Eventi

Eventi

Tre giorni di degustazioni e workshop a Casalbuono con “Sapori autentici”, la manifestazione gastronomica organizzata dalla Pro Loco e dal Comune.

Da venerdì 22 a domenica 24 novembre si susseguiranno una serie di appuntamenti, con l’obiettivo di rilanciare i prodotti tipici locali: ben 7 le varietà locali di fagioli (di cui due Presidi Slow Food: i Sant’Anter e i Panzariedd) a dimostrazione della ricca biodiversità locale. In comune hanno un gusto delicato ed una buccia particolarmente sottile che assicura un’alta digeribilità. E c’è poi la famosa polvere di peperone dolce, ingrediente segreto delle zuppe di fagioli nonché degli insaccati.

“Sapori Autentici” nasce dalla volontà di un gruppo di amici innamorati del proprio territorio, intenzionati a creare una rete di distribuzione e commercializzazione che sostenga i produttori, di conseguenza l’economia agricola locale.

Conosciamo le difficoltà strutturali di una piccola comunità come la nostra - commenta il referente dell’iniziativa Italo Bianculli  - che soffre delle condizioni in cui versano tutti i piccoli comuni d’entroterra. Ma siamo convinti che partendo dalla qualità dei nostri prodotti e con la volontà di fare squadra, si possa riuscire a creare una filiera comprensoriale del gusto, che raggiunga tutti i consumatori attenti e desiderosi di portare in tavola prodotti tradizionali e genuini”.

Si parte venerdì 22 novembre alle ore 17:30 presso l’Auditorium “Massimo Troisi” con la presentazione dell’iniziativa e del progetto “Sapori Autentici”. Dopo i saluti del sindaco, Carmine Adinolfi, e del presidente della Pro loco, Giuseppe Viola, interverranno: Italo Bianculli, referente iniziativa, Luciano Pignataro, giornalista e scrittore, Antonio Briscione, presidente Riserve Naturali Foce Sele Tanagro e Monti Eremita Marzano, Tommaso Pellegrino, presidente PNCVDA. Modera il giornalista Angelo Raffaele Marmo. A seguire la Cena “Le eccellenze del Vallo di Diano in degustazione” dalle ore 20:30 presso il Ristorante Villa Cosilinum di Padula (Prenotazione obbligatoria fino al raggiungimento del numero consentito 0975.778615 – 340.8588994)

 

Sabato si parte alle ore 10:30 al Castello Baronale con il Concorso Gastronomico “Fagioli di Casalbuono e dintorni” presentato dalla giornalista Antonella Petitti. Show Cooking e degustazione con lo chef Franco Marino (tra i protagonisti della trasmissione tv La Prova del cuoco) e le migliori promesse della cucina degli Istituti Alberghieri. E alle ore 12:30 poi la premiazione.

Infine il 24 novembre al Centro Polifunzionale locale Giovanni Paolo II “Il pranzo della domenica” a cura della Pro Loco. Una Festa di Comunità a base di fagioli ed altre eccellenze del territorio.

Rosa ROMANO

 

Eventi

A Sicignano degli Alburni si è tenuto il confronto “Amministrare le comunità: la politica delle donne per il territorio”, un incontro che ha riunito intorno ad un tavolo le storie e le difficoltà di chi guida i Comuni, dinanzi ad una platea numerosa, con ben venticinque Comuni salernitani rappresentati da amministratori ed amministratrici.

Dopo, i saluti agli ospiti da parte del sindaco , Ernesto Millerosa.

L’incontro è  stato moderato dalla giornalista Margherita Siani che ha  evidenziato alcuni dati significativi. I quali rappresentano la concreta presenza del problema e sono lo spunto che rendono questo tema di discussione non ideologico ma vero e reale.

In Italia, le donne amministrano poco più di 10 milioni di abitanti. La rappresentanza di  genere, infatti,  è di 1131 sindache rispetto ai 6783 sindaci che governano i comuni italiani. Solo soffermandoci nella regione Campania, su ben 550 Comuni, le donne sindaco sono solo 27. La presenza di queste ultime è maggiore solo nei comuni fino a 15mila abitanti. Per quanto riguarda le giunte comunali con meno di 15mila abitanti, solo negli ultimi anni, grazie all’effetto delle quote rosa che hanno imposto un equilibrio di genere, vediamo come la presenza di assessore sia nettamente aumentata. 

In Italia, la parità nel lavoro è lontana, con una stima percentuale di uomini occupati di  20 punti maggiore rispetto alle donne. Anche dal punto di vista delle retribuzioni, a parità di condizioni le donne lavorano gratis 2 mesi all’anno. In Europa vi è un differenziale retributivo del 16%, un divario che in provincia di Salerno raddoppia.  Il freno è posto dagli ancestrali problemi legali al ruolo della donna e dalla scelta di essere colei che cede rispetto ai carichi ed ai bisogni familiari.

Durante il confronto, le testimonianze sono state affidate alla sindaca di Salvitelle, Maria Antonietta Scelza,  che si è soffermata sull’importanza di far sentire la propria voce, lavorando sodo quotidianamente, anche amministrando un piccolo centro.  In seguito sono intervenute anche: La sindaca di San Cipriano Picentino, Sonia Alfano . Anna Rosa Sessa, sindaca facente funzioni di Pagani  e la sindaca di Battipaglia, Cecilia Francese. Queste ultime hanno raccontato le insidie che si celanonell’amministrazione di una città per poter dare le giuste risposte ai cittadini e della difficoltà che le donne incontrano in questo campo. La Presidente del Consiglio regionale, Rosetta D’Amelio,  ha sottolineato come la Regione, anche per sua iniziativa, sia stata  la prima in Italia ad aver introdotto la doppia preferenza, che ha portato in consiglio da 2 a 12 le donne presenti. Legge che tutt’oggi manca in altre regioni italiane.

Hanno preso parte al confronto anche : Domenico Russo,  Clemy De Maio, Il presidente del Forum dei giovani di Sicignano, Giacomo Orco   e Anna Pagnani, presidente dell’associazione Arcobaleno che ha sottolineato come anche un piccolo soggetto associativo può costruire opportunità per fornire gli strumenti adatti per  superare le difficoltà di accesso al lavoro delle donne.

Nicole RUSSO

 

 

Eventi

poetryslam

Venerdì 15 novembre, dalle ore 20:00, presso l’Auditorium comunale di Atena Lucana il primo Poetry Slam ufficiale organizzato dalla Pro loco Athena Nova e dal Comune.

Si tratta del primo Poetry Slam ufficiale, in quanto riconosciuto dalla fondazione della LIPS – Lega Italiana Poetry Slam.

La filosofia del poetry guarda a una poesia da portare in ogni dove, in grado di superare qualunque barriera intellettuale, favorendo l’incontro con la performance e facendo di ogni intervento uno spettacolo. Nessuna musica di sottofondo, nessun travestimento, ogni poesia deve essere originale e composta da chi la propone. Sul palcoscenico il poeta, il suo componimento e la sua performance, valutati da una giuria di cinque persone scelte a caso tra il pubblico. A condurre la gara è un MC (Master of Ceremony). Il poeta che ottiene il punteggio maggiore vince.

Venerdì 15 novembre 2019, dalle ore 20:00, presso l’Auditorium comunale, la tribù nomade di Caspar - Campania Slam Poetry - parte alla ricerca di strani e nuovi mondi per condividere e instaurare nuove poetiche comunicazioni. Questi i nove valorosi che si sfideranno a colpi di lavagnette: Valeria Iannuzzi, Stella Iasiello, Fabio Salvatore Pascale, Celeste Alberti, Francesca Berillo, Davide Montoro, Gianpaolo Trotta, Alessandro Bruno, Franco Galato. Presentati e disciplinati da Andrea Doro, Master of Ceremony del C.A.P.S. - Campus Àtinas Poetry Slam, fortemente voluto dalla presidente della Pro Loco Athena Nova, Mariella Di Santi, e dal coordinatore di zona Arsenio D’Amato, non in gara per l’occasione, che - per la vallata - ha in serbo altre iniziative con Caspar.

L’idea, infatti, è quella di portare in giro questo «dispositivo teatrale» per gli altri paesi. Venerdì tocca ad Atena e al suo pubblico, atteso per decretare il vincitore che andrà avanti nel Campionato Regionale Campano LIPS di Poetry Slam.

 

Eventi

L’Associazione di promozione sociale “E20positivi” festeggia l’autunno a Sala Consilina con l’iniziativa “Il Mantello di San Martino”. L’appuntamento è per sabato 16 novembre dalle ore 20 in piazzetta Sant'Antonio per la quinta edizione della manifestazione ricreativa e solidale.

“Quella del mantello di San Martino – dicono gli organizzatori – è una storia che ci accompagna sin da bambini, racconta il fermento del nostro territorio e, a nostro avviso, poteva essere declinata su un'azione politica e sociale: dividere per condividere, ci permette di moltiplicare le azioni ed ottenere, da un gesto, una serie di nuove azioni e conseguenze positive”.

Con “Il Mantello di San Martino” l’Associazione vivacizza un luogo di cittadina coinvolgendo la comunità dei residenti, da spazio ai talenti locali e, con gesti concreti, aiuta il quartiere ospitante. Una piccola azione da cui parte un circuito solidale.

Significativi gli ingredienti della manifestazione, innanzitutto cultura e artisti del posto: e quest’anno il teatro de La Cantina delle Arti di Enzo D’Arco e La Compagnia Eduardo allieteranno la serata insieme alla danza popolare di Natalia Serrapede. Poi il cibo, quello a km 0, fornito da produttori locali (noci, castagne, legumi, farina). Un artigiano ha creato i bicchieri di coccio per il vino mentre il fuoco per scaldare utilizza legna offerta da cittadini del posto.

I fondi raccolti saranno utilizzati, come ogni anno, a piccoli interventi di riqualificazione del quartiere in cui si svolge la manifestazione. “Negli anni scorsi – ricordano gli organizzatori – nel quartiere di San Raffaele abbiamo potuto acquistare ed installare in un'area con scarsa visibilità, un lampione alimentato ad energia solare, con fotocellula, dando all'area la luce che mancava. E prima ancora abbiamo messo in sicurezza la ringhiera di Corso Vittorio Emanuele".

Rosa ROMANO

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.