Politica

Politica

Fine settimana di impegni politici anche per simpatizzanti e militanti delle diverse fazioni partitiche valdianesi. Le due manifestazioni quella a Roma di Sabato su Orgoglio Italiano promossa dalla Lega e quella a Firenze della decima edizione della Leopolda promossa da Renzi per presentare il nuovo partito di Italia Viva,  hanno canalizzato l'attenzione dei media nazionali. In questo contesto anche il Vallo di Diano era presente. Sabato mattina valdianesi e salernitani in generale in viaggio verso Roma per raggiungere la manifestazione Orgoglio Italiano - Una patria da amare e da difendere, dove ha partecipato  un centrodestra unito e compatto invadendo Piazza San Giovanni a Roma con bandiere di Lega, Forza Italia e Fratelli d'Italia unite alle bandiere tricolore.

Una manifestazione su cui si è dibattuto per numeri di presenza in una piazza di circa 42mila e settecento metri quadri che, secondo stime tecniche realizzate nei giorni precedenti alla manifestazione può contenere fino a 250 mila persone nella parte centrale ed, estendendosi per l'intero perimetro anche un numero di 700 mila persone. Dalle immagini realizzate con droni si è vista una Piazza gremita in ogni punto, superando le stime preventivare dagli organizzatori che ipotizzavano una presenza di circa 50 mila persone. Numeri che sono stati ampiamente e decisamente superati con presenze che, secondo quanto emerge nella discussione post manifestazione, avrebbe quadruplicato le stime. Tra la folla anche un gran numero di valdianesi e salernitani che sabato scorso hanno raggiunto Roma con bus organizzati o con mezzi proprio per partecipare alla manifestazione. A partire dal Vallo di Diano in particolare simpatizzanti e militanti della Lega.

Una delegazione del Vallo di Diano e del salernitano, tra sabato e domenica, ha raggiunto anche Firenze per partecipare alla manifestazione indetta dal leader del neonato partito Italia Viva alla Leopolda, evento che, fino allo scorso anno, raccoglieva tutti i referenti del Partito Democratico e che, in questo fine settimana invece, è diventata manifestazione per ufficializzare il passaggio al nuovo soggetto politico, il cui simbolo è stato presentato durante questa manifestazione. Nuove appartenenze che hanno interessato anche il Vallo di Diano con l'ex coordinatore territoriale del PD Domenico Cartolano che, con la sua presenza presso l'ex stazione ferroviaria di Firenze ha ufficializzato quanto ipotizzato in una recente intervista a margine della scissione, in cui non aveva escluso l'eventualità di lasciare il partito a cui aveva per anni manifestato profondo attaccamento e spirito di sacrificio. Cartolano, quindi, segue l'amico d'infanzia Tommaso Pellegrino, presente nel fine settimana alla Leopolda, mettendosi al servizio del nuovo partito di Renzi Italia Viva

Anna Maria CAVA

Politica

“Non rispettare le leggi è reato. Non rispettare noi, significa non rispettare i cittadini di Sant’Arsenio” così il gruppo di minoranza SiCambia a Sant’Arsenio attacca la maggioranza poichè dallo scorso settembre l’opposizione ha chiesto un consiglio comunale straordinario su diversi e urgenti argomenti ma sono passati oltre 30 giorni senza convocazione. Il consigliere Nicola Costa spiega tutto in un video. “Non vogliamo essere critici, ma vogliamo apportare soluzioni quantomeno definitive”.

Politica

L'ex premier Matteo Renzi annuncia lo strappo dal PD e la costituzione del suo partito Italia Viva. Una decisione che l'ex coordinatore territoriale del Partito Democratico Domenico Cartolano commenta come attesa. Per Cartolano il PD aveva perso la sua idea moderata spostandosi troppo verso la sinistra estrema. Un cambiamento che, secondo quanto emerso dalle sue parole, potrebbe anche portarlo verso un avvicinamento al nuovo partito di Renzi. 

Anna Maria CAVA

Politica

sicambiasantarsenio

Raccolta differenziata sospesa a Sant'Arsenio. Il gruppo Si Cambia interviene in merito chiedendo che la discussione approdi in consiglio comunale. Con una nota pubblicata sulla pagina facebook, i membri del gruppo rendono noto di aver presentato formale richiesta al sindaco Donato Pica e al presidente del Consiglio per indire un consiglio comunale ad oc. Oltre alla vicenda che vede il servizio della raccolta rifiuti sospeso, il gruppo vuole ha chiesto di poter affrontare in consiglio anche i remi legati alla problematica della rete idrica e alla condizioni in cui versa il parco giochi, a seguito anche della denuncia da parte del consigliere Vricella

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.