Sanità

Un caso di embolia polmonare come complicanza della polmonite da covid19 si è presentato, nei giorni scorsi, al Luigi Curto di Polla dove un 33enne è stato salvato dal primario di Cardiologia, il dott. Silvio Saponara. 

Il giovane sta bene, si trova ora ricoverato nel reparto covid del nosocomio valdianese.

Si può dire una storia a lieto fine da cui emergono due evidenze: da un lato c'è un intervento chirurgico di grande importanza scientifica eseguito dal primario Saponara, un’embolia polmonare da Covid-19 che senza questo intervento tempestivo avrebbe potuto causare la morte del ragazzo, dall'altro lato c'è il macchinario per processare i tamponi, arrivato da poco a Polla, che non è attendendibile negli esiti.

Il ragazzo infatti era primo risultato negativo al tampone rapido eseguito nell'Ospedale. Dopo l’intervento si sono presentati sintomi tra cui la febbre che hanno portato i sanitari a richiedere un secondo tampone, questa volta molecolare e processato al Ruggi, a cui è risultato positivo. Dopodichè è stato fatto un secondo tampone rapido con il macchinario dell'ospedale e ha ridato esito negativo. 

"Tutti sono tutelati al Luigi Curto che - assicura il primario Saponara - resta un luogo sicuro. L'UTIC, rimasta chiusa per un giorno, ora è aperta a tutti. Sanificate le altre zone e il personale si è sottoposto a tampone".

A Polla si resta in attesa del nuovo annunciato macchinario per i tamponi che assicura un maggiore grado di attendibilità.

 

Rosa ROMANO

 

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.