Sanità

Sanità

reparticovid

Per di potenziare ulteriormente la rete covid-19 pubblica l’Unità di Crisi della Regione Campania ha chiesto ai Direttori Generali delle Asl di "iconvertire tutti i reparti, per i quali in via temporanea si è provveduto alla sospensione delle attività di ricovero ospedaliero in elezione, in reparti covid-19 ed avviare processi organizzativi per dedicare ulteriori interi presidi ospedalieri ai pazienti covid”. “In questo ultimo periodo, si legge nella nota, si osserva un rapido incremento dei casi di infezione da covid-19 ed un repentino peggioramento della pandemia, compatibile con uno scenario di tipo III, così come definito dal Ministero della Salute e dall’Istituto Superiore di Sanità, con progressione maggiore in alcune regioni, tra cui la Campania. L’Unità di Crisi, lo scorso 15 ottobre, ha introdotto ulteriori misure per fronteggiare l’emergenza epidemiologica provvedendo a definire un potenziamento dell’offerta di posti letto della rete covid-19 pubblica. In considerazione della situazione pandemica che sta  evidenziando sempre più segnali di criticità dei servizi sanitari si è reso necessario sospendere in via temporanea, sia le attività di ricovero ospedaliero in regime di elezione, che le attività ambulatoriali non urgenti nelle strutture sanitarie pubbliche”.

Sanità

11 milioni di italiani rischiano di morire a causa della mancanza di cure. Non c'è solo il Covid. L'emergenza epidemiologica ha provocato la paralisi del servizio sanitario nazionale. Un effetto che era stato riscontrato già nella prima fase della diffusione del Covid 19 con gli ospedali in  tilt e la difficoltà ad accedere alle cure sanitarie per altre patologie. Ritardi e rinvii di operazioni chirurgiche necessarie sono state un effetto dell'epidemia che oggi, in questa seconda onda di emergenza si sta ripetendo. Stop alle operazioni per la cura di altre patologie se non di estrema urgenza.

Lo ha deciso l'unità di crisi della Regione Campania che, dopo il provvedimento emanato lo scorso 17 ottobre con lo stop dei ricoveri e interventi chirurgici programmati presso tutti gli ospedali delle ASL Campane, oltre che dei servizi ambulatoriali, ha stabilito ieri: la sospensione dei ricoveri programmati sia medici che chirurgici differibili e non urgenti presso le Case di Cura Private Accreditate e gli Ospedali Classificati del Sistema Sanitario Regionale; delle attività ambulatoriali nelle predette Strutture, ad eccezione di quelle recanti motivi di urgenza, nonché di quelle di dialisi, di radioterapia e oncologiche – chemioterapiche". Priorità alla gestione dei casi covid con il personale sanitario che dovrà essere impiegato nella gestione dell'epidemia. E mentre la Regione Campania, recependo le disposizioni emanate con decreto legge dello scorso marzo, blocca le prestazioni sanitarie anche nelle strutture private, oncologi, ematologi e cardiologi scrivono al Premier per chiedere un incontro urgente a tutela di tantissimi pazienti che, a causa dell'emergenza covid, vengono privati delle cure necessarie ad evitare un peggioramento delle patologie.

Un problema che riguarda circa 11 milioni di italiani che rischiano di perdere la vita a causa di difficoltà ad accedere alla cure necessarie per evitare un aggravamento delle patologie di cui soffrono. Secondo quanto denunciato dalla Fondazione Insieme contro il Cancro, dall'Associaizione Italiana Oncologia Medica, dalla Società Italiana Ematologia e dalla Società Italiana Cardiologia, le cure mediche, con l'emergenza covid, stanno tornando indietro di decenni. Anni e anni di ricerca per la cura di gravi patologie onco-ematologiche e cardiologiche, sono stati cancellati in un attimo dall'emergenza Covid che ha preso il sopravvento, facendo registrare un aumento della mortalità tra i pazienti affetti da patologie oncologiche, ematologiche e cardiologiche. I dati riferiscono di pazienti affetti da patologie gravi che hanno subito una sospensione delle cure. A cio si aggiunge un 20% della popolazione fragile che ha rinunciato a recarsi nei centri specializzati per effettuare le prescritte terapie, per paura dei contagi. Dimezzati inoltre i ricoveri per ictus e infarto con numerosi pazienti che si sono curati a casa con conseguenza il decesso oppure gravi danni a cuore e cervello.

Anna Maria CAVA

Sanità

luigicurtopolla

Il reparto di Geriatria del Luigi Curto di Polla da ieri è temporaneamente chiuso per un caso covid. Si tratta di una paziente, in buone condizioni, e si è in attesa che vengano eseguiti i tamponi sul personale in sevizio e sui degenti che sono al momento bloccati all'interno del reparto. Criticità anche nella Neurologia dove alcuni operatori sono confinati all'interno del reparto da alcuni giorni. La UIL FPL ha chiesto immediate soluzioni. Anche qui dopo l'accertata positività al Covid di una paziente è stata disposta la chiusura del reparto con gli operatori rimasti all'interno per evitare contatti e quindi i contagi. Secondo le disposizioni sanitarie la paziente doveva essere trasferita presso un ospedale Covid che, però, al momento è impossibilitato ad accogliere altri pazienti non avendo più posti disponibili. La UIL FPL si è mobilitata a favore degli operatori.

Sanità

attività ambulatoriali

A partire da domani, martedì 27 ottobre, e fino a nuova disposizione nelle strutture private  e classificate sono sospesi i ricoveri programmati sia medici che chirurgici differibili e non urgenti nonché le attività ambulatoriali, ad eccezione di quelle recanti motivi di urgenza, nonché di quelle di dialisi, radioterapia e oncologiche-chemioterapiche. Lo deciso l’Unità di Crisi regionale, che ha inviato la comunicazione anche ai direttori generali delle Asl.

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.