Politica

Politica

Si è svolto ieri l'annunciato tavolo per la definizione di una linea di massima per la scelta del nuovo presidente della Comunità Montana Vallo di Diano che dovrebbe succedere a Raffaele Accetta. Dal consiglio dei delegati dello scorso dicembre era infatti emersa la volontà di puntare su un nuovo nome per la guida dell'ente dopo 12 anni di amministrazione Accetta.

Secondo quanto emerso nel tavolo di discussione che si è svolto ieri con i responsabili provinciali del Partito Democratico, sembra che vi sia la volontà comune e condivisa, di puntare su Francesco Cavallone, sindaco di Sala Consilina, quale nuovo presidente della Comunità Montana Vallo di Diano. Ieri sera l'atteso incontro che era stato preannunciato in sede di consiglio generale. Presenti all'incontro Vittorio Esposito, sindaco di Sanza nella sua veste di delegato per la Comunità Montana nonché membro della direzione regionale del PD, il sindaco di Sala Consilina Francesco Cavallone quale primo cittadino del comune più popoloso del Vallo di Diano e quindi più rappresentativo e di due consiglieri regionale del Vallo di Diano seppur non eletti tra le file del PD.

Dal tavolo di confronto del centro sinistra di ieri pare sia emersa la volontà di puntare su Cavallone quale nuovo presidente della Comunità Montana Vallo di Diano su cui convergeranno, molto probabilmente tutti i sindaci di riferimento PD del Vallo di Diano e non solo. Tutto però dipenderà dal prossimi incontro che dovrebbe tenersi nelle prossime ore in cui, tutti i sindaci del Vallo di Diano, saranno coinvolti nella decisione e che dovrebbe svolgersi nelle prossime ore, prima di venerdì 15 gennaio, giorno in cui si dovrebbe riunire il consiglio generale della Comunità Montana Vallo di Diano per la decisione finale sul nome che dovrà guidare per i prossimi anni l'ente.

Anna Maria CAVA

Politica

La politica non si ferma ed i partiti continuano nelle attività di riorganizzazione sui territori in vista anche degli appuntamenti elettorali anche se, il prossimo anno, la sfida interesserà soprattutto le grandi città. Ciò non toglie che molti partiti, sono a lavoro per un radicamento sul territorio anche nelle aree marginali. Ta questi c'è il Partito Socialista che, nelle ultime ore, ha ufficializzato la nomina del coordinatore territoriale del Vallo di Diano. Il nuovo referente del partito guidato dal segretario Enzo Maraio sarà Gianfranco Russo che, attualmente, ricopre l'incarico di Vice Sindaco del Comune di Sassano nell'amministrazione Rubino, dopo i 5 anni nel ruolo di consigliere comunale nella precedente amministrazione.

La sua attività politica ora si consolida a fianco del PSI dopo che, già 5 anni fa, aveva annunciato la sua adesione al gruppo socialista. Un'adesione che viene oggi premiata con l'incarico territoriale affidatogli direttamente dal segretario provinciale Silvano De Luca che ha commentato la nomina sottolineando come, tale decisione è necessaria per l'opera di riorganizzazione del partito sui territori. "Russo - dichiara -  Russo rappresenta un valore aggiunto per tutti i socialisti salernitani e siamo certi che con il suo contributo il partito sarà protagonista già dalle prossime elezioni provinciali e amministrative che riguarderanno importanti comuni del Diano”.

Lieto della nomina il neo coordinatore territoriale Ginafranco Russo che spiega: "Ho aderito pubblicamente al partito nel 2015 da consigliere comunale ed ora, dopo 5 anni di legislatura sono stato riconfermato alle amministrative come vicesindaco del comune di Sassano. Questa riconferma - sottolinea - è la dimostrazione della mia dedizione verso il popolo. Oggi alla luce della mia coerenza politica verso il PSI sono stato nominato coordinatore del PSI per il Vallo di Diano. Tale nomina arriva per rendere necessario il rilancio del partito nel nostro territorio.  Devo dire - continua - che questa nomina mi riempie di orgoglio visto  l'importanza che ha avuto in passato il PSI per il Vallo di Diano. Ringrazio della fiducia il segretario Nazionale PSI  On. Enzo Maraio, il segretario provinciale PSI Silvano Del Duca e il neo eletto consigliere Regionale PSI l’on. Andrea Volpe".

Anna Maria CAVA

Politica

Novità politiche a Capaccio Paestum. Emanuele Sica passa al gruppo misto. Nel corso del Consiglio comunale urgente di ieri sera dall’aula consiliare il sindaco, Franco Alfieri, senza usare giri di parole ha tuonato contro detrattori e manovratori occulti. 

StileTV

Politica

Caggiano

Lunedì, 30 novembre, a Caggiano si riunirà in seduta pubblica il Consiglio Comunale. Il gruppo Cambiamenti aveva chiesto al sindaco, la possibilità di riunire il consiglio online in maniera pubblica, così da consentire a tutti la possibilità di assistere in sicurezza.

"Lo abbiamo ribadito - dicono - poco prima della convocazione di questo consiglio, ma come al solito non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire. La giunta comunale - spiegano - per garantire il distanziamento e il continuativo operare si riunisce in maniera online dall'inizio della pandemia ma non hanno ritenuto necessario garantire questa possibilità al Consiglio Comunale. Eppure conta un numero maggiore di presenze che potrebbero essere potenzialmente pericolose. Quello che vorremmo sentire dal sindaco è la ragione che sta alla base di queste scelte. Crediamo che noi in primis dovremmo dare l’esempio e rispettare le regole come, a più riprese, viene chiesto e ribadito ai nostri cittadini. Ne va della credibilità delle ordinanze emanate fin a d’ora".

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.