Politica

Politica

Domenica scorsa la Lega si è presentata ai salernitani con le sue idee e i suoi progetti. Una iniziativa che ha visto la rpesenza dei referenti nazionali al fine di trasferire quelli che sono i valori fondanti del partito. Presente all'incontro anche l'On. Gianluca Cantalamessa che, a margine dell'appuntamento ha evidenziato come il partito resta con i piedi saldi per terra seppur può contare su numeri a livello nazionale importanti che lo vedono primo partito, raccogliendo consenso anche nel sud Italia cosa fino a poco tempo fa impensabile.

Alla base resta però l'identità di un territorio e di un popolo. Ed è proprio quella identità che, secondo quanto dichiarato dall'On. Cantalamessa, è il principio che spinge verso il sostegno e la vicinanza al partito di Matteo Salvini. Saldamente legato alla sua meridionalità e convinto del valore della sua terra, il deputato leghista sottolinea come, il progetto per il futuro della Campania finalizzato a trasferire anche al sud le azioni di buon governo applicate nelle regioni del nord, va realizzato mantenendo però inalterati i valori meridionali, senza quindi cercare di alterare l'identità del territorio ma valorizzandone le risorse.

Anna Maria CAVA

Politica

La Campania che sogniamo è stato il tema dell'incontro svoltosi al Polo Nautico di Salerno con i referenti nazionali della Lega. L'On. Luca Toccalini, segretario federale Lega Giovani, l'On. Nicola Molteni, già sottosegretario al Ministero dell'Interno ed oggi coordinatore regionale Lega Campania e l'On. Andrea Crippa, vice segretario federale della Lega, a cui sono state affidate le conclusioni, accolti da Nicholas Esposito, coordinatore provinciale Lega Salerno, hanno esposto alla sala gremita le loro idee per la Campania del futuro. Diversi i punti toccati tra cui il riconoscimento delle risorse e delle eccellenze umane campane che emigrano al nord o all'estero, e che, secondo l'On. Crippa, devono invece avere la possibilità di mettere le professionalità  al servizio della loro terra   

Stessa idea di Campania, capace di tornare ad essere padrona delle proprie ricchezze e delle proprie eccellenze l'On. Nicola Molteni che ha parlato di un programma e di un progetto a lungo periodo che a breve inizierà a stilare la Lega per una nuova idea di Campania

Il programma elettorale per le prossime regionali quindi il punto focale dell'incontro di ieri, nessun nome invece per la candidatura alla presidenza della Regione con l'On. Crippa che ha annunciato nuovi tavoli per individuare il nome migliore per guidare la coalizione di centro destra e portare avanti il programma elettorale che sarà stilato. 

Anna Maria CAVA

Politica

26012020.lega.salerno

Gli stati generali della Lega a Salerno per iniziare a porre le basi del programma di governo regionale. La Campania che vogliamo il tema su cui si è incentrato l’incontro di questa mattina presso il Polo Nautico. Sala gremita per ascoltare l'idea e la proposta per la Campania con al centro il futuro dei giovani e delle famiglie. Sanità, famiglie, lavoro, rifiuti. A presentare le proposte della Lega per il futuro della regione esponenti di primo piano del partito di Matteo Salvini, ed in primis il vice segretario federale della Lega nazionale l'On. Andrea Crippo a cui sono state affidate le conclusioni. Accanto all'On. Crippo, l'On. Nicola Molteni, coordinatore regionale Lega Campania. Inoltre a parlare dei giovani e del loro futuro, l'On Luca Toccalini, segretario federale Lega giovani.

Politica

Ieri sera all’auditorium comunale “Giuseppe Amabile” di Sant'Arsenio c’è stato un incontro pubblico per fare il punto sui primi 2 anni e mezzo di Amministrazione Pica.

Il primo cittadino lo ha indetto per illustrare tanto i risultati portati a casa in questo periodo di gestione della cosa pubblica comunale quanto le battaglie condotte sui tavoli della politica comprensoriale. Un momento di chiarezza per mettere a parte i cittadini di quanto fatto ma anche per rispondere con fermezza a denunce, raccolta firme, manifesti arrivati all’indirizzo del Comune allo scopo di mandare a casa l’attuale maggioranza. Ieri sera Pica ha denunciato anche che qualche giorno fa presso la Stazione dei Carabinieri di Polla è arrivata una lettera anonima, un esposto contro l’Amministrazione, con firma apocrifa recante il nome di uno dei suoi assessori. 

Mesi di attacchi, intensificatisi nell’ultimo periodo, che il sindaco ritiene “una battaglia non contro il Comune ma contro le persone”, li bolla come “vergognosi” perché spesso anonimi e soprattutto sterili e approssimativi mostrando, chi scrive, scarsa conoscenza dei procedimenti amministrativi.

In questi due anni e mezzo poi non sono mancate le defezioni in seno alla sua maggioranza che lo costringono a numeri risicati ma Pica si dice fiducioso e soprattutto convinto di non voler tradire il mandato degli elettori. Soddisfatto di quanto è riuscito a fare con la sua squadra, il primo cittadino sottolinea le difficoltà dovute all’eredità ricevuta al momento dell’insediamento che ha significato anche la ricerca continua di soluzioni per “aggiustare i guasti causati in precedenza e anche dalla politica in solitaria di qualcuno che non è stato capace di fare squadra”. 

Rosa ROMANO

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.