Sanità

Sanità

É attivo ufficialmente, da martedì 27 ottobre, il reparto Covid all'Ospedale di Agropoli. La dottoressa Rosa Lampasona, medico anestesista e rianimatore, traccia un bilancio di come procede il lavoro e come si sta organizzando l’ospedale per ampliare i posti letto.

CilentoCHANNEL

Sanità


L'ASL di Salerno pone fine alle polemiche nate a seguito dell'assegnazione dei macchinari per processare i tamponi negli ospedali salernitani. Dei macchinari in consegna, mancava l'apparecchiatura destinata all'ospedale Civile di Roccadaspide, assegnata, pare al Luigi Curto di Polla. Chiusa la discussione. L'Azienda sanitaria ha infatti disposto l'acquisto di un nuovo macchinario destinato proprio all'Ospedale di Roccadaspide che potrà così provvedere a processare i tamponi direttamente in loco. Nelle ultimi ore l'ASL di Salerno ha infatti avviato una procedura per l'acquisto di un nuovo macchinario da consegnare all'ospedale di Via Santa Palomba

Sanità

OSPEDALE-DI-POLLA

10 posti covid prossimi all'attivazione presso l'ospedale Luigi Curto di Polla. Anche il rpesidio ospedaliero pollesi inizia ad attivarsi per la gestione dell'emergenza in atto. Nelle scorse ore è stato consegnato il macchinario per l'esame dei tamponi prelevati presso il presidio ospedaliero per una risposta più rapida di eventuali contagi sul territorio. Altra importante notizia la prossima attivazione di 10 posti letto riservati alla gestione dei casi covid. L'autorizzazione è arrivata nella mattinata di oggi con l'attivazione ufficiale che dovrebbe avvenire entro la metà della prossima settimana.

Sanità

reparticovid

Per di potenziare ulteriormente la rete covid-19 pubblica l’Unità di Crisi della Regione Campania ha chiesto ai Direttori Generali delle Asl di "iconvertire tutti i reparti, per i quali in via temporanea si è provveduto alla sospensione delle attività di ricovero ospedaliero in elezione, in reparti covid-19 ed avviare processi organizzativi per dedicare ulteriori interi presidi ospedalieri ai pazienti covid”. “In questo ultimo periodo, si legge nella nota, si osserva un rapido incremento dei casi di infezione da covid-19 ed un repentino peggioramento della pandemia, compatibile con uno scenario di tipo III, così come definito dal Ministero della Salute e dall’Istituto Superiore di Sanità, con progressione maggiore in alcune regioni, tra cui la Campania. L’Unità di Crisi, lo scorso 15 ottobre, ha introdotto ulteriori misure per fronteggiare l’emergenza epidemiologica provvedendo a definire un potenziamento dell’offerta di posti letto della rete covid-19 pubblica. In considerazione della situazione pandemica che sta  evidenziando sempre più segnali di criticità dei servizi sanitari si è reso necessario sospendere in via temporanea, sia le attività di ricovero ospedaliero in regime di elezione, che le attività ambulatoriali non urgenti nelle strutture sanitarie pubbliche”.

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.