Politica

Politica

Accuse di brogli, congressi fantasma, falsi verbali e minacce che si sarebbero verificati nel corso delle ultime votazioni in alcuni circoli del Partito Democratico della provincia salernitana. L'elezione del nuovo segretario provinciale del PD sembra trasformarsi sempre più da occasione di confronto democratico interno all'ennesima evidenziazione pubblica dell'endemica malattia che affligge il PD salernitano. Insomma un gran brutto spettacolo, con due dei tre candidati alla segreteria Provinciale, Annunziata e Pedace, che nella giornata di sabato hanno denunciato pubblicamente, anche con la sottoscrizione di una lettera inviata alla commissione per il congresso ed ai livelli centrali del PD, diverse irregolarità verificatesi in alcuni circoli territoriali, annunciando addirittura la loro rinuncia alla candidatura contro il segretario uscente Landolfi. Sotto accusa diversi episodi verificatisi a Corleto Monforte, Salerno, Ottati, Pisciotta, Gioi Cilento e altre località. Un scelta, quella della rinuncia alla candidatura, confermata poi domenica da Pedace ma che sembra rientrata nel caso di Annunziata, dopo che la commissione congressuale ha deciso di accogliere alcune sue richieste e di consentire il voto anche a coloro che si sono iscritti solo da pochi giorni al Pd, con la possibilità anche per quest'ultimi di essere candidati. Accolta anche la richiesta di sospensione dei congressi per oggi e domani. "Resto in corsa ma con riserva - fa sapere Annunziata- ed attendo che si passi dalle parole ai fatti. Ove dovessimo registrare un sostanziale accoglimento della posizione che ragionevolmente abbiamo rappresentato, potrò rimanere in gioco anche al fine di assicurare un minimo di pluralismo alla competizione. Invito il candidato Vincenzo Pedace, che insieme con me ha posto legittimamente eccezioni più che fondate, a valutare le decisioni della Commissione prima di assumere i conseguenti atteggiamenti". Resta confermato al momento, invece, il passo indietro di Pedace che, con la deputata Saggese, ha chiesto un incontro al segretario nazionale Epifani "Nonostante la tardiva e falsa disponibilità manifestata dal segretario uscente Landolfi non sono giunte risposte concrete ed Ancora una volta il Pd ha dimostrato di essere un partito chiuso" ha sottolineato Pedace, che ha invitato i suoi elettori a non andare a votare.

Politica


Nella giornata di ieri è arrivata la firma del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano sul decreto di scioglimento del consiglio provinciale di Salerno. Ora si passa alla fase di Commissariamento che sarà affidata allo stesso ex presidente Antonio Iannone con giunta e consiglio che agiranno in regime di "prorogatio"

Politica


Continua il dibattito interno al PD del Vallo di Diano per l'elezione del nuovo segretario provinciale. Non ha dubbi in merito il sindaco di Sala Consilina Gaetano Ferrari, che sostiene Sergio Annunziata, e secondo il quale si tratta di una occasione da non perdere per dare il segnale di una svolta dopo le recenti perdite di servizi, dimostrando per una volta unità territoriale all'interno del PD del Vallo di Diano.

Politica


Il sindaco di Buonabitacolo Beniamino Curcio risponde alle critiche sollevate dalla minoranza sullo stato di degrado del locale cimitero. "L'amministrazione comunale ha fatto tutto quanto in suo potere per accelerare le pratiche e dare il via ai lavori di recupero del Cimitero –sottolinea Curcio- ed i tempi dipendono solo dai necessari adempimenti burocratici". Curcio sottolinea anche che tutto il regolamento relativo al Cimitero Comunale è stato rivisto e sistematizzato

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.