Politica

Politica

Ieri a Padula, la Conferenza dei Sindaci del Vallo di Diano su due punti simili: l’organizzazione da darsi, a livello territoriale, all’interno del costituendo ATO Rufiuti e dell’Ente Idrico Campano. Sul primo punto tutti d’accordo sulla costituzione del Sub Ambito Distrettuale (SAD) per lo smaltimento e la raccolta dei rifiuti. Sul secondo invece ci sono state posizioni diversificate. Quasi tutti i Comuni, negli anni, hanno esternalizzato la gestione del servizio idrico affidandola a Consac. 5 hanno resistito (Buonabitacolo, Casalbuono, Monte San Giacomo, Montesano sulla Marcellana, Sanza) e continueranno sulla strada della gestione autonoma.  

A seguito della Conferenza dei Sindaci c’è stato poi il Consiglio generale della Comunità Montana su questioni tecniche, tra cui la presa d’atto del nuovo Revisore dei Conti che è Angelo Porcaro di Ceppaloni (BN). E mancavano ieri molti sindaci.

Il primo cittadino di Montesano sulla Marcellana, Giuseppe Rinaldi, illustra ai nostri microfoni le decisioni assunte dalla Conferenza dei Sindaci e poi fa un’analisi politica. Ravvisa infatti, in seno alla Comunità Montana, problemi dervivanti da una frattura tutta interna al PD locale. Frattura che puntualmente si traduce nell’impossibilità, se dipendesse solo da loro, di raggiungere i numeri necessari a gestire l’Ente. Un PD locale che "pretende" una gestione monocolore degli enti sovracomunali, non lasciando spazio ad altre sensibilità politiche, e che non riesce a mettere le esigenze del cittadino prima delle logiche partitiche. Questo in sintesi il pensiero di Rinaldi che, non appartendo alla "famiglia" del Pd valdianese, si vede sempre tagliato fuori dagli organi decisonali del territorio pur continuando a garantirne, insieme ad altri colleghi,  la gestione amministrativa con la sua presenza puntuale.

Rosa ROMANO

Politica

Il presidente della provincia di Salerno Michele Strianese ha assegnato le deleghe ai consiglieri scegliendo così il gruppo che lo affiancherà per i prossimi 2 anni nell'attività amministrativa dell'ente provinciale a favore del territorio. Questa mattina presso Palazzo Sant'Agostino la presentazione ufficiale alla stampa dei delegati e dei settori di cui dovranno occuparsi. Il rpesidente Strianese ha anche annunciato il nome del suo vice che sarà Carmelo Stanziola che coadiuverà il presidente anche nei rapporti istituzionale e con gli organi pubblici. Per ciò che riguarda le deleghe ci sarà Antonio Rescigno che si occuperà di viabilità, Vincenzo Servalli alle opere pubbliche, ad Antonio Sagarese eletto nelle file di Campania libera  è andata la delega all'edilizia scolastica mentre Fausto Vecchio di + centro si occuperà di ambiente. Giovanni Guzzo del partito Socialista ha invece ottenuto la delega alla rete scolastica  e Luca Cerretani si occuperà di personale e società partecipate. 

Politica

salaconsilina

Ieri a Sala Consilina c’è stato un incontro ufficiale tra coordinatori e delegati cittadini dei partiti del centrodestra. Loredana Maraniello per la Lega con Salvini, Antonio Casale per Fratelli d’Italia, Giuseppe Focarile detto Marzotto per Forza Italia e Michele Santoriello per Noi per l’Italia. La discussione è stata prevalentemente incentrata sulle elezioni amministrative a Sala Consilina quindi sulla necessità di dare una svolta alla Città. Si è discusso di Commercio, Assetto Urbanistico, Gestione dei Rifiuti, tributi e cartelle pazze, Piano di Zona Sociale. Il Centrodestra, a conclusione dei lavori, ha confermato la presenza incisiva a questa tornata elettorale “con un proprio progetto - fanno sapere compatti - ed un proprio programma, ma restando aperti al confronto con altre forze politiche, comitati, associazioni e rappresentanti della società civile che abbiano alla base l’interesse alla costruzione di un progetto comune che – concludono – possa dare una reale svolta a questo stato di malessere che da tempo attanaglia la città”. 

Politica

vitobardibasilicata

Vito Bardi, ex generale della Guardia di finanza indicato come candidato da Forza Italia, è il nuovo Presidente della Regione Basilicata: è stato eletto con il 42,2% dei voti. Al secondo posto Carlo Trerotola del Centrosinistra con il 33,11%, poi Antonio Mattia del M5S con il 20,32% e Valerio Tramutoli di Basilicata possibile con il 4,37%. Primo partito il M5S con il 20,27%, seguito di misura dalla Lega al 19,15%. “Abbiamo scritto la storia - esulta Bardi - la Basilicata è pronta per il cambiamento. Chiamerò Silvio Berlusconi, Matteo Salvini e Giorgia Meloni per fare una grande festa. Al primo posto nell'agenda c'è il lavoro - afferma poi - I giovani saranno presenti e dovranno avere opportunità in questa terra. Trasparenza, meritocrazia e legalità saranno al centro". Con queste parole Vito Bardi saluta la vittoria storica del centrodestra sul centrosinistra che cade, in Basilicata, dopo 24 anni di dominio incontrastato

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.