Sanità

Sanità

Il tema della prevenzione dei tumori ed in particolare del carcionoma alla mammella è stato tema di discussione nell'ambito del nuovo appuntamento delle giornate mediche dianesi promosse dall'amministrazione comunale di Teggiano. L'incontro di sabato scorso presso il complesso della SS Pietà di Teggiano è stato organizzato dall'Associazione Angela Serra sez. di Salerno.

Antonella D'ALTO

Sanità

Il tema della Sanità resta al centro del dibattito politico e non solo. Lo sforamento dei tetti di spesa e la mancanza di certezze in materia sanitaria in particolare sono stati protagonisti del fine settimana. A Sapri l'incontro promosso dal Comitato di Lotta per l'ospedale di Sapri. Tra i temi approfonditi la necessità di istituire nuovamente la Conferenza dei Sindaci dell'ASL. Intanto superamento tetti di spesa è stato il tema affrontato dall'ASPAT che chiede l'istituzione del Tetto Unico Regionale di Branca Specialistica.

Anna Maria CAVA

 

Sanità

Una signora di Teggiano denuncia le difficoltà riscontrate nell'effettuare esami diagnostici di particolare delicatezza presso l'ospedale di Polla, con l'aggravante di non poter usufruire di centri convenzionati visto l'esaurimento dei tetti di spesa da parte della Regione. La denuncia della donna parte dal momento della prenotazione degli esami. Nel rivolgersi al Centro Unico Prenotazioni per la prenotazioni di due diversi esami radiologici di controllo, scopre di non poter effettuare nessuno dei due esami presso l'Ospedale del territorio ma di doversi spostare a Sapri per la radiografia e a Vallo della Lucania o Eboli per la Risonanza Magnetica, peraltro con l'ulteriore beffa della lunghissima attesa, dato che la prima prenotazione utile era disponibile per fine di maggio o primi giorni di giugno.

"Mi sono attivata - spiega la signora - cercando di prenotare presso i centri radiologici convenzionati ricevendo però come risposta l'impossibilità ad effettuare l'esame di risonanza magnetica perché la Regione Campania ha sospeso le convenzioni". In particolare la donna lamenta l'impossibilità ad effettuare gli esami presso l'ospedale di Polla, parlando di un Vallo di Diano che muore ogni giorno. Dalla direzione sanitaria e dal reparto di Radiologia spiegano che ci si sta attivando per risolvere i problemi potenziando il servizio.

Per ciò che riguarda l'esame radiografico richiesto, una mammografia, è stato spiegato che al momento non è possibile effettuarlo a Polla la nuova e moderna strumentazione al momento non è ancora stata istallata. Il coordinatore del reparto di Radiologia Graziano Vocca, infatti, fa sapere che sono in corso i lavori di adeguamento delle sale dove sarà istallato il nuovo mammografo. Tali lavori dovrebbero concludersi entro la prossima settimana e il mammografo sarà istallato e quindi funzionante tra la fine di marzo e i primi giorni di aprile come assicurato dal direttore Luigi Mandia. Per ciò che riguarda invece la Risonanza Magnetica il Dott. Mandia chiarisce che, tale esame, non è possibile effettuarlo presso l'Ospedale di Polla in quanto l'apparecchio in dotazione non essendo di ultima generazione, non riuscirebbe comunque a rivelare nel dettaglio eventuali patologie. In questo senso, in particolare, assicurano dall'ospedale, ci si sta muovendo per far si che arrivi presso il presidio ospedaliero pollese un nuovo apparecchio di ultima generazione capace di offrire una diagnosi chiara, efficace e immediata.

Anna Maria CAVA

Sanità

La sanità del Vallo di Diano sul tavolo del Commissario dell'ASL di Salerno Mario Iervolino che nei giorni scorsi ha incontrato una delegazione proveniente del territorio tra cui il sindaco di Polla Rocco Giuliano e l'assessore regionale al turismo Corrado Matera per parlare delle criticità e del futuro del presidio ospedaliero pollese. Il primo cittadino di Polla manifesta la sua soddisfazione per l'incontro e per la disponibilità manifestata dallo stesso commissario nel tutelare e potenziare il presidio. Diversi i punti sul tavolo della discussione tra cui la volontà di puntare su alcune specialistiche già individuate per far si che il Luigi Curto venga individuato come eccellenza. I sindaci, inoltre, secondo quanto dichiarato da Rocco Giuliano, proprio a tal proposito, starebbero valutando l'ipotesi di affidare la programmazione sanitaria e il suo potenziamento ad un consulente esperto. Tra gli argomenti di cui si è discusso con il commissario anche l'ospedale di Comunità a Sant'Arsenio. Tra le richieste presentate anche la volontà di effettuare incontri periodici con i vertici di Via Nizza per valutare insieme le azioni per il potenziamento della sanità valdianese

Anna Maria CAVA

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.