Politica

Politica


Animato Consiglio Comunale a Sala Consilina, con all'ordine del giorno l'approvazione del rendiconto di gestione 2012. Ma a tenere banco è stato soprattutto l'intervento del consigliere Elena Gallo, che ha annunciato la sua fuoriuscita dal gruppo di maggioranza, dichiarandosi indipendente e attaccando con parole durissime l'operato dell'amministrazione comunale guidata dal sindaco Gaetano Ferrari

Politica


Sul risultato delle elezioni amministrative a Polla interviene l'ex consigliere di minoranza Antonio Bruno, che non si è candidato in questa tornata amministrativa. Secondo Bruno il risultato uscito dalle urne poteva essere evitato, e la maggioranza uscita vincente di Rocco Giuliano è una maggioranza solo "virtuale"

Politica


E' previsto nel prossimo fine settimana l'insediamento ufficiale dei nuovi consigli comunali di Atena Lucana e Polla, gli unici due comuni del Vallo di Diano che sono stati interessati dalle elezioni amministrative del 26 e del 27 Maggio. Ad Atena Lucana il primo consiglio comunale dopo le elezioni è stato fissato dal nuovo sindaco Pasquale Iuzzolino per sabato alle ore 19,00, presso l'aula consiliare del comune atenese. Insieme al sindaco Iuzzolino per la maggioranza del nuovo consiglio comunale fanno parte Sergio Annunziata, Francesco Bellomo, Gaetano Caporale e Michelina Siciliano, che hanno ottenuto il maggior numero di consensi con la lista "Nuovamente per Atena". La minoranza è rappresentata da Francesco Manzolillo e Luigi Vertucci, i due candidati a sindaco delle liste "Sole e Terra" e "La Bussola". Per quanto riguarda i nomi della ridottissima giunta comunale, i giochi sono già fatti: vicesindaco sarà Sergio Annunziata, primo cittadino uscente, e l'unico assessore sarà Gaetano Caporale. Restano ancora da stabilire le deleghe di competenza. Si insedierà invece domenica 9 giugno il nuovo consiglio comunale di Polla. L'assemblea è stata convocata dal sindaco Rocco Giuliano, ritornato dopo 9 anni alla guida del comune del Vallo di Diano, alle ore 17.00 per la proclamazione degli eletti e la nomina della giunta. In consiglio comunale con la lista vincente "Pollesi per Polla" sono entrati Massimo Loviso, Teresa Pascale, Graciano Vocca, Giovanni Corleto, Giuseppe Curcio e Rosaria Sinforosa. Per le minoranze siederanno tra i banchi dell'opposizione i tre candidati a sindaco delle altre liste: Raffaele Cammardella, Fortunato D'Arista e Vanni Ritorto. Anche per la giunta che amministrerà il Comune pollese nei prossimi 5 anni i giochi sembrano fatti. La carica di vice- sindaco sarà ricoperta dall'ex primo cittadino Massimo Loviso, mentre gli assessori saranno Giuseppe Curcio, con delega al commercio, all'artigianato e alle attività Produttive, l'avvocato Giovanni Corleto all'ambiente e agli affari Legali, e l'architetto Maria Citarella ai Lavori Pubblici. A ricoprire il ruolo di presidente del consiglio comunale sarà Teresa Pascale. Il sindaco Rocco Giuliano lascia comunque la porta aperta anche agli altri consiglieri di maggioranza, ai quali dovrebbero andare "deleghe su problematiche specifiche di pubblica utilità".

Politica

altaltSi può fare politica anche altrove, lontano dal paese natìo, quando la vita porta a spostarsi per esigenze di lavoro e familiari, ed ottenere comunque un risultato che premia l'impegno, la coerenza e la voglia di essere artefice di un cambiamento, che fa fare un passo avanti ad una comunità piccola o grande che sia, in cui ci si è pienamente integrati nel tessuto sociale, economico e lavorativo senza sentirsi "straniero". Accade quindi che due Buccinesi, Vladimiro Basta a Pisa e Vito Antonio Remollino a Ripacandida (PZ), nell'ultima tornata elettorale, hanno visto premiato il loro impegno politico con un ottimo successo. Vladimiro Basta, da anni a Pisa dove nel 2001 ha conseguito la laurea in Ingegneria Gestionale per poi lavorare nella multinazionale italiana Prysmian Cavi nel sito produttivo di Livorno, in qualità di Engineering Manager; moglie Pisana, due figli: Mattia di 7 anni, Marta di 4. Gia' durante l'attivita' studentesca è attivo alla Camera del Lavoro di Pisa, sostenendo attività di orientamento ai giovani in cerca di prima occupazione. Per due anni curatore di due pagine di un inserto regionale dell'Unità sull'orientamento e la formazione. Per 4 anni nella direzione nazionale di una organizzazione giovanile affliata alla CGIL. Nel 2006 eletto segretario DS della sezione del più' popolato e popolare quartiere di PISA CEP e del quartiere residenziale vicino al parco di San Rossore Barbaricina; Poi segretario del PD, sempre di questa area Ovest di Pisa. "Il PD a Pisa e le liste collegate superano in questa tornata il 53%, vedendo riconfermata la fuducia al sindaco Filippeschi per un secondo mandato. Il quartiere in cui vivo e di cui sono segretario appartiene alla cosidetta , dove si decidono le vittorie e le sconfitte delle elezioni. Infatti in questi quartieri le liste a sostegno di Filippeschi toccano addirittura il 57%. Candidato di riferimento di questa area per il PD, ho preso 300 preferenze, e altre 140 dal resto della città. Il PD e' il primo partito a Pisa e prenderà circa 15 consiglieri su 32, i restanti 6 distribuite per le altre liste collegate". A Ripacandida (PZ), invece, dove da 8 anni vive, Vito Antonio Remollino raggiunge il traguardo di Sindaco con la lista "Rinnoviamo Ripacandida PD-SEL", contrapposta a due liste civiche, che su 1173 votanti su poco più di 1445, ha riportato un nutrito consenso di 577 voti (46,7%). Vito Antonio Remollino, ancora legato alla sua Buccino con visite frequenti ai parenti e ai numerosi amici di gioventù, si è laureato in Medicina e Chirurgia alla Federico II di Napoli e poi si è specializzato a Bari in Neurologia. Dopo 20 di servizio presso l'Ospedale S. Carlo di Potenza (Geriatria, Pronto Soccorso, Neurologia) dal gennaio 2006 lavora ad Acerenza (PZ) presso la Fondazione Don Gnocchi in struttura ospedaliera riabilitativa neuro-ortopedica come responsabile. In un fugace colloquio via web ci racconta "..da quasi un decennio vivo a Ripacandida, ridente paesino del Vulture di 1700 anime, famosa per il culto di S. Donato, per un eccellente Aglianico, per l'olio ed il miele. Mia moglie è una Ripacandidese DOC che ho conosciuto sul posto di lavoro all'Ospedale S. Carlo. La lista che ho capeggiato è una lista innovativa di centrosinistra con candidati nuovi della politica in risposta alla forte esigenza di cambiamento a livello locale e regionale. Sono stato individuato come candidato sindaco e ora affronterò il risultato di questo grosso tributo di consensi e di fiducia, con rafforzato l'impegno politico per contribuire a migliorare le sorti di "un paese in frantumi" (R. Scotellaro) in ogni ambito. Tra i vari obiettivi: migliorare l'immagine ed i contenuti della politica e delle istituzioni, lotta alla povertà, attenzione a giovani ed agli anziani, sviluppo economia locale ed attrattori turistici, migliore gestione ed utilizzo dei proventi derivanti dall'eolico."
Quintino Di Vona

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.