Sanità

Sanità

aslsalerno2

Altri Patronati hanno firmano la convenzione con l’Asl Salerno per le procedure di esenzione ticket da reddito, istituita dall’Azienda al fine di evitare disagi all’utenza. Ad essere oggi già operativi nelle sedi territoriali, qua nel comprensorio, sono l’INCA CGIL di Sala Consilina e l’ENCAL INPAL di Teggiano. Oltre a quelle della UIL di Sala Consilina, ENAC di Sassano e EPACA COLDIRETTI di Sala Consilina che avevano aderito subito.

Sanità

Visite gratuite per le donne per un'intera settimana, fino al 18 aprile, all'Ospedale Immacolata di Sapri, grazie all'iniziativa “Open week” - “Porte aperte” negli Ospedali “Bollini Rosa”. Il nosocomio saprese è stato infatti premiato dal Ministero della Salute col “Bollino Rosa”, e in occasione della quarta Giornata Nazionale della Salute della Donna in programma lunedì 22 aprile, partecipa alla settimana di visite gratuite dedicate alle donne.

L'iniziativa si svolge in altri 306 Ospedali dislocati su tutto il Territorio Nazionale e rientra nell'ambito del programma “ospedale-Open Week” conosci, previeni, cura. Tantissime le branche specialistiche per cui sono previste prestazioni e visite gratuite per le donne, fino al 18 aprile, tra queste la ginecologia e ostetricia, ma anche la senologia e l'oncologia, nonché la diabetologia, le malattie e i disturbi dell’apparato cardio-vascolare, esami di laboratorio come la celiachia, le malattie metaboliche dell’osso e ortopedia. Particolare attenzione anche al tema della violenza sulla donna, per il quale dal 2014, è attivo il “Codice Rosa” per la “Violenza di genere”. 

L'ospedale Immacolata di Sapri, diretto dal dott. Rocco Mario Calabrese, è l'unico in tutta l’Azienda Sanitaria Salerno, ad essere stato insignito del Bollino Rosa, riconoscimento che la Fondazione Onda, osservatorio nazionale sulla salute delle donne, attribuisce dal 2007 agli ospedali italiani ‘vicini alle donne’, che offrono servizi dedicati alla prevenzione, diagnosi e cura delle principali patologie femminili. In occasione della quarta edizione della campagna, l'ospedale saprese ha deciso di proseguire e perfezionare l’offerta sanitaria che offre alla sua variegata utenza del golfo di Policastro, degli altri territori della Campania ma anche della vicina Basilicata ed alta Calabria.

Antonella D'ALTO

 

Sanità

Lega e M5S non trovano la quadra sulla questione sanità in Campania. Oggi a Roma il tavolo di verifica quadrimestrale del Piano di rientro a cui prenderanno parte la Regione e i Ministeri della Salute e dell’Economia e durante il quale spetta a Vincenzo De Luca dimostrare di aver lavorato bene.

Intanto nei giorni scorsi nulla è stato deciso in Consiglio dei Ministri circa la sostituzione del governatore nel ruolo di Commissario. Sostituzione per cui stanno spingendo dal M5S ma su cui la Lega pare non essere d’accordo.

C’è in queste ore un fuoco incrociato di dichiarazioni, come riporta IlMattino, scatenato proprio dalle parole del leghista Massimo Garavaglia, viceministro all’Economia con delega sui Piani di rientro: “Il Mef – ha sostenuto – tecnicamente non ha più motivo di commissariare la sanità campana”.

Potrebbe arrivare quindi per De Luca la certificazione non solo di un bilancio della Sanità in pareggio per il quinto anno consecutivo ma anche del superamento della sufficienza nella pagella 2018 dei Lea (Livelli essenziali di assistenza) arrivata a 163 punti (su 160 che è il minimo fissato).

A livello nazionale non ci sta il ministro della Salute Giulia Grillo: “È sconcertante e irrazionale – dichiara – la posizione del viceministro Garavaglia visto che proprio il ministero dell’Economia mi ha inviato una lettera in cui chiede di concertare la nomina di commissario e subcommissario di Campania e Lazio. Non si comprendono le ragioni di questo dietrofront”.

“Delle due l’una – incalza la senatrice Maria Domenica Castellone, capogruppo del M5S in Commissione Igiene e Sanità - o Garavaglia non ha contezza dello stato in cui versa il settore in Campania o dalla Lega è partito l’ordine di scuderia di tendere una mano a De Luca”.

“Si prefigura un vergognoso inciucio che - le fa eco Valeria Ciarambino, consigliere regionale del M5S - potrebbe sancire un possibile accordo in Campania tra il partito di Salvini e il governatore De Luca in vista delle regionali 2020”.

Pronta la replica del segretario della Lega in Campania Gianluca Cantalamessa: “Ci deludono le irresponsabili illazioni di alcuni esponenti pentastellati su presunti accordi tra noi e il Pd. Negli ultimi 4 anni sono stati rispettati i vincoli di bilancio, se il dato è confermato non ci sarebbe necessità di commissariare De Luca. Altro discorso è la questione dei Lea. Non si stanno rispettando i minimi da vari anni. Valutiamo tutte le ipotesi, incluso il commissariamento delle singole strutture senza toccare le eccellenze. Non ci interessano le poltrone ma la salute dei cittadini”.

 

Rosa ROMANO

 

Sanità

L’Asl Salerno in una nota fa sapere che sono già operativi i primi soggetti aderenti alla convenzione stipulata con alcuni patronati sul territorio provinciale, allo scopo di evitare disagi all’utenza per le procedure di esenzione ticket per l’esenzione da reddito. Sono già operativi EPASA-ITACO, UIL, ENAC, COLDIRETTI-EPACA e LABOR CONFEURO. Sul territorio del Vallo di Diano i cittadini per le procedure di esenzione del ticket potranno rivolgersi alla sede UIL di Sala Consilina, alla sede ENAC di Sassano, presso la sede EPACA COLDIRETTI di Sala Consilina. Tante altre le sedi distribuite sul territorio cilentano e salernitano.


L’accordo, promosso dalla Struttura Commissariale, consentirà agli utenti di evitare i disagi legati allo spostamento per raggiungere sedi distrettuali, spesso distanti dalla residenza abituale, e le lunghe file di attesa che ogni anno si registrano agli sportelli dei distretti sanitari, in occasione di questo adempimento.


A breve saranno attivi anche diversi altri soggetti che hanno aderito alla convenzione stipulata dall’Asl, vale a dire ENASC, INAS CISL, SENAS, AIC, ACAI ENAS, EPAS, INPAS, SIAS, CGIL, ENAPA Confagricoltura, ENCAL INP, ENCAL CISAL.


L’Asl Salerno ricorda ai cittadini che chi deve rinnovare l'esenzione Ticket per motivi di reddito si può rivolgere al proprio Medico Curante, per verificare se è già presente nell'elenco delle persone a cui e' stata automaticamente certificata l’esenzione per reddito dal Ministero dell'Economia.
Chi non è presente in tale elenco, ed ha bisogno in tempi brevi di usufruire dell'esenzione, può rivolgersi al proprio Distretto Sanitario. Hanno diritto al l’esenzione i bambini con meno di 6 anni e gli anziani con più di 65 anni e reddito familiare inferiore a 36.151,98 euro, i disoccupati e i titolari di pensione al minimo con più di 60 anni con reddito inferiore a 8.263,31 euro, incrementato a 11.362,05 euro in presenza del coniuge.


Nella nota dell’Asl si ricorda inoltre che chi non ha particolare urgenza di usufruire di prestazioni, potrà rivolgersi agli sportelli del Distretto Sanitario in qualunque momento dell'anno.

Antonella D'ALTO

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.