Sanità

Sanità

È stata molto partecipata la giornata di visite preventive e di controllo promossa a Teggiano nell'ambito del progetto delle Giornate Mediche Dianensi. Presso il Saut di Teggiano, in località Prato Perillo, nel pomeriggio di ieri tantissime persone hanno usufruito del servizio messo a disposizione dall'Associazione Angela Serra di Salerno per l'effettuazione di visite senologiche gratuite per la prevenzione del tumore al seno.

Presenti sul posto, a disposizione delle tente donne che hanno voluto usufruire della giornata la Dott.ssa Giovanna D’Elia, chirurgo senologa presso l’ospedale di Polla, la Dott.ssa Maria Lamberti, chirurgo senologa presso la Breast Unit del San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona di Salerno, e dalla dottoressa Annamaria Cioffi, radiologa presso l’ospedale di Polla, che hanno aderito alla giornata gratuitamente e con la volontà di sensibilizzare verso controlli periodici e preventivi dei tumori che possono essere le prime e più importanti cure per combattere i tumori.

Il primo appuntamento delle Giornate Mediche Dinensi, patrocinato dal Comune di Teggiano, ha potuto contare su una intensa partecipazione, segno evidente che le iniziative, soprattutto se realizzate durante i giorni festivi, sono particolarmente attese e suscitano l'attenzione delle persone che, per motivi più disparati, non sempre hanno la possibilità di controllare il proprio stato di salute.

Decine e decine le persone presenti al pomeriggio di screening gratuiti. Presente sul posto anche Vincenzo D'Alto presidente del consiglio comunale di Teggiano che ha voluto ringraziare le dottoresse che si sono messe a disposizione per la realizzazione della giornata.

"Grande successo per la prima giornata della prevenzione senologica, -  commenta soddisfatto D'alto - sono state effettuate 43 visite e 30 ecografia. Un grande ringraziamento agli amici dell'associazione "Angela Serra" sez. di Salerno, alle Dottoresse G. D'Elia, M. Lamberti ed A. Cioffi per il tempo che ci hanno dedicato. Ringrazio inoltre chi ha permesso lo svolgimento dell'evento mettendoci a disposizione i locali e che ci hanno sopportato e supportato. È in programma una seconda giornata di prevenzione senologica, sarà mia cura informarvi "

Anna Maria CAVA

Sanità

Riparte da Salerno lunedì 23 settembre il tour della campagna "Ci prendiamo cura di te", realizzata dalla Regione Campania e promossa dall’Asl Salerno con l'obiettivo di incentivare l'adesione agli screening oncologici gratuiti. Diversi i controlli che si potranno effettuare a bordo di un truck attrezzato e brandizzato, con i medici dell'Asl Salerno, che lunedì stazionerà in piazza Casalbore dalle ore 9:00 alle 18:00, ma che poi toccherà vari comuni salernitani.

In particolare sarà possibile effettuare un pap-test: per le donne dai 25 ai 64 anni, prenotare gratuitamente la mammografia: per le donne dai 50 ai 69 anni, e ricevere informazioni ed orientamenti per il test del colon retto, per gli uomini e le donne dai 50 ai 74 anni. Il truck dell’Asl Salerno proseguirà il suo tour il 24 settembre ad Eboli in Piazza della Repubblica, poi sono previste tante altre tappe, ad esempio, arriverà nel Cilento, ad Agropoli il 30 settembre in piazza Vittorio Veneto, sarà a Sapri il 2 ottobre in Piazza Plebiscito e nel Vallo di Diano il 3 ottobre a Polla in Piazza Ritorto. Lo scopo è svolgere un’opera di informazione e prevenzione sul territorio, avvicinando i cittadini ed offrendo occasioni concrete di incontro, per promuovere la cultura della prevenzione attraverso l’adesione agli screening attivati dall’Azienda.

La campagna rientra nel programma “Mi Voglio Bene”, promosso dalla Regione Campania per sostenere la prevenzione offrendo un’assistenza diagnostica tempestiva, specializzata e gratuita. Controlli dedicati a donne e uomini residenti e domiciliati nelle cinque province campane che potranno usufruire gratuitamente di tre tipi di screening per la prevenzione del carcinoma alla mammella, al colon-retto, al collo dell’utero. Informazioni sul sito www.aslsalerno.it e la pagina Facebook Asl Salerno.

Antonella D'ALTO

Sanità

Da oggi sono fermi gli esami di diabetologia in regime convenzionato nell’ambito dell’Asl Sa. Sono già esauriti i tetti di spesa trimestrali ovvero le risorse da dare al privato accreditato per il periodo luglio-agosto-settembre.  Le convenzioni dovrebbero riprendere agli inizi di ottobre. Siamo a fine agosto e il problema si ripresenta. Lo stop agli esami di diabetologia va così a unirsi al blocco delle analisi del sangue (ferme dalla scorsa settimana), degli esami diagnostici e delle visite specialistiche come cardiologia e radiologia (dal 9 agosto), medicina nucleare (già dal 20 luglio) e radioterapia (dal 23 agosto).

Ora chi ha bisogno è costretto a pagare di tasca propria l'intero importo delle prestazioni sanitarie richieste non potendo più usufruire delle convenzioni, altrimenti deve inserirsi nelle liste d'attesa delle strutture pubbliche con i tempi ben noti a tutti. Oppure, l’altra triste scelta, è di rinunciare alle cure!

Anche per questo trimestre è stato rispettato il trend dei precedenti con l'esaurimento dei tetti di spesa un mese prima della naturale scadenza. È la novità della programmazione trimestrale ad aver mandato in tilt il sistema con continui ed insopportabili stop. Il monitoraggio trimestrale della spesa, nelle intenzioni, doveva evitare proprio il regolare blocco di esami e visite in convenzione e mantenere sotto controllo la spesa. Per ora i fatti raccontano che ha solo contribuito ad anticipare le criticità di un mese ogni trimestre. Fino allo scorso anno infatti, il mese di settembre ha rappresentato la linea di confine. Dal 2019 invece uno stop c’è stato già a marzo e a giugno.

Rosa ROMANO

Sanità

Pubblicato dall'istituto Superiore della Sanità lo studio su relazione tra esposizione a radiofrequenze emesse dai cellulari e patologie tumorali. Dagli ultimi dati presentati,  si rileva che non trovano conferme le ipotesi su possibili danni alla salute.

Nel rapporto pubblicato sul sito ufficiale dell'Istituto Superiore della Sanità lo scorso 22 luglio, infatti, relazionando sul lavoro svolto per analizzare gli effetti delle radiofrequenze, i ricercatori hanno constato che, l'esposizione a radiofrequenze da telefonini cellulari non favoriscono il sopraggiungere di tumori cerebrali e, più in generale, non porterebbero all'insorgere di altre tipologie di tumori.

Lo studio effettuato in un periodo che va dal 1999 al 2017, ha consentito anche di valutare gli effetti in base anche ai cambiamenti della tecnologia.Secondo quanto emerso pare che, l'esposizione si è notevolmente ridotta da 100 a 500 volte con il passaggio dal 2G al 3 e 4G che può ulteriormente ridursi attraverso l'uso di auricolari o sistemi di vivavoce.

Secondo lo studio effettuato da dall'Istituto della sanità inoltre, l'esposizione alle radiofrequenze si ridurrebbe ulteriormente laddove la copertura della rete è migliore. Nonostante siano aumentati nel tempo il numero degli impianti, dallo studio emergerebbe come in realtà l'emissione di radiofrequenze sia in realtà diminuita, probabilmente a seguito anche del passaggio dal sistema analogico al digitale.

Grazie quindi al deciso e rapido miglioramento della tecnologia, si riescono a ridurre in maniera drastica i rischi per la salute. Il possibile insorgere di patologie tumorali potrebbe derivare solo in caso di esposizione in contemporanea a radiofrequenze ed altri agenti cancerogeni. Ipotesi su cui si stanno effettuando studi e ricerche. In sintesi, nel rapporto ufficiale dell'Istituto Superiore della Sanità si legge:

"Dagli studi epidemiologici condotti sull’esposizione a campi elettromagnetici a radiofrequenze da telefoni mobili non si evidenziano un incremento del rischio di tumori cerebrali. Inoltre, essi non indicano un incremento del rischio di altri tumori nella regione della testa e del collo. Gli studi epidemiologici - si legge ancora - non indicano incrementi di rischio per altre neoplasie, inclusi i tumori infantili. Un gran numero di studi in vivo ben condotti e basati su un’ampia varietà di modelli animali hanno prodotto risultati prevalentemente negativi".

Anna Maria CAVA

 

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.