Sanità

Sanità

ospedale polla

 

Buone notizie per Polla e Sapri dalla Regione. L'incontro di oggi tra la Regione Campania e il Minsitero della Salute ha portato gli esiti sperati. Arriva infatti l'ok alla modifica del Piano Ospedaliero e, inoltre, la salvezza dei Punti Nascita di Polla e Sapri che rientrano così nei DEA di I Livello. A darne notizia il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca che in una nota stampa annuncia la notizia frutto di un intensa giornata di confronto tra Minsitero della Salute e referenti regionali

 

"Dopo un lavoro di approfondimento, di discussione, di confronto serrato con le strutture centrali del Ministero, - annuncia il presidente De Luca - e’ stato approvato il Piano Ospedaliero definitivo della Regione Campania. A un decennio dal vecchio Piano che prevedeva tagli drammatici di strutture e chiusure di interi ospedali, viene approvata una programmazione ospedaliera equilibrata, seria e rigorosa che tiene conto delle esigenze dei territori e tutela fino in fondo del diritto alla salute dei nostri concittadini. Il nuovo Piano Ospedaliero, tra l’altro, prevede - come già richiesto in deroga dalla Regione ad aprile scorso, i punti nascita di Sapri, Polla e Piedimonte Matese, inseriti in Dea di I livello.

Quello di oggi - prosegue - è un passaggio di straordinario valore che consente di definire in pochi giorni, il Piano dettagliato per l’assunzione del personale e la stabilizzazione delle centinaia di precari in attesa da anni e anni.

Nel corso di questa giornata, prima della riunione del tavolo tecnico che ha approvato il Piano Ospedaliero, si è svolto l’incontro tra la delegazione della Conferenza delle Regioni e il Ministro della Salute, in vista della riunione che ci sarà nei prossimi mesi per la definizione  del Patto per la Salute che servirà a definire l’intesa tra Governo e Regioni sulla programmazione sanitaria. Nel corso dell’incontro con il Ministro, tra le varie cose, abbiamo sottolineato l’elemento di novità che la Campania ha prodotto venerdì scorso con l’invio del Piano Triennale necessario per il superamento del Piano di Rientro. In un clima di serenità e rispetto, ispirato alla concretezza e a valutazioni di merito, il Ministero si è riservato di valutare questo elemento di novità intervenuto venerdì scorso”.

A fronte di questo risultato il Presidente De Luca ha rivolto il proprio ringraziamento  all’intera struttura tecnica della Regione Campania, ai dirigenti delle Asl e delle Aziende ospedaliere per la collaborazione assicurata e per l’importante lavoro di svolta e riorganizzazione pienamente in corso nella sanità campana, ormai risanata sul piano finanziario. “E’ acquisito, per il 2017,  - aggiunge De Luca - un punteggio nella griglia Lea pari a 152 punti, che rappresenta un incremento che ha dell’incredibile di quasi 50 punti in relazione al 2015. Con questo spirito di concretezza e rinnovamento proseguirà il lavoro nei prossimi mesi, per una sanità sempre più vicina ai bisogni dei cittadini e delle famiglie”.

Anna Maria Cava

 

Sanità

Il presidente della Commissione sanità al Senato, Pierpaolo Sileri, commenta la situazione della sanità campana dopo il via libera del Senato alla "norma anti De Luca", annunciando che si andrà verso un nuovo commissariamento.

Vincenzo De Luca continua a ritenere che "le logiche del commissariamento non hanno più nessuna motivazione oggettiva per stare in piedi". A sostegno della sua tesi cita l'innalzamento dei livelli essenziali di assistenza, Lea, e ribadisce di aver rimesso i conti in ordine e di aver posto le basi per la rinascita del settore. Ragioni per cui il commissariamento non è più necessario.

Il Ministro della Salute, Giulia Grillo, non è dello stesso parere quando afferma che “la Campania deve fare ancora molto per uscire dal commissariamento anche se un salto in avanti c’è”.

Stando così le cose, una volta ripristinata l’incompatibilità tra commissario e governatore, arriverà un nuovo tecnico. Sarebbe l'undicesimo anno consecutivo il commissariamento della Sanità regionale. Proprio su questo è intervenuta la Consulta che ha bocciato la gestione commissariale della sanità in Campania – riporta LaCittà – per la durata record associata al fallimento degli obiettivi. "Questa Corte non può esimersi – scrivono i giudici – dal rilevare l’anomalia di un commissariamento della sanità regionale protratto per oltre un decennio, senza che l’obiettivo del risanamento finanziario sia stato raggiunto, con tutte le ripercussioni che esso determina anche sugli equilibri della forma di governo regionale, a causa del perdurante esautoramento del Consiglio e della stessa Giunta a favore del Commissario ad acta, soprattutto quando è impersonato dal Presidente della Giunta, in un ambito cruciale per il governo della Regione”.

Rosa ROMANO

Sanità

Lo scorso fine settimana l’Asl di Salerno ha promosso uno screening oculare gratuito per la prevenzione della maculopatia (o degenerazione maculare). È la più frequente causa di perdita della vista nei Paesi industrializzati, in Italia ne sono affetti almeno 1mln di soggetti. L’iniziativa è partita dal Dipartimento delle Chirurgie Specialistiche, 4 le strutture dell’Asl interessate: il P.O. “Maria SS. Addolorata” di Eboli (UOC di Oculistica, diretta dal dott. Giovanni Iovieno); l’“Umberto I” di Nocera Inferiore (UOC di Oculistica, diretta dal dott. Raffaele Contursi); il “San Luca” di Vallo della Lucania (UOC di Oculistica, diretta dal dott. Carmine Agresta); P.O. “Luigi Curto” di Polla (UOSD di Oculistica, diretta dal dott. Alfonso Pellegrino).

In quest’ultima struttura nella giornata di prevenzione il dott. Pellegrino ha effettuato le visite insieme con il dott. Vincenzo Gagliardi, il dirigente medico della sezione Retina. La proposta dell’Asl è stata apprezzata e contraddistinta da una buona partecipazione, il che testimonia la crescente sensibilità della gente sui problemi legati alla salute.

Tali iniziative sono importanti per le diagnosi precoci ma anche utili a diffondere conoscenza e tenere alta l’attenzione su malattie evitabili se riconosciute per tempo. In questo caso era stato individuato un target specifico, i pazienti con più di 40 anni di età, colpendo, la patologia, soggetti da quell’età in avanti. Sui pazienti i dottori Pellegrino e Gagliardi hanno praticato l’OCT (tomografia ottica a radiazione coerente), un esame non invasivo che fornisce delle immagini ad elevata risoluzione di scansioni a strati (tomografiche) della cornea, della parte centrale della retina (macula) e della testa del nervo ottico (papilla). Prevenire la malattia dunque si può, è il riconoscimento precoce che consente di arrestarne o rallentarne il progredire.

Le interviste al dott. Alfonso Pellegrino e al dott. Vincenzo Gagliardi

Rosa ROMANO

 

Sanità

ASL VISTA SCREENING

Dall'ASL di Salerno una nuova campagna di prevenzione per il fine settimana in diversi ospedale della provincia. Domenica 9 dicembre sarà la giornata dedicata alla prevenzione della degenerazione maculare con la possibilità di effettuare screening gratuiti presso le unità operative di oculistica degli ospedali salernitani. 4 i presidi che aderiranno alla giornata di prevenzione che vedrà a disposizione dei pazienti: l'UOC di Oculistia del Maria SS Addolorata di Eboli diretta dal dott. Giovanni Iovieno; l'UOC di Oculistica dell'Umberto I di Nocera diretta dal Dott. Raffaele Contursi; l'UOSD di Oculistica del Luigi Curto di Polla diretta dal Dott. Alfonso Pellegrino e l'Unità Operativa Complessa del San luca di Vallo della Lucania diretta dal Dott. Carmine Agresta. L'iniziativa, organizzata dal Dipartimento delle Chirurgie Specialistiche è rivolta a utti i pazienti che abbiano compiuto i 40 anni di età e punta ad intervenire contro una patologia che, nei paesi industrializzati, rappresenta la causa primaria di perdita della vista. Le visite, gratuite, con accesso diretto e senza prescrizione, saranno eseguite presso gli ambulatori delle predette unità operative nella fascia oraria 8.00/14.00. Ai pazienti sarà praticato l’OCT (tomografia ottica a radiazione coerente), che è un esame non invasivo che fornisce delle immagini ad elevata risoluzione di scansioni a strati (tomografiche) della cornea, della parte centrale della retina (macula) e della testa del nervo ottico (papilla).  

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.