Eventi

Sarà Mons. Giuseppe Liberto, Maestro e Compositore, che il 29 maggio del 1997 proprio Papa Giovanni Paolo II volle alla direzione della Cappella Musicale Pontificia “Sistina” che domani sera, 19 ottobre, alle ore 16,30, presso la Chiesa di San Marco di Teggiano riceverà il premio Giovanni Paolo II istituito dalle Acli Salernitane in memoria di Papa Karol Wojtyla, un Papa il cui ricordo e i cui insegnamenti restano indelebili anche per la profonda attenzione ai giovani manifestata durante il suo lungo pontificato e per la priorità assegnata alla famiglia. Attenzioni che sono anche priorità per il circolo Acli Camminare Insieme e PER la Parrocchia di San Marco Evangelista di Teggiano.

La scelta del nome vincitore della 4^ edizione del premio è avvenuta all'unanimità da parte della commissione presieduta da Francesco Antonio Grana - vaticanista de ilfattoquotidiano.it. A Mons. Liberto, autore di celebri opere liturgiche, si uniscono altre due figure connesse al ministero petrino del Papa polacco; il salernitano Giuseppe Blasi, storico giornalista RAI e Presidente dell’UCSI Campania (l’unione dei giornalisti cattolici) e il vaticanista Salvatore Cernuzio, di Vatican Insider, il quotidiano online de La Stampa dedicato all'informazione sul Vaticano, l'attività del Papa e della Santa Sede. Domani pomeriggio sarà quindi, ancora una volta, un appuntamento in cui il ricordo di San Giovanni Paolo II, Papa amato per la sua umiltà e la sua grande voglia di essere Pontefice tra la gente e per la gente, e che ha traghettato l'umanità cristiana nel passaggio al terzo millennio, sarà ripercorso insieme a figure che hanno avuto la fortuna di essergli accanto e di collaborare con lui nel suo pontificato, tra emozioni e sorprese.

Nel corso della serata, grazie al protocollo d’intesa sottoscritto tra le ACLI e l’Istituto comprensivo di Teggiano, che prende il nome dal monito del Papa polacco ai giovani “fate della vostra Vita un capolavoro”; saranno premiati con una borsa di studio, i  cinque alunni più meritevoli delle classi terze, che hanno concluso nel 2019 il ciclo di studi con il massimo dei voti. Per il futuro è previsto una borsa di studio per l’alunno che abbia approfondito e realizzato la migliore ricerca sul pensiero e magistero di Karol Wojtyla. Prevista inoltre anche la consegna di una menzione speciale ad una personalità che si è particolarmente distinta a favore del territorio.   

Anna Maria CAVA

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.