tattici per affrontare competizioni di alto livello.  Operano secondo i programmi tecnici emanati dal Direttore Tecnico Nazionale, in funzione di una programmazione quadriennale e di una periodizzazione annuale che va da settembre a maggio. Il Campionati Italiano per Regioni è il culmine dell’attività svolta, segnato a calendario proprio ad inizio anno. 

Federico D’Alessio

 

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.