Politica

A distanza di alcuni giorni dalla presentazione delle dimissioni con conseguente scioglimento del consiglio comunale, a Ispani compare il manifesto pubblico in cui i consiglieri dimissionari spiegano le ragioni che li hanno portati a chiudere anticipatamente l'esperienza di governo della città. Una decisione che sarebbe stata giustificata dalla necessità di cambiare guida al paese che, come riportato nel manifesto, da 24 anni vedrebbe si legge:

"Una persona sola al comando". "In questi anni - spiegano gli ex consiglieri comunale Francesco Giudice, Amerigo Pierro, Antonio Altomonte, Piernicola Lovisi, Salvatore Avagliano e Antonio Pecorelli - ognuno nel proprio ruolo politico e con modalità differenti, ha creduto di poter arginare una politica locale che troppe volte ha pensato a dividere anziché unire, scontrandosi però quotidianamente con una realtà che diceva tutt'altro". Secondo quanto dichiarato dagli autori del manifesto l'ex sindaco avrebbe accentrato nelle sue mani tutto il potere senza consentire ad altri di poter esprimersi nelle decisioni e mortificando, a parere dei consiglieri tutti, anche il ruolo stesso del consiglio comunale.

"Pensiamo - scrivono a caratteri cubitali sul manifesto i dimissionari - sia arrivato il momento di voltare pagina. Queste dimissioni - spiegano - vogliono rappresentare un atto politico e di rottura con il passato puntando alla nascita di un nuovo soggetto politico aperto al dialogo e al confronto, in cui si rafforza il concetto di democrazia e dove l'ente comunale non venga percepito con paura ma come luogo per la risoluzione dei problemi con i cittadini che devono sentirsi liberi di esprimere le proprie idee. Il nostro paese ha bisogno di serenità". Sottolineando come le dimissioni siano state decise per contestare un sistema ritenuto fallito dagli scriventi, guardano al futuro immaginando una classe politica giovane.

"Come giovani di questa terra - scrivono in conclusione - abbiamo il dovere di ricostruire la nostra casa comune e ricreare la modalità di confronto all'interno della nostra comunità, rafforzando il concetto del NOI. L'obiettivo del gruppo che andremo a formare per le prossime elezioni è quello di riportare in Paese un clima di distensione per consentire ai cittadini di avvicinarsi alla vita politica comunale".

Anna Maria CAVA  

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.