Eventi

Eventi

Disabilità e speleologia possono convivere. Lo dimostrano per il secondo anno consecutivo i membri del Gruppo Speleologico della Sezione di Salerno del Club Alpino Italiano che, anche quest'anno, sono pronti a regalare una giornata magica e significativa alle eprsone affette da disabilità con l'evento Diversamente Speleo. Domenica prossima, 15 settembre, presso le Grotte di Pertosa-Auletta, grazie alla partenrship instaurata con la Fondazione MiDa, saranno abbattute le barriere architettoniche, almeno per un giorno, per dimotrare, contro ogni pregiudizio, che due mondi apparentemente in contrasto tra di loro, quali appunto la speleologia e la disabilità, possono convivere.

L'evento di quest'anno, organizzato dal G.S. CAI di Salerno con il patrocinio della Delegazione Regionale CAI, della Federazione Speleologica Campana, del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico sezione Campania, dell'ente Parco e dei comuni di Auletta e Pertosa, sarà dedicato alle varie forme di disabilità ed in particolare alle malattie dello spettro autistico e sindrome di Asperger. Accanto aglin organizzatori in questa giornata speciale ci sarà anche l'associaizone Ascoltami Onlus che domenica parteciperà con circa 30 persone speciali tra bambini e adulti e con le loro famiglie, a questa giornata appassionante finalizzata a dimostrare al mondo che non esistono diversità e che, con unità di intenti nel voler superare le barriere e i problemi, tutto è possibile. "La montagna - speigano gli organizzatori - ha una regola sacrosanta ossia "il più lento detta l'andatura del gruppo". Non è una gara e non ci sono premi in palio, ma solo l'obiettivo di portare a termine il percorso. Per questa ragione - sottolineano dal G.S. CAI - abbiamo voluto intitolare la giornata "A ciascuno il suo passo". Vogliamo dimostrare che la bellezza della natura non conosce barriere e, se si superano gli ostacoli dentro di noi, si può raggiungere l’obiettivo. Qualcuno arriverà prima altri dopo, ciascuno con il suo passo".

La giornata di domenica 15 prenderà il via alle ore 10,00 con il ritrovo nel piazzale antistante le Grotte di Pertosa Auletta e sarà dedicata al ricordo di Vincenzo Sessa, socio del G.S.CAI, ideatore della giornata, prematuramente scomparso lo scorso mese di agosto. Dopo la visita al sito ipogeo, si terrà il pranzo conviviale con al giornata che sarà anche animata dalla presenza di artisti di strada e cantastorie per intrattenere i bambini. Dopo il successo della scorsa edizione che, grazie al sostegno di alcuni sponsor, è stato possibile rendere fruibile il sito ai non vedenti attraverso al donazione di tabelle in braille descrittive del percorso, si ripropone l'appuntamento grazie anche al supporto di numerose associazioni di volontariato.

Anna Maria CAVA

 

 

 

 

 

Eventi

Limati gli ultimi dettagli al campo gara e definito il programma della II edizione del Memorial “Raffaele Rotunno” la gara di pesca sportiva, specialità trota torrente, organizzata dall’Asd Lenza Valdianese in programma domenica prossima, 15 settembre, ad Auletta. Tante le conferme e diverse le novità messe in campo dal sodalizio sportivo presieduto da Luigi Mazzillo.

Innanzitutto è stata rinnovata la partnership con Colmic Italia, azienda italiana leader nel settore attiva dal 1978, con il patron Andrea Collini che sin dall’inizio delle attività è stato vicino alla Asd Lenza Valdianese. Novità assoluta, invece, è la partnership con Conad Cassiopea che con la tavola calda-catering si occuperà del pranzo in programma dopo la premiazione. Tra le novità anche la collaborazione con Foto Albanese che immortalerà tutti i momenti più belli della manifestazione.

La gara, invece, avrà le stesse modalità dello scorso anno: agonisti da un lato e pescatori amatoriali dall’altro. Al termine delle circa tre ore di pesca i giudici procederanno alla pesatura e decreteranno i vincitori di ciascuna categoria e il vincitore assoluto. Per ogni partecipante gli organizzatori saranno immesse 4 kg di trote a corrente. Dopo le premiazioni ci sarà il pranzo.

“Abbiamo concluso le iscrizioni e siamo fieri dei numeri raggiunti – esulta il presidente dell’Asd Lenza Valdianese Luigi Mazzillo. Oltre 50 pescatori saranno domenica sulle sponde del fiume Tanagro per una giornata all’insegna dell’amore per la pesca e per la natura. È difficile – prosegue Mazzillo – spiegare quello che Raffaele ha rappresentato per noi e il Memorial è un modo semplice per mantenere intatto il suo ricordo. Quest’anno – aggiunge il numero uno della Asd Lenza Valdianese – abbiamo fatto di più, abbiamo deciso di dedicare il settore D al nostro compianto amico e lo faremo con una targa speciale. Con il Memorial si conclude la nostra stagione sportiva 2019 – chiosa il presidente Mazzillo – e confidiamo che in tanti possano venire domenica a divertirsi insieme a noi”.  

L’evento, che gode del patrocinio del Comune di Auletta e della FIPSAS (Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee), avrà come ospite il presidente della FIPSAS Salerno, nonché consigliere nazionale FIPSAS, Alberto Gentile.

 

Tutte le altre informazioni sono disponibili sulla pagina facebook: ASD Lenza Valdianese Team Colmic

Eventi

“Prevenzione e Cure oncologiche” titola così il corso formativo e informativo che si terrà presso la Certosa di San Lorenzo a Padula domani e dopodomani, 13 e 14 settembre, organizzato dal Lions Club Certosa San Lorenzo Padula, presieduto dal dott. Ippolito Pierucci. Rientra nell’ambito del programma di educazione continua in medicina e porterà a Padula nomi illustri del mondo della medicina e non solo.  Si affronterà il tema della prevenzione e la cura di diverse patologie (Diabete, Cancro e le patologie epidemiche come l’obesità, malattie Cardio-vascolari, Psoriasi, Alzaimer, Asma) che hanno in comune tra loro l’infiammazione cronica. Ragion per cui quando si parla di prevenzione anche la metodologia è comune. L’incontro è rivolto non solo agli addetti ai lavori ma anche a tutti coloro che sono interessati all’argomento della cultura della prevenzione. Il presidente Ippolito Pierucci presenta l'iniziativa. 

Rosa ROMANO

Eventi

Dopo la presentazione nel maggio scorso al Salone Internazionale del Libro di Torino il volume “Il Catasto Onciario del Comune di San Pietro al Tanagro” scritto da Domenico Quaranta sarà presentato nel Vallo di Diano, nel suo luogo d’origine, nel corso di un appuntamento programmato per il prossimo venerdì 13 settembre, proprio a San Pietro al Tanagro. L’evento si terrà dalle 18 nel Salone dei Convegni in Piazza Enrico Quaranta. L’opera include lo studio di una fonte storica diretta, che è avvincente, appassionante ed allo stesso tempo non lascia spazio ad errori o distorsioni. Il Catasto onciario, precursore degli odierni catasti, rappresentava l'attuazione pratica delle norme dettate da re Carlo di Borbone nella prima metà del XVIII secolo per un riordino fiscale del regno di Napoli.

Ogni Comune del Regno dunque ebbe il suo Catasto onciario nella metà del Settecento, ma pochi lo considerano come una testimonianza del passato. Il testo, dunque, ha come obiettivo quello di diffondere il documento a tutti per rendere nota la situazione del Paese nel giugno del 1754. Le contrade, le famiglie, i beni e i mestieri citati permetteranno al lettore di tornare indietro nel tempo, unico dominus intramontabile, arbitro imparziale ed incorruttibile di ogni vicenda umana. Ad introdurre la presentazione del libro, venerdì, sarà il Presidente del Consiglio del Comune di San Pietro al Tanagro, Antonio Pagliarulo. Sono previsti gli interventi di Simonetta Marchitelli docente al liceo classico Dante Alighieri di Roma, Fulvio delle Donne e Alessandro di Muro, docenti all’Università degli studi della Basilicata, e l’autore Domenico Quaranta sindaco di san Pietro al Tanagro. A moderare l’incontro il giornalista Rocco Colombo.

Antonella D'ALTO

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.