Politica

Politica

lucia vuolo

Nuovo presidente della Commissione Europea, gli eurodeputati del Movimento 5 Stelle la candidata sostenuta dal PD. Le riflessioni dell'europarlamentare Lucia Vuolo sugli scenari futuri della politica Campana

Ursula Von Der Leyen, fino a due giorni fa, Ministro della difesa in Germania, da ieri è Presidente della Commissione europea. 

A questo punto però, bisogna pensare alla nostra Campania, dove i 5 Stelle si sono apparentemente spesi contro il Pd e DeLuca; e dobbiamo chiederci come i grillini spiegheranno agli elettori campani che hanno votato insieme al Pd ed un'ex assessore della Giunta De Luca? Come spiegheranno che non sono più alternativi ma complici del governo regio...nale? Come spiegheranno che, in piazza urlano contro De Luca e, nei palazzi del potere fanno gli accordi?

Queste sono riflessioni necessarie da parte di quella componente politica che ad oggi non ha consiglieri regionali, ma che sicuramente per la prossima tornata elettorale farà sentire la propria voce contro il Pd ed il sistema fallimentare di De Luca, candidandosi a governare la Regione Campania.

Da ieri è nato un patto verticistico senza interpellare la base tanto cara ai grillini tra gli europarlamentari del Pd e i 5 stelle.

Una popolare, una tedesca, la figlioccia di Angela Merkel e dell’asse franco – tedesco, è stata votata all’europarlamento da un’asse trasversale formato da Popolari, Socialisti, Verdi e, i “non iscritti” ovvero il Movimento 5 Stelle. Eletta per 9 voti. Che siano quelli proprio dei pentastellati?

Una scelta politica a cui ne consegue un dato: in Italia vale un principio, in Europa ne vale un altro.

In Italia, come Viceministro Di Maio va in Francia a incontrare esponenti dei “gillet gialli” creando un incidente diplomatico senza precedenti. In Europa gli stessi votano la donna sponsorizzata anche da Emmanuel Macron, nemico giurato dei gillet gialli. Un gioco di prestigio politico che lascia senza parole.

Fortunatamente la coerenza esiste, esiste e si chiama Matteo Salvini, si chiama Lega. E questo gli italiani lo sanno molto bene.

Politica

Il gruppo San Pietro in Movimento ha voluto condividere con i suoi elettori e con la comunità quanto fatto nei primi 45 giorni di amministrazione comunale. Pur nel ruolo di minoranza, il gruppo guidato da Piera Aromando ha voluto comunque far sentire la propria voce e la propria presenza sul territorio. Oltre a farsi portavoce recentemente del problema del randagismo, sono state diverse le iniziative adottate in questi primi 45 giorni. Azioni che, entrando nelle case dei cittadini per distribuire il programma sulla repressione del fenomeno del randagismo, raccogliendo le firme della petizione da presentare poi all'amministrazione comunale, vengono illustrate ai cittadini.

All'indomani delle elezioni per il rinnovo del consiglio comunale che avevano visto la decisa affermazione del gruppo capeggiato da Domenico Quaranta, gli eletti della lista San Pietro in Movimento, avevano annunciato la volontà precisa di operare in maniera attenta in veste di minoranza ricoprendo il ruolo di amministrazione ombra al fine di monitorare sull'operato della maggioranza guidata dal sindaco Quaranta. A 45 giorni dalla costituzione dell'Amministrazione Ombra, arrivano ora i primi rendiconti con i referenti di San Pietro in Movimento che, nell'ambito del Porta a Porta per la sotoscrizione della petizione contro il randagismo, lasciano nelle case anche il resoconto della loro attività. Un'azione che si è sviluppata in 7 punti. In gruppo si è adoperato per richiedere lo sfalcio dell'erba su tutto il territorio comunale ed ha acquisito i contratti di servizio in essere per il comune di San Pietro al Tanagro.

L'amministrazione ombra ha inoltre presentato richiesta al presidente del consiglio per la trasmissione in diretta dei consigli comunali al fine di favorire la partecipazione dei cittadini e per l'istituzione di commissioni consiliare su materie sensibili come bilancio e puc. Secondo quanto riportato sul volantino, Piera Aromando e il gruppo di San Pietro in Movimento ha inoltre ottenuto tutti gli atti relativi al bilancio che ora stanno visionando e su cui assicurano che la comunità sarà presto informata. Anche l'illuminazione pubblica è stata oggetto di intervento chiedendo all'amministrazione Quaranta di provvedere alla sostituzione di tutte le lampadine non funzionanti sul territorio sulla base degli adempimenti contrattuali ed, inoltre, anche a richiedere la manutenzione dell'impianto vista la presenza di molte zree che restano al buio sul territorio

Anna Maria CAVA

Politica

Il consigliere comunale con delega al Bilancio e non solo rimette le deleghe nella mani del sindaco a pochi giorni da un consiglio comunale dal tema caldo quale l'approvazione del rendiconto di gestione 2018.

Un consiglio comunale che è anche frutto di una diffida da parte del prefetto di Salerno che, dopo una lunga attesa, lo scorso 21 giugno ha inviato una nota diffidando l'amministrazione comunale ad ottemperare all'approvazione ed invio del rendiconto di gestione entro 15 giorni, ricordando anche come, la mancata approvazione del rendiconto di bilanci dell'ente entro i termini fissati per legge possa essere anche causa di scioglimento del consiglio comunale.

Venerdì prossimo 12 luglio il consiglio comunale nel corso del quale, tra i vari argomenti, si dovrà anche approvare il rendiconto di gestione 2018, senza però un consigliere delegato al bilancio.

Cono Morello che, con decreto sindacale nel 2016, ha ricevuto gli incarichi al Bilancio, Tribuiti, Sviluppo Economico, Artigianato, Attività Produttive e Formazione, con una pec inviata all'ufficio protocollo nella giornata di ieri ha confermato quanto pare sia stato già anticipato a voce al sindaco rimettendo le deleghe a lui assegnate pare, secondo quanto sarebbe riportato sulla lettera, per motivi strettamente personali.

E lo ha fatto ad appena 5 giorni dall'assise consiliare nel quale dopo aver trattato i diversi argomenti all'ordine del giorno quali: intitolazione aula consiliare al Senatore Innamorato, progetto per le attività produttive con particolare riferimento alle attività operanti nel settore turistico e dell'ospitalità, approvazione del nuovo strumento Intervento Apparato Distributivo con tra gli allegati anche la nuova planimetria dell'area mercatale, i consiglieri saranno chiamati ad approvare in maniera inderogabile il rendiconto finanziario per l'esercizio 2018 e relativi allegati.

Anna Maria CAVA

 

Politica

c morello teggiano

Terremoto a Teggiano, dove pare siano state protocollate nella giornata di oggi le dimissioni dagli incarichi conferiti del consigliere Cono Morello. Nella giornata di oggi, presso l'ufficio protocollo, è giunta una lettera a firma del Dott. Cono Morello in cui viene confermata una dichiarazione già annunciata personalmente al sindaco Michele Di Candia di rinunciare alle deleghe assegnate con decreto sindacale del 2016. Il consigliere Cono Morello aveva ricevuto dal Sindaco, rientrato in consiglio a seguito le dimissioni di uno dei componenti all'indomani delle elezioni, gli incarichi al Bilancio, Tribuiti, Sviluppo Economico, Artigianato, Attività Produttive e Formazione. Oggi la decisione di lasciare tali incarichi con una lettera in cui pare abbia spiegato che la decisione è giunta per motivi strettamente personali. Sta di fatto che arriva in un momento particolarmente delicato in vista del consiglio comunale già convocato per il prossimo 12 luglio nel corso del quale l'amministrazione comunale è chiamata ad approvare inderogabilmente, per effetto anche della recente diffida del prefetto, il rendiconto di gestione annuale per il 2018 che doveva essere approvato entro lo scorso aprile. Lo scorso 21 giugno la diffida del Prefetto ad ottemperare entro 15 giorni. Convocato il consiglio comunale sul tema per il 12 luglio, arrivano oggi le lettera di dimissioni dagli incarichi proprio dal consigliere delegato al bilancio.

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.