Politica

Politica

La situazione politica a Sant’Arsenio è sempre più tesa. Ieri sera il gruppo di minoranza “SìCambia” ha incontrato la cittadinanza presso l’ex palazzo Fiordelisi in Piazza dei Padri Domenicani per esaminare le scelte politiche dell’amministrazione Pica. Qualche settimana fa, il 19 gennaio, all’auditorium comunale “Giuseppe Amabile” di Sant'Arsenio c’era stato un incontro pubblico indetto dal sindaco e la sua squadra, per fare il punto sui primi 2 anni e mezzo di governo della cittadina. “4 ore di relazione del Sindaco il quale – dicono gli avversari politici di SìCambia – non ha chiarito i reali motivi di tanta difficoltà nel tenere compatta la maggioranza, né tantomeno ha dissolto i dubbi sulle criticità che attraversa il nostro comune”. Una in particolare li ha spinti a organizzare l’incontro di ieri sera: la questione del debito (o dei debiti) fuori bilancio. La minoranza ha voluto spiegare alla comunità l'esposto, quindi illustrare la documentazione inviata alla Prefettura e alla Corte dei Conti.  

La questione del debito (o dei debiti) fuori bilancio – dicono da SìCambia – è stata liquidata in maniera semplicistica e rinviando a future azioni che non si sa che soluzione potranno dare ad una criticità economica palese. L’invito ad intervenire su questo argomento era giunto da parte del Segretario Generale e della Responsabile Area Amministrativa e Finanziaria, a tutti i consiglieri, il 28 ottobre 2019, ma ad oggi non si è proceduto ad effettuare le dovute azioni che avrebbero potuto salvaguardare gli interessi del Comune di Sant’Arsenio. Da parte nostra c’è stata l’immediata disponibilità a discutere nelle sedi competenti tale problematica, infatti, proprio a seguito della Pec pervenuta dai funzionari comunali, avevamo chiesto l’integrazione dell’argomento nell’odg del Consiglio Comunale che si sarebbe tenuto pochi giorni dopo, ma abbiamo riscontrato un atteggiamento ostruzionistico che ignorava le istanze della minoranza e le richieste dei funzionari stessi. L’unico momento di confronto si è avuto in una riunione tenutasi 24 ore prima del Consiglio Comunale che però non ha portato alcun chiarimento visto che gli stessi consiglieri di maggioranza sembravano essere all’oscuro del problema.  Anche gli ulteriori inviti a non perseverare in questo atteggiamento di negligenza, giunti dal Segretario e dalla Responsabile Amministrativa e ai quali si aggiungeva anche il parere del Revisore dei Conti, venivano ignorati da questa amministrazione nonostante si palesava la possibilità che il Segretario Comunale inviasse gli incartamenti ad organi superiori – così come riportato in una sua comunicazione scritta. A seguito di questi fatti ci siamo visti obbligati ad agire in merito per tutelare gli interessi della comunità santarsenese e per chiarire la nostra posizione che fin dall’inizio è stata di piena disponibilità a trovare una soluzione opportuna alla problematica”.

Politica

L'associazione Bene Comune di Sant'Arsenio attacca l'amministrazione comunale guidata dal sindaco Donato Pica, dopo l'incontro svoltosi lo scorsi 19 gennaio voluto per tracciare un bilancio dell'attività amministrativa a metà mandato. A distanza di qualche giorno dall'incontro, l'associazione con una nota stampa mette in evidenza alcuni punti che, a suo parere, hanno suscitato perplessità, soffermandosi anche sul programma e sugli impegni assunti in corso di campagna elettorale.

"Dal giorno del suo insediamento - scrivono dall'associazione -  questa Amministrazione Comunale aveva assunto alcuni impegni importanti quali: Amministrare con buone pratiche, rappresentando tutti i cittadini, informarli e coinvolgerli nelle scelte più importanti nel rispetto dei ruoli e delle regole democratiche. Ad oggi queste pratiche non le abbiamo riscontrate. Facciamo notare, inoltre, che i rilievi e le critiche da parte di cittadini, comitati, associazioni ecc… sono pienamente legittime e costituzionalmente previste contrariamente a chi ritiene che sono manifestazioni di “lesa maestà”. I cittadini - scrivono - devono sapere che le norme nazionali non obbligano i Comuni ad applicare l’addizionale IRPEF salvo i casi in cui è necessario l’equilibrio di bilancio o per assicurare la copertura delle spese per l’erogazione dei servizi essenziali ai cittadini". Sull'IRPEF, in particolare i membri dell'associazione chiedono come mai si sia registrato un aumento dell'addizionale del tributo in questione "Vogliamo sottolineare - scrivono nella nota - che, contrariamente a quanto affermato in una intervista da parte del Sindaco, le persone con reddito fino a 8.173 euro non sono soggette a tassazione IRPEF perché stabilito da leggi nazionali, pertanto l'Amministrazione non fa nessuno sconto particolare a questi soggetti".

In conclusione l'Associazione Bene Comune chiede quali sono i buchi in bilancio da coprire e che tipo di servizio dovrà essere potenziato per giustificare l'aumento. "La cultura dell’anonimato - concludono da Bene Comune - non ci appartiene pur essendo consapevoli che sia in passato che di recente si è fatto ampio uso di lettere anonime e quindi per quanto ci riguarda le nostre osservazioni critiche sono e saranno esposte pubblicamente e con la massima trasparenza".

 

Anna Maria CAVA

Politica

18519760 1898591753695211 3717335979541398861 n-e1559229834667

Domenica 9 febbraio, alle ore 18.30, presso l’aula dell’ex Palazzo Fiordelisi di Sant’Arsenio, il gruppo consiliare di minoranza SI CAMBIA, rappresentato dai consiglieri comunali Luigi Pandolfo, Arsenio Spera e Nicola Costa, esporrà il proprio punto di vista sulla situazione politica santarsenese, evidenziando le scelte  prese dal sindaco, Donato Pica, e delle difficoltà che sta incontrando l'amministrazione comunale nella gestione  amministrativa del paese.

Politica

Il sindaco di Auletta, Pietro Pessolano, è stato nominato Responsabile Organizzativo del Partito Repubblicano per la composizione e la presentazione della lista provinciale di Salerno.

Si inizia a lavorare in vista delle prossime elezioni regionali. Ed avere le prime certezze. Tra i candidati protagonisti nel Vallo di Diano e Tanagro c’è il pasionario primo cittadino aulettese a cui è stato anche affidato di creare la compagine salernitana per correre insieme verso Palazzo Santa Lucia.

“È con immenso piacere – conferma Pessolano – che annuncio la mia investitura, ricevuta dal Segretario Regionale del Partito, Avv. Salvatore Piro, con il placet della Segreteria Nazionale.Sono già al lavoro per l’organizzazione della composizione e per la presentazione della lista provinciale di Salerno, in vista delle Elezioni Regionali che si terranno nel prossimo mese di maggio”.

Pessolano ha accolto con entusiasmo la nomina, frutto della volontà del PRI di armonizzarne la presenza nel salernitano, per sostenere il progetto politico storicamente vivo sul territorio.

“Il mio impegno – conclude Pessolano – sarà profuso nel coinvolgere non solo quanti in passato hanno sostenuto gli ideali propri del Partito Repubblicano Italiano, ma anche i rappresentanti della società civile in ambito provinciale che siano appassionati a tali ideali rivolti alla democrazia partecipata”.

Rosa ROMANO

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.