Politica

“La decisione assunta dal nostro coordinatore regionale ha un suo perché” chiarisce così la posizione della Lega Vallo di Diano Giuseppe Vitolo che si tira fuori dalle polemiche sorte dopo il recente riassetto del partito in Campania.

Il commissario regionale del Carroccio, Nicola Molteni, agli inizi di dicembre ha nominato i responsabili provinciali. A guidare le camicie verdi salernitane è un napoletano, il giovane Nicolas Esposito, mentre l'ex rettore dell’UniSa Aurelio Tommasetti è stato scelto quale responsabile per il programma regionale in vista delle elezioni del 2020.

Scelte invise a qualche militante salernitano che mal digerendole ha affidato ai social lo sfogo a caldo parlando di mortificazione e invasione da Napoli. Sono state invece comprese e accettate di buon grado dalla Lega Vallo di Diano. Come chiarisce il coordinatore Giuseppe Vitolo.

“Dispiace – afferma – il fatto che non ci sia un salernitano alla guida del coordinamento provinciale ma non parlerei di penalizzazione. Siamo in un momento di riorganizzazione interna in vista di una sfida importante come le regionali. Ho fiducia in Matteo Salvini e nell’onorevole Molteni che hanno assicurato saranno sempre valorizzati i territori e chi da sempre lotta nella Lega”.

Nessun malpancista quindi tra i leghisti del Vallo di Diano. “Io – assicura Vitolo – così come tutto il coordinamento valdianese continueremo a lavorare per la vittoria alle regionali. È nostro dovere verso tutte quelle persone che ci hanno votato. Noi pensiamo al territorio – chiosa – e non alle poltrone”.

Rosa ROMANO

 

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.