Politica

Politica


Importante Consiglio comunale quello in programma a Teggiano e convocato dal presidente del consiglio comunale Pietro Di Candia in sessione ordinaria e in seduta pubblica in prima convocazione per oggi alle ore 18.00 e, in seconda convocazione, per venerdì sempre alle ore 18.00. All'ordine del giorno ci sono infatti l'Approvazione del Programma Triennale dei Lavori Pubblici 2013/2015, con l'elenco annuale 2013, ed il Bilancio di Previsione 2013, con la Relazione Previsionale e Programmatica 2013/2015 ed il Bilancio Pluriennale 2013/2015. Ma il consesso comunale dovrebbe occuparsi anche di un altro tema "caldo", quello relativo alla soppressione del PSAUT di Teggiano. Non è andata infatti giù al Sindaco Michele Di Candia e alla sua amministrazione comunale quanto programmato dall'Azienda Sanitaria Locale di Salerno, che nel nuovo Piano Attuativo Aziendale prevede la soppressione del PSAUT di Teggiano e la sua trasformazione in SAUT. Al manager Antonio Squillante viene imputato di aver preso la decisione di chiudere il PSAUT di Teggiano senza consultare i sindaci del territorio interessato. Anche perché il Verbale della Conferenza dei Sindaci valdianesi del 3 luglio 2013,
all'unanimità, richiedeva espressamente che nessuna scelta in tema sanitario fosse "calata dall'alto", senza una preventiva consultazione con il territorio, e si esprimeva contro ogni azione di declassamento del PSAUT di Teggiano. Un passaggio rimasto lettera morta nel Piano Attuativo Aziendale, che prevede il declassamento a SAUT del presidio sanitario Teggianese e la promozione a PSAUT dell'ex clinica Fischietti, ai confini tra Padula e Montesano sulla Marcellana. Già lo scorso 7 Novembre della vicenda si era occupata la Giunta presieduta dal Sindaco Di Candia, approvando una apposita delibera nella quale si formulava una ferma manifestazione di diniego alla ipotizzata soppressione della struttura PSAUT di Teggiano, chiedendo ai Comuni afferenti alla stessa PSAUT di adottare analogo provvedimento per supportare l'iniziativa del comune teggianese. La delibera chiedeva anche di investire del problema il Consiglio Comunale, e la discussione in merito, con ulteriori eventuali provvedimenti da prendere, è in programma proprio nel consesso convocato in prima convocazione per questo pomeriggio alle ore 18,00.

Politica


Auditorium della Conciliazione gremito ieri a Roma dove i tantissimi sostenitori di Forza Italia si sono riuniti per incontrare il Presidente Silvio Berlusconi. La manifestazione ha visto anche la presenza di una delegazione del Vallo di Diano, con in testa il coordinatore territoriale Valentino Di Brizzi, e di tantissimi esponenti dell'intero salernitano, che hanno avuto così modo di seguire il Presidente Berlusconi nell'esposizione delle linee guida che stanno conducendo alla costituzione dei Club Forza Silvio su tutto il territorio nazionale. Ancora una dimostrazione del sostegno riservato al Leader di Forza Italia con la partecipazione in massa nonostante il giorno di festa confermata anche dalla costituzione di numerosissimi club Forza Silvio a pochi giorni dalla rinascita di Forza Italia sancita con la convention dello scorso 16 novembre nel quale lo stesso presidente Berlusconi ne annunciò l'inizio della costituzione. In appena 20 giorni sono già oltre 2800 i club costituiti. Per ciò che riguarda il solo Vallo di Diano, il coordinatore territoriale Valentino Di Brizzi, ha espresso grande soddisfazione per la nascita dei numerosi club Forza Silvio che in pochi giorni hanno già coperto quasi totalità del territorio e che hanno fatto registrare già adesioni. "La grande partecipazione registrata – ha dichiarato Di Brizzi – dimostra ancora una volta come il sostegno a Silvio Berlusconi resti confermato sul nostro territorio e sull'intero territorio nazionale, dato confermato anche dalla grandissima affluenza che io e i delegati dei club valdianesi, abbiamo potuto constatare personalmente ieri a Roma. Una soddisfazione – continua il coordinatore di Forza Italia valdianese – confermata anche dall'On. Mara Carfagna, lieta sia per l'ottimo risultato raggiunto per numero club costituiti e anche per la grande partecipazione registrata ieri a Roma da parte del territorio salernitano. Il nostro impegno con Forza Italia – conclude Valentino Di Brizzi – prosegue con maggior vigore sospinti da quegli ideali di libertà che da sempre ci contraddistinguono e che di sicuro porterà all'ampliamento del numero dei Club Forza Silvio sul territorio valdianese"

Politica


Matteo Renzi incoronato nuovo segretario del Partito Democratico alla fine di una domenica che ha visto partecipare al voto delle primarie quasi 3 milioni di cittadini in tutta Italia. Un trionfo forse annunciato ma che è andato al di là delle aspettative quello del sindaco di Firenze, che si attesta sopra il 68% dei consensi, lasciando Gianni Cuperlo al 17,9, e, poco distante, Pippo Civati al 14. Insomma una vittoria senza ombre, che trova riscontro in tutte le regioni Italiane ed anche in Campania, anche se con percentuali inferiori rispetto alla media nazionale: In Campania alla fine a Renzi è andato il 62,2% delle preferenze, a Cuperlo il 28,7% e a Civati il 9,1%. A Salerno città Renzi, appoggiato dal sindaco De Luca, ottiene il 72,8% con 4138 preferenze, un vero plebiscito rispetto alle 894 preferenze rimediate da Cuperlo, che si ferma al 15,6%. Per Giuseppe Civati invece sono arrivati 631 voti, con la percentuale ferma all'11%. E andiamo nel Vallo di Diano, dove Renzi si afferma in tutti i comuni con le eccezioni di Teggiano e Sant'Arsenio. A Sala Consilina al voto sono andati in 387, con 245 preferenze per Renzi seguito, un po' a sorpresa, dal Pippo Civati con 94 preferenze e, solo al terzo posto, da Gianni Cuperlo con 48. 2 le schede nulle nella città capofila del Vallo di Diano, che conferma la tendenza a favore di Renzi che si è ripetuta anche a Polla, Sassano, Montesano SM, Monte San Giacomo, Padula, Atena Lucana, San Pietro al Tanagro, Casalbuono, Buonabitacolo, San Rufo, Auletta e Pertosa. Le percentuali più alte Renzi le ha realizzate ad Atena Lucana, con 210 voti contro i 21 di Cuperlo e i 14 di Civati, a Sassano, con 202 preferenze contro le 36 di Cuperlo e le 18 di Civati, e ad Auletta, con 137 voti contro i 13 di Cuperlo ed i 3 per Civati. Plebiscito per Renzi anche a Casalbuono, dove Renzi ha totalizzato 94 preferenze, seguito da Civati con 4 e da Cuperlo con una sola preferenza. Dunque a Sala Consilina e Casalbuono Civati al secondo posto davanti a Cuperlo, come pure a San Rufo dove vince Renzi con 28 preferenze proprio davanti alla sorpresa Civati con 18 e dove chiude Cuperlo con 13. Uniche eccezioni alla tendenza nazionale nel Vallo di Diano si registrano a Teggiano e Sant'Arsenio. Nella città museo del Vallo di Diano la vittoria di Cuperlo è netta e quasi plebiscitaria, con 357 preferenze contro le 123 di Renzi e le 13 di Civati, mentre a Sant'Aresenio il candidato sostenuto dall'ex segretario Bersani e dall'ex premier Massimo D'Alema, ma anche dal consigliere regionale Donato Pica, si impone di misura con 97 preferenze su Renzi che si ferma a 85 e su Civati che totalizza 16 preferenze. 

Politica


Anche a Sala Consilina, domenica 8 dicembre, si svolgeranno le primarie del Partito Democratico per la scelta del nuovo Segretario Nazionale, consultazione che come risaputo vede in lizza Matteo Renzi, Gianni Cuperlo e Pippo Civati. Il seggio per le votazioni a Sala Consilina sarà allestito in via Giovanni Mezzacapo, vicino alla "Panetteria S.Anna", e le operazioni di voto inizieranno alle ore 8:00 e termineranno alle ore 20:00. Le primarie sono libere e possono partecipare anche coloro che non sono iscritti al PD, versando un contributo di 2 euro. Hanno diritto di voto le cittadine/i e le elettrici ed elettori che hanno compiuto il sedicesimo anno di età. Per velocizzare il voto al seggio, è possibile effettuare la registrazione online, sul sito del PD, fino alle ore 12:00 del 6 dicembre 2013. Inoltre, i ragazzi tra i 16 ed i 18 anni, gli studenti e i lavoratori fuori sede, i cittadini temporaneamente fuori sede, per potere votare devono obbligatoriamente registrarsi online entro le ore 12:00 del 6 dicembre 2013. Nella circoscrizione Cilento – Vallo di Diano il padulese Settimio Rienzo è candidato al quarto posto nella lista pro Renzi, mentre la giovane democratica Teggianese Maddalena Anna Chirico, 24 anni e membro della direzione nazionale dei Giovani Democratici ,è invece candidata al secondo posto nella lista a sostegno di Gianni Cuperlo. Per Pippo Civati segretario, sempre nella circoscrizione Cilento – Vallo di Diano, è in lizza invece al secondo posto in lista il consigliere comunale di Sala Consilina Antonio Abate Chechile

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.