Banner

Politica

Politica


Le primarie del Partito Democratico hanno visto un solo rappresentante del Vallo di Diano essere eletto nel parlamentino dell'Assemblea Nazionale del PD. Si tratta della giovanissima Maddalena Chirico di Teggiano, 24 anni, che seppure collegata alle liste dello sconfitto Cuperlo nella città museo del Vallo di Diano ha riportato un vero e proprio plebiscito con 357 voti. Ascoltiamo la sua soddisfazione e le sue considerazioni in vista della trasferta a Milano di Domenica prossima, quando parteciperà alla sua prima Assemblea Nazionale del Partito convocata dal nuovo segretario Matteo Renzi

Politica


Colpo di scena ieri a Teggiano nel corso del Consiglio Comunale che aveva all'ordine del giorno argomenti molto importanti tra i quali l'Approvazione del Programma Triennale dei Lavori Pubblici 2013/2015 ed il Bilancio di Previsione 2013, oltre che la paventata soppressione della struttura PSAUT da parte dell'ASL di Salerno. L'assessore al Bilancio Michelangelo De Paola ha rimesso la propria delega al sindaco Michele Di Candia, dopo una discussione a tratti accesa che ha visto più volte l'opposizione attaccare la maggioranza sui temi all'ordine del giorno. Il primo argomento ad essere dibattuto è stato quello dei lavori pubblici, sui quali il sindaco Di Candia ha affermato che sono molti i progetti in cantiere, ma che come un po' ovunque il momento di crisi e la mancanza di soldi e finanziamenti rallentano i progetti. Di diversa opinione la minoranza, che ha accusato la maggioranza di essere stata immobile e di proporre per il 2013/2015 un programma molto simile a quello dell'anno precedente. Si è affrontato poi il tema del dissesto strada in zona Codaglioni, i cui lavori partiranno a breve con fondi messi a disposizione dal Comune. La strada era stata ceduta alla Provincia di Salerno, che aveva promesso di rimetterla in sesto, cosa che non è mai avvenuta. Per l'opposizione la decisione di dare il via ai lavori arriva con dieci anni di ritardo, dato che quei lavori erano stati proposti ma all'epoca si era preferito agire in modo diverso, cedendo la strada alla Provincia. Il voto ha visto tutta la maggioranza favorevole, con l'eccezione dell'assessore Michelangelo De Paola che si è astenuto. L'opposizione invece ha espresso voto contrario. Il momento "caldo" del consiglio è stata però la discussione sulla previsione di Bilancio 2013, che ha visto la relazione proprio dell'assessore De Paola. Partendo dall'analisi del periodo di crisi, causa di numerose difficoltà, De Paola ha spiegato che si è cercato di limitare le spese dei cittadini per quanto riguarda Imu e Tarsu. "A Teggiano –ha detto De Paola- non ci sono stati grandi stravolgimenti, con l'aliquota dell'Imu che è di 0,4 per la prima casa e 0,76 per la seconda".
De Paola ha però messo in evidenza che il ritardo nell'approvazione del Bilancio ha portato alla diffida prefettizia, e che l'aumento della Tarsu –a suo modo di vedere- doveva essere spalmato in maniera più omogenea. L'Assessore ha comunque sottolineato che il Bilancio è in pareggio e rispetta il patto di stabilità. A questo punto il colpo di scena, con De Paola che annunciato la decisione di rimettere la deroga al Bilancio. "Non si tratta di dimissioni" ha spiegato l'Assessore, che si è riservato di discutere con il sindaco circa la sua carica. Per vari membri dell'opposizione si è trattato comunque di un gesto grave, perché giunto a pochi mesi dall'elezioni e perché l'assessore avrebbe parlato di "mancanza di fiducia e di scelte imposte". Per il Vice Sindaco la decisione di De Paola è arrivata per una questione di incompatibilità, dovuta alle richieste della maggioranza che avrebbe preteso troppi sgravi per la popolazione, richieste che l'assessore non era nella posizione di poter concedere. Infine sono arrivate le ulteriori precisazioni di De Paola: l'assessore ha aggiunto di non volersi dimettere e di restituire la fiducia al primo cittadino di Teggiano. "Non voglio che –ha sottolineato- per i miei contrasti con una persona della maggioranza, il sindaco rischi di cadere". De Paola non ha fatto nomi relativamente alla persona con la quale i contrasti si sarebbero acuiti. Poi la votazione del Bilancio di Previsione 2013, con la maggioranza favorevole, l'opposizione contraria e De Paola, ancora una volta, astenuto. Infine sulla questione PSAUT invece tutti i consiglieri sono stati d'accordo a continuare la battaglia contro la sua soppressione, e la relativa delibera è stata votata all'unanimità. Diversi interventi hanno evidenziato in proposito la spaccatura in atto tra i comuni del Vallo di Diano, ed anche l'ostilità in merito da parte del comune di Polla che sarebbe dovuta –si è detto a Teggiano- esclusivamente a questioni politiche e di partito.
Michele Casella

Politica


Importante Consiglio comunale quello in programma a Teggiano e convocato dal presidente del consiglio comunale Pietro Di Candia in sessione ordinaria e in seduta pubblica in prima convocazione per oggi alle ore 18.00 e, in seconda convocazione, per venerdì sempre alle ore 18.00. All'ordine del giorno ci sono infatti l'Approvazione del Programma Triennale dei Lavori Pubblici 2013/2015, con l'elenco annuale 2013, ed il Bilancio di Previsione 2013, con la Relazione Previsionale e Programmatica 2013/2015 ed il Bilancio Pluriennale 2013/2015. Ma il consesso comunale dovrebbe occuparsi anche di un altro tema "caldo", quello relativo alla soppressione del PSAUT di Teggiano. Non è andata infatti giù al Sindaco Michele Di Candia e alla sua amministrazione comunale quanto programmato dall'Azienda Sanitaria Locale di Salerno, che nel nuovo Piano Attuativo Aziendale prevede la soppressione del PSAUT di Teggiano e la sua trasformazione in SAUT. Al manager Antonio Squillante viene imputato di aver preso la decisione di chiudere il PSAUT di Teggiano senza consultare i sindaci del territorio interessato. Anche perché il Verbale della Conferenza dei Sindaci valdianesi del 3 luglio 2013,
all'unanimità, richiedeva espressamente che nessuna scelta in tema sanitario fosse "calata dall'alto", senza una preventiva consultazione con il territorio, e si esprimeva contro ogni azione di declassamento del PSAUT di Teggiano. Un passaggio rimasto lettera morta nel Piano Attuativo Aziendale, che prevede il declassamento a SAUT del presidio sanitario Teggianese e la promozione a PSAUT dell'ex clinica Fischietti, ai confini tra Padula e Montesano sulla Marcellana. Già lo scorso 7 Novembre della vicenda si era occupata la Giunta presieduta dal Sindaco Di Candia, approvando una apposita delibera nella quale si formulava una ferma manifestazione di diniego alla ipotizzata soppressione della struttura PSAUT di Teggiano, chiedendo ai Comuni afferenti alla stessa PSAUT di adottare analogo provvedimento per supportare l'iniziativa del comune teggianese. La delibera chiedeva anche di investire del problema il Consiglio Comunale, e la discussione in merito, con ulteriori eventuali provvedimenti da prendere, è in programma proprio nel consesso convocato in prima convocazione per questo pomeriggio alle ore 18,00.

Politica


Auditorium della Conciliazione gremito ieri a Roma dove i tantissimi sostenitori di Forza Italia si sono riuniti per incontrare il Presidente Silvio Berlusconi. La manifestazione ha visto anche la presenza di una delegazione del Vallo di Diano, con in testa il coordinatore territoriale Valentino Di Brizzi, e di tantissimi esponenti dell'intero salernitano, che hanno avuto così modo di seguire il Presidente Berlusconi nell'esposizione delle linee guida che stanno conducendo alla costituzione dei Club Forza Silvio su tutto il territorio nazionale. Ancora una dimostrazione del sostegno riservato al Leader di Forza Italia con la partecipazione in massa nonostante il giorno di festa confermata anche dalla costituzione di numerosissimi club Forza Silvio a pochi giorni dalla rinascita di Forza Italia sancita con la convention dello scorso 16 novembre nel quale lo stesso presidente Berlusconi ne annunciò l'inizio della costituzione. In appena 20 giorni sono già oltre 2800 i club costituiti. Per ciò che riguarda il solo Vallo di Diano, il coordinatore territoriale Valentino Di Brizzi, ha espresso grande soddisfazione per la nascita dei numerosi club Forza Silvio che in pochi giorni hanno già coperto quasi totalità del territorio e che hanno fatto registrare già adesioni. "La grande partecipazione registrata – ha dichiarato Di Brizzi – dimostra ancora una volta come il sostegno a Silvio Berlusconi resti confermato sul nostro territorio e sull'intero territorio nazionale, dato confermato anche dalla grandissima affluenza che io e i delegati dei club valdianesi, abbiamo potuto constatare personalmente ieri a Roma. Una soddisfazione – continua il coordinatore di Forza Italia valdianese – confermata anche dall'On. Mara Carfagna, lieta sia per l'ottimo risultato raggiunto per numero club costituiti e anche per la grande partecipazione registrata ieri a Roma da parte del territorio salernitano. Il nostro impegno con Forza Italia – conclude Valentino Di Brizzi – prosegue con maggior vigore sospinti da quegli ideali di libertà che da sempre ci contraddistinguono e che di sicuro porterà all'ampliamento del numero dei Club Forza Silvio sul territorio valdianese"

Banner

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.