Spettacoli

Spettacoli

Un programma ricco con diversi ospiti e 4 location dislocate tra Padula, Atena Lucana, Teggiano e Sala Consilina. E’ la nuova edizione del Toko Film Fest in programma dal 29 luglio al 1 agosto. La formula itinerante porterà gli spettacoli tra il Battistero di San Giovanni in Fonte a Padula, piazza Caduti per la Pace ad Atena Lucana, piazza San Martino a Teggiano e, come da tradizione, la Chiazzaredda di Sala Consilina.

La serata di apertura vedrà l’attore Valerio Aprea, noto principalmente per le sue partecipazioni in Boris e Propaganda Live, portare in scena “Gola e altri pezzi brevi” di Mattia Torre. Il cortometraggio “I am afraid to forget your face”, Palma d’oro a Cannes 2020, sarà parte del contest insieme al resto del primo blocco. Tra gli altri ospiti Matteo Tiberia, autore del programma di Rai 2 “Una pezza di Lundini”.

Il 30 Luglio si partirà dal pomeriggio con un incontro tra operatori culturali sulle strategie di sviluppo per il territorio, nel centro storico di Atena Lucana, che verrà trasmesso in streaming sui canali social del festival. Saranno presenti rappresentanti di realtà culturali tra Campania e Basilicata, tra cui il presidente del Coordinamento Festival Cinematografici Campani, Giuseppe Colella. La serata aperta al pubblico partirà dalle 21.00 in Piazza Caduti per la Pace e vedrà lo storyteller Giuseppe Jepis Rivello portare in scena un monologo sul tema del Festival, Stacco.

Il 31 luglio alle 18.00 Alessio Giannone, in arte Pinuccio presenterà il suo libro “Annessi e connessi. La vita al tempo dei social” presso il Gran Caffè Trezza a Teggiano. L’evento riprenderà alle 21.00, nel centro storico di Teggiano. Tra gli ospiti, i giurati Daria D’antonio, direttrice della fotografia per grandi registi quali Paolo Sorrentino, Cristina Comencini, Jasmine Trinca, Valerio Mieli, e Giuseppe Bonito, regista salese di “Pulce non c’è” e “Figli”.

La serata conclusiva si terrà a la Chiazzaredda di Sala Consilina con inizio alle 21.00. Il pubblico del festival incontrerà le attrici Cristina Cappelli e Claudia Tranchese, entrambe protagoniste nella serie Generazione 56K su Netflix. Seguirà l’incontro con Alessio Giannone e infine la premiazione dei cortometraggi vincitori.

Antonella D'ALTO

Spettacoli

Attesa per il nuovo debutto del soprano di Polla Valentina Mastrangelo nei panni di Hanna Glawari ne La vedova allegra, in programma al Teatro Verdi di Trieste il 23, 24, 25 e 27 luglio. “Il ruolo della protagonista mi vedrà impegnata oltre che nel canto anche nella prosa e nel ballo”, ha spiegato Valentina Mastrangelo, in questi giorni alle prese con le prove per l’Operetta in tre atti su libretto di Victor Léon e Leo Stein, per la regia di Oscar Cecchi, con direzione del maestro Christopher Franklin.

Uno spettacolo importante che il soprano di Polla sta preparando in contemporanea con un altro allestimento in cartellone in questi giorni al Teatro Comunale di Bologna. Si tratta de La Bohème di Puccini, per la regia di Graham Vick e diretta da Francesco Ivan Ciampa. Valentina Mastrangelo, nel ruolo di Musetta, dopo le prime date in scena tra fine giugno e inizio luglio, sarà nuovamente sul palco del Teatro Comunale di Bologna il 4, il 6 e l’11 agosto. Un personaggio che il soprano di Polla, secondo le recensioni, “interpreta, coerentemente con la versione del regista, una Musetta “sopra le righe”, esibizionista, forse, di fatto una ragazza che non disdegna le attenzioni e che ama avere gli sguardi altrui puntati addosso. Vocalmente sfoggia un bel timbro chiaro e un buon controllo del mezzo: si segnala, in particolare, la buona riuscita della parte finale del valzer di secondo atto “Quando men vo’ “, dove l’acuto viene smorzato in un pianissimo ben appoggiato”.

In attesa delle prossime date de La Boheme, dunque, Valentina Mastrangelo prepara il ruolo di Hanna Glawari ne La vedova allegra, in scena dal 23 luglio. “Torno a cantare a Trieste dopo il successo dell'Onegin di Tchaikovsky nel 2017 con la direzione di Carminati”, ha affermato l’artista, fortemente voluta a Trieste per questo debutto.

Antonella D'ALTO

 

 

Spettacoli

Sono riprese ieri, dopo uno stop di 15 mesi a causa della pandemia, le attività culturali promosse dall'associazione I Ragazzi di San Rocco che si prepara anche a celebrare i suoi 30 anni di attività.

Ieri sera presso l’Arena Cappuccini si è svolto il concerto della Caravaggio Blues Band, che è tornata ad esibirsi a Sala Consilina dopo 20 anni, quando suonò nell’ambito di una delle prime edizioni del Festival Blues & dintorni. Una serata che si è aperta con i saluti dell'amministrazione comunale rappresentata dall'assessore alle politiche giovanili Francesco Spinelli e dal vicesindaco Gelsomina Lombardi.

Entrambi hanno posto l'accento sull'importanza della ripresa delle attività culturali post pandemia e sul lavoro svolto dall'associazione I Ragazzi di San Rocco, supportata anche dai giovani di Radio Lasagne Verdi. L'evento apre una serie di altri appuntamenti tra cui una serata dedicata alla celebrazione del trentennale dell'associazione, come ha spiegato Carlo Maucioni.

Antonella D'ALTO

Spettacoli

L’associazione I Ragazzi di San Rocco di Sala Consilina torna ad organizzare eventi artistici dopo il fermo di 15 mesi dovuto al covid-19. Giovedì 15 luglio, alle 20,30, presso l’Arena Cappuccini ci sarà il concerto della Caravaggio Blues Band.

L’evento è organizzato nell’ambito delle celebrazioni del trentennale dell’associazione I Ragazzi di San Rocco, nel luogo dove si tenne l’appuntamento ambientale Lasagne Verdi, che portò alla costruzione dell’Arena Cappuccini e poi del Teatro Mario Scarpetta. Composta da Dario Brienza, Sal Genovese, Olindo Linguerri e Renato Pezzano, la band che è attiva dai primi anni 2000 e ha all'attivo due dischi, tornerà ad esibirsi nell’Arena Cappuccini dove già aveva portato il verbo del rock e del blues nell’ambito di una delle prime edizioni del glorioso Festival Blues & dintorni.

Il concerto di giovedì sera avrebbe dovuto chiudere la XXIV edizione della rassegna Teatro in Sala, interrotta poi a metà del suo svolgimento a marzo 2020, a causa dell’emergenza covid. I Ragazzi di San Rocco, però, si erano ripromessi di offrire appena possibile al pubblico degli appassionati la musica della Caravaggio Blues Band, storica formazione lucana, il cui repertorio spazia dai classici del blues acustico al blues elettrico moderno, passando per Hendrix, con puntate nel country blues. Promessa dunque mantenuta con l’organizzazione di uno spettacolo coinvolgente ed energico, a cui I Ragazzi di San Rocco invitano a partecipare anche in quanto festa del ritorno delle attività di spettacolo a Sala Consilina.

“Il concerto di giovedì sera – hanno spiegato dall’associazione - segna il ritorno alla normalità che è fatta di incontri, confronto, ascolto, partecipazione; insomma, vita in comune, vita di comunità. Abbiamo fortemente voluto che l’evento si tenesse all’Arena Cappuccini, dove quasi trent’anni fa si tenne la manifestazione Lasagne Verdi, che diede il via al movimento d’opinione che ha condotto alla costruzione del Teatro Comunale Mario Scarpetta. Inoltre siamo felici che tutto questo accada nel trentennale della fondazione de I Ragazzi di San Rocco”.

L’evento, che gode del patrocinio del comune, si svolgerà nel pieno rispetto delle misure anticontagio e assicurando il distanziamento tra i posti a sedere. Pertanto, è gradita la prenotazione telefonando al numero 3498713124. L’ingresso è gratuito.

Antonella D'ALTO

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.