Eventi

Anche gli alunni delle classi quarte di tutti i plessi dell’istituto Marco Tullio Cicerone di Sala Consilina parteciperanno alla terza edizione del progetto “La vita è…il dono più bello che ci sia” organizzato dal Centro Regionale Trapianti, in collaborazione con l’Ospedale Cardarelli di Napoli. Il progetto è finalizzato alla promozione della cultura della donazione degli organi.

Lo scopo è infatti quello di sensibilizzare verso la donazione non solo di organi ma anche di cellule e tessuti. Il progetto sarà presentato agli studenti di Sala Consilina nel corso di un incontro, alla presenza di alcuni medici del Cardarelli di Napoli, in programma giovedì 28 marzo dalle 9.30 presso l’aula magna del Liceo Cicerone, per i ragazzi del Plesso del Liceo, a seguire dalle 11 presso l’Aula magna del Cat, per i plessi Cat, ITIS, Ipsasr (agricoltura e servizi rurali) e Ipsia (industria e artigianato).

I ragazzi incontreranno esperti in tema di donazione e trapianti tra cui il Dott. Elio Bonagura e la Dott.ssa Irene Scalera. Il progetto proseguirà dopo l’incontro di giovedì con alcuni appuntamenti che impegneranno gli alunni in attività da svolgere con i docenti e infine sarà realizzata una campagna di sensibilizzazione da diffondere sui social e su YouTube, per partecipare al concorso omonimo “la vita è il dopo più bello che ci sia”, entro il prossimo 20 aprile. Si tratta di uno spot video sul tema delle donazioni di organi che gli studenti dovranno realizzare rivolgendosi ai propri coetanei. L’iniziativa ha una grande valenza educativa in quanto non solo ha lo scopo di promuovere tra i giovani la cultura della donazione, ma anche di stimolare una riflessione sugli argomenti riguardanti la salute e la responsabilità civile, sociale e comunitaria, anche attraverso la conoscenza di aspetti etici e norme sanitarie.

Il progetto è molto ampio e coinvolge diverse scuole del territorio campano di tutti gli ordini e i gradi, e prevede azioni di informazione e sensibilizzazione rivolte agli alunni sui temi del dono, solidarietà, libertà e responsabilità di scelta affrontati da un punto di vista etico, medico scientifico e normativo.

Antonella D'ALTO

 

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.