Eventi

Una passeggiata nella storia. A Teggiano,anche per l''edizione 2019, una folla maestosa ha deciso di immergersi nel fantastico mondo del Medioevo magnificamente ricreato grazie all'intenso lavoro della Pro Loco di Teggiano che, ormai da 26 anni, porta nel centro storico teggianese i magnifici sfarzi del medioevo e non solo. Da ieri sera ha preso il via la 26esima edizione di Alla Tavola della Principessa Costanza, la manifestazione medievale che ha ricreato l'arrivo della Principessa Costanza di Montefeltro nello Stato di Diano, uno dei tanti possedimenti del suo neo sposo Principe Antonello Sanseverino.

26 anni fa, la Pro Loco di Teggiano, oggi presieduta da Biagio Matera, ha voluto ricreare quel momento di festa e lo ha fatto in una suggestione di musiche, colori e abiti che sono riusciti e, riescono tuttora, a far respirare al visitatore l'atmosfera medievale.

Il principesco corteo, particolarmente atteso quest'anno per la curiosità di ammirare i nuovi principi che, da quest'anno sono interpretati da Greta De Paola e Vincenzo La Maida, ha aperto tra una folla maestosa l'edizione 2019 della festa che porta ogni anno migliaia e migliaia di turisti a Teggiano per questo evento che consente di esaltare le bellezze e la suggestione del centro storico, unito ai piatti tipici della gastronomia locale.

Prese letteralmente d'assalto le taverne posizionate lungo tutto il percorso dove i tantissimi volontari offrivano le squisite pietanze teggianesi. E lungo il percorso la possibilità di visitare i tantissimi musei e le storiche chiese presenti a Teggiano con i ragazzi del servizio civile pronti ad offrire tutte le informazioni necessarie per vivere a meglio i luoghi storici.

Buona la prima con Teggiano invasa da turisti, oltre ogni più rosea aspettativa, per questa 26esima edizione di Alla Tavola della Principessa Costanza che acquisisce un sempre più elevato carattere nazionale, risultando tra le manifestazioni più interessanti del meridione.

Una festa che, come ogni anno prosegue per tre sere fino al 13 agosto riportando Teggiano all'epoca del suo massimo sfarzo del periodo medievale.

Anna Maria CAVA

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.