Eventi

Eventi

Un trittico di formaggio, salsiccia e taralli accompagnato da un vino rosato, tutto rigorosamente locale, a far da cornice la Certosa di San Lorenzo e l’Aperitivo Certosino è servito. Un modo diverso di vivere il conviviale momento di piacere pre-pranzo andrà in scena domenica 16 giugno, dalle ore 11.30 alle ore 13.00, nella Loggia della Spezieria. Organizzato dalla Condotta Slow Food Vallo di Diano e Tanagro, in collaborazione con il Consorzio Arte’M e con il Comune di Padula.

Immersa nell’atmosfera della Casa Bassa della Certosa di San Lorenzo, luogo di produzione dei cibi, la Loggia dello Speziale ben si presta alla degustazione di prodotti naturali e a km 0. E la semplicità delle pietanze proposte si sposa con le consuetudini alimentari dei monaci certosini.

Domenica, a chi deciderà di passare qualche ora in Certosa, sarà servito al costo di 5euro un tris di formaggi dell’Agriturismo Erbanito, salsiccia del Salumificio Santo Jacopo, taralli padulesi di Antico Forno e vino rosato di Gioia al Negro. All’evento parteciperà lo chef di Padula Luciano Petrizzo.

L’Aperitivo Certosino, totalmente plastic free, si svolgerà in linea con la politica di Slow Food che da sempre si impegna a ridare la giusta dimensione storica sociale e culturale al cibo, nel rispetto di chi produce in armonia con l’ambiente e recuperando saperi e conoscenze a rischio scomparsa. L’iniziativa, che vede tra gli organizzatori il Consorzio Arte’M e il Comune di Padula, vuole inoltre rendere fruibili in modo innovativo gli spazi della Certosa così da ampliare l’offerta culturale e turistica di Padula Sistema Museo.

Rosa ROMANO

Eventi

Procedono a gonfie vele i preparativi per il Trofeo Montesano sulla Marcellana, che coincide con la finale del Canapè Baby Challenge. Grazie al grande lavoro dell’Asd Marco Pantani e dell’Asd Giro d’Italia Amatori, domenica prossima, 16 giugno, si svolgerà la festa finale del circuito per esordienti e giovanissimi, a chiusura di una stagione piena di soddisfazioni anche in termini numerici, come dimostrato nelle prove disputate a Deruta, in Umbria, e a Sant’Angelo Le Fratte, in Basilicata.

Momenti di gara e spirito di aggregazione sotto il segno del divertimento e della passione per le due ruote, questo il leitmotiv della competizione.

A Montesano Scalo, in via 11 settembre, è fissato il ritrovo dei partecipanti; poi si partirà alle 10:00 da Via Garibaldi, con esordienti e donne allieve, in un circuito di 4 chilometri da ripetere 7 volte.

Nel pomeriggio, a partire dalle 16:00, e sempre da via Garibaldi, partirà il carosello dei giovanissimi under 13, con un anello di 800 metri da fare più volte a seconda dell’età del baby partecipante, per la gioia degli organizzatori che accontenteranno i tanti bambini e i ragazzi a suon di premi e tante belle sorprese.

Di rilievo l’appoggio dell’amministrazione comunale di Montesano sulla Marcellana con in testa il sindaco Giuseppe Rinaldi e l’assessore Marzia Manilia, sempre disponibili alla realizzazione di una piacevole manifestazione ciclistica “per i giovani e con i giovani”.

Federico D’ALESSIO

 

Eventi

Giunge a conclusione per i ragazzi dell’istituto Cicerone di Sala Consilina il Progetto regionale: “SCUOLA VIVA – OTTO MODI PER VIVERE LA SCUOLA”. Venerdì 14 giugno infatti alle 17,30 presso l’aula magna dell’Ipsia - ITIS si terrà la manifestazione conclusiva del progetto durato tre anni.

Un progetto interessante che ha portato i ragazzi a seguire una sorta di corso per ognuno degli otto modi di vivere la scuola, come recita il titolo: vale a dire il modulo sul periodo classico della Lucania Antica, quello sul laboratorio teatrale “Il se magico” realizzato in collaborazione con la Cantina della Arti, il modulo Rural-mente, il laboratorio didattico sulla robotica e arduino, il modulo sulle pratiche di merchandising “Ideo, realizzo, riciclo”, quello su professione reporter dedicato al mondo del giornalismo, il settimo modulo dedicato a progettare il futuro con il Bim III, e infine l’ultimo modulo sulla frontiera della mobilità.

Grande soddisfazione per il lavoro svolto è stata espressa da una delle docenti dell’istituto Cicerone, Paola D’Angelo.

Antonella D’ALTO

Eventi

Sarà presentato in anteprima alla 15esima edizione del Biografilm in corso a Bologna fino al 17 giugno, il documentario “Luther Blissett – informati, credi, crepa”, diretto dal giovane regista Dario Tepedino, originario di Buonabitacolo. La pellicola che racconta le biografie di Luther Blissett, pseudonimo collettivo utilizzato da performer, artisti e operatori del virtuale negli anni novanta, parteciperà nella sezione Arte e Musica del prestigioso festival dedicato al documentario internazionale.

Il film, scritto e diretto con la giornalista Elisa Ravaglia, ricostruisce e racconta le vite di Luther Blissett e le più famose e riuscite beffe ai danni dei mass media, antesignane delle moderne fake news: dalla trasmissione Chi l'ha visto ai telegiornali Rai, da Studio Aperto alle prime pagine dei quotidiani locali e nazionali, per dimostrare la fragilità del sistema dell’informazione. Tutto nasce nell’estate nel 1994, a Bologna, con il Luther Blissett Project, un movimento artistico-culturale di lotta alla falsità del sistema mediatico e al copyright. Dietro allo pseudonimo, ricavato dal nome del centravanti inglese di origine giamaicana Luther Loide Blissett, ingaggiato dal Milan alla metà degli anni ottanta, nel giro di pochi mesi, iniziarono a parlare, scrivere e agire centinaia di persone in Italia ed Europa.

Dal 1994 al 1999 il movimento divenne celebre anche per le pubblicazioni letterarie come 'Q', il best seller scritto dai componenti dell'ala bolognese del Luther Blissett Project, che poi diventeranno i Wu Ming. “A vent’anni dal Luther Blissett project - spiega il regista Dario Tepedino - abbiamo provato a raccontare l’origine e l’evoluzione delle fake news. Dalle invasioni dei marziani di Orson Welles al finto sultanato dell’Occussi Ambeno. Allo stesso tempo parlare del Luther Blissett project – ha concluso -  significa parlare forse di uno degli ultimi grandi movimenti culturali italiani. Luther è un eroe popolare moderno dai tratti indecifrabili”.

Antonella D'ALTO

 

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.