Sanità

puntonascit 

Sulla vicenda che ha tenuto col fiato sospeso i territori del Vallo di Diano re Golfo di Policastro relativa all'attività dei Punti Nascita e a seguito della nota del Commissario ASL Ierivolino che ne ha sancito il mantenimento dell'operatività, si registra l'intervento dei Vice sindaco di Caselle in Pittari Giampiero Nuzzo che attacca sia la Regione che il Movimento 5 stelle per quanto accaduto dopo il decreto di chiusura. "Abbiamo assistito - scrive Nuzzo - una settimana fa all’affannosa corsa da parte di tanti per ringraziare chi i pentastellati del sen. Castiello, chi il governatore De Luca per la scongiurata chiusura dei punti nascita. Come ebbi modo di dire allora, la mancata soppressione degli stessi sarebbe avvenuta non per le promesse o i proclami vari tra cui Sapri e Polla DEA di primo livello, o passerelle fatte dai politici di turno, ma semplicemente per la mancanza di un piano alternativo al provvedimento di novembre che ne decretava la chiusura. Per questo motivo, - continua Nuzzo - e non per merito dei politici, è arrivato puntuale il provvedimento di deroga del commissario Iervolino, su proposta del direttore sanitario, che con senso di responsabilità ne ha scongiurato appunto la soppressione. Questa è la realtà dei fatti. Se poi - conclude duro il vicesindaco di Caselle in Pittari - qualcuno vuol credere o far credere al regalo di babbo natale con le sembianze del sen. Castiello o di De Luca è libero di farlo"

Anna Maria CAVA

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.