Sanità

Sanità

alt

Il direttore generale, Antonio Squillante, ha adottato l'atto deliberativo inerente la sottoscrizione di un protocollo d'intesa tra l'Asl Salerno, l'Associazione VAMOS Onlus (Volontari per l'Assistenza ai Malati Oncologici e non Solo) e il Piano di Zona S5, finalizzato all'implementazione, nel Distretto Sanitario di Sala Consilina, delle cure domiciliari di terzo livello e palliative.
"Con tale protocollo d'intesa - ha dichiarato il manager Squillante - sviluppiamo la rete delle cure palliative e domiciliari nell'Area sud dell'Azienda. Questa iniziativa, pertanto, costituisce un altro tassello del nostro obiettivo di potenziamento della rete assistenziale domiciliare su tutto il territorio provinciale. L'Asl Salerno dispone di una rete, unica in ambito regionale, come sottolineato in documenti della Regione Campania e dal positivo giudizio espresso pubblicamente dal governatore on.le Stefano Caldoro in occasione di una recente visita a Salerno. La presenza di tre Hospice nel territorio aziendale, a Salerno, ad Eboli e a Sant'Arsenio, unitamente all'assistenza domiciliare, che per il 70% è direttamente gestita, rappresenta un esempio assistenziale unico in tutto il Sud Italia. L'Azienda, inoltre, sta ridefinendo il suo modello organizzativo per adeguarlo alla domanda di assistenza proveniente dall'intera provincia di Salerno."

"In un momento di particolare criticità connessa alla disponibilità delle risorse - ha affermato il direttore del Distretto Sanitario di Sala Consilina, Antonio Lucchetti - siamo riusciti a riunire diversi soggetti interessati all'assistenza, presenti nel territorio del Vallo di Diano, l'Associazione VAMOS che mette a disposizione la sua raccolta di fondi attraverso la donazione del cinque per mille delle dichiarazioni dei redditi, permettendoci di acquisire attrezzature e mezzi logistici, il Piano di Zona S5 che si rende disponibile ad impiegare unità di personale e il Distretto Sanitario con le strutture e le risorse di personale attualmente esistenti, già potenziate in prospettiva per quanto concerne il personale medico. La centrale operativa sarà allocata presso l'Hospice di Sant'Arsenio, a cui i medici di Medicina generale potranno rivolgersi per attivare l'assistenza domiciliare oncologica o palliativa. Viene, dunque, costituita nel Distretto Sanitario di Sala Consilina la rete territoriale delle cure palliative, rappresentata sia dal livello assistenziale residenziale (Hospice di Sant'Arsenio) che da quello domiciliare."

Sanità


La Dussman Service, società che gestisce il servizio mensa negli ospedali dell'ASL di Salerno, annuncia l'avvio della procedura di mobilità per ben 22 addetti che impiegati negli ospedali del Cilento e Vallo di Diano. Ad essere colpiti dalla riduzione le strutture ospedaliere di Vallo della Lucania, Agropoli, Sapri e Sant'Arsenio

Sanità


La sanità del Vallo di Diano continua a preoccupare gli amministratori locali ed in particolare il comune di Sant'Arsenio che, per lunedì 20 a partire dalle ore 9,30 del mattino, ha indetto una mobilitazione generale a cui sono stati chiamati a partecipare oltre che gli amministratori locali, anche e soprattutto autorità civili, religiose e militari, Aziende , ditte ed imprese operanti sul territorio, studenti, professionisti, organizzazioni sindacali, rappresentanze di categoria, associazioni e gruppi di volontariato, e tutta la cittadinanza del Vallo di Diano. Lo stato di abbandono in cui versa ormai da tempo la struttura ospedaliera di Sant'Arsenio e le pesanti carenze organizzative che interessano l'ospedale di Polla, impongono importanti riflessioni e soprattutto sollecitazioni all'ASL di Salerno e alla Regione Campania affinché si attivino con interventi urgenti. Per tale ragione l'amministrazione comunale di Sant'Arsenio, guidata dal Sindaco Nicola Pica, ha indetto una manifestazione pubblica a cui sono chiamate a partecipare tutte le forze in campo e operanti sul territorio valdianese al fine di protestare verso quelle decisione che risultano sempre più penalizzanti per un territorio che continua ad essere interessato da atti programmatici che puntualmente vengono disattesi o che risultano comunque poco chiari. Il corteo di mobilitazione partirà lunedì 20 alle ore 9,30 dalla sede municipale di Sant'Arsenio per dirigersi, lungo la ex strada statale 426, verso la struttura ospedaliera santarsenese dove sono in programma gli interventi di rappresentanti istituzionali, sindacali e delle diverse organizzazioni che parteciperanno alla giornata di mobilitazione

Sanità


In attesa dell'incontro richiesto dai Sindaci del Vallo di Diano al direttore generale dell'ASL di Salerno Antonio Squillante sul futuro dell'Ospedale Luigi Curto di Polla, il primo cittadino pollese Rocco Giuliano, torna sulla questione e ribadisce la necessità fare chiarezza da parte dell'ASL di Salerno, sottolineando le difficoltà dovute soprattutto alla carenza di personale medico. Per Giuliano è necessario e urgente realizzare un piano di potenziamento come già previsto anche nell'atto aziendale.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.