Eventi

Eventi

carabinieriarte

Dal 12 al 16 dicembre 2019, negli spazi del Porticato Alfano I (accanto al Tempio di Pomona) a Salerno, si svolgerà la mostra di pittura sull’Arma, realizzata dal pittore Maresciallo Gesuino Pinna, intitolata “Carabinieri nell’Arte”. In esposizione diverse opere dell’artista per esplorare diversamente l’immagine dell’Arma nella sua quotidianità. L’artista cagliaritano, in arte “Janas”, è un autodidatta, rispettoso della natura e amante dell’arte, studioso delle tecniche pittoriche di Monet, Picasso, Dalì, Van Gogh, Kandinskij, De Chirico. Dopo un lungo periodo come figurativo (durato oltre 35 anni), si avvicina al mondo dell’espressionismo e riprende la sua attività espositiva partecipando a numerose mostre personali e collettive, nazionali e internazionali. La mostra è organizzata con il coordinamento del Comando Provinciale dei Carabinieri di Salerno e grazie all’ospitalità della Curia Vescovile. L’inaugurazione avrà luogo il 12 dicembre alle ore 17:00

Eventi

“Se il mare finisce. Racconti multimediali migranti” e “I giardini di Bagh-e Babur”, due libri di storie umane che l'AGL (Associazione Giornalisti Locali) – Lamberti Sorrentino presenterà domani, domenica 8 dicembre, a Sala Consilina presso il Mondadori Bookstore a partire dalle ore 11.

Sarà un momento dedicato alla lettura, all’ascolto e alla riflessione. In linea con l’idea di libreria che il Mondadori Bookstore di Sala Consilina sta portando avanti fin dall’apertura quando si è presentato al Vallo di Diano non solo come la “casa” dei libri, uno sterile contenitore di volumi, ma un luogo di cultura vivo.

Il primo libro è un’antologia dei racconti finalisti del concorso DiMMi, Diari Multimediali Migranti 2018. Trai i quali il racconto di chi ha attraversato a 11 anni l'Africa, per arrivare nel Vallo di Diano. È la storia Sow Thierno (oggi 15enne), ospite nella Casa dei popoli di San Rufo, premiato a livello nazionale dall'Archivio dei Diari di Pieve Santo Stefano.  Il secondo è la testimonianza del giornalista embedded, Lorenzo Peluso, che ha vissuto alcune delle zone più calde del XXI° secolo, come Afghanistan, Kurdistan e Iraq, e le ha raccontate nel suo libro riportando emozioni, volti, luoghi e storie.

Domani mattina alle ore 11 un altro appuntamento culturale di qualità al Mondadori Bookstore di Sala Consilina. Organizzato dall’AGL e aperto a tutti coloro che amano sì leggere ma anche ascoltare, raccontare, confrontarsi.

Rosa ROMANO

 

Eventi

 


 

Torna a Sala Consilina il Presepe Vivente dell’Associazione culturale locale Arte e Mestieri – Diego Gatta. La data scelta è quella del 4 gennaio e in questo periodo fervono i preparativi.

È stato pensato come un momento di aggregazione per far vivere il clima natalizio all'intera comunità, grandi e piccoli.

“L’idea – dicono gli organizzatori – è quella di far partire una fiaccolata con Maria e Giuseppe dalla Chiesa di San Pietro per le ore 18:00, con un momento di preghiera animato dal parroco Don Domenico Santangelo, proponendo scene che raccontano gli episodi più importanti della nascita di Gesù (dall’Annunciazione all’arrivo dei Magi), con una voce narrante fuori campo e personaggi che in abiti d’epoca interpreteranno i protagonisti di questo racconto.  Le scene toccheranno tutte le chiese del centro storico (San Pietro, Santissima Annunziata, Santo Stefano, Sant’Eustachio). E nei rioni di Santo Stefano - Sant’Eustachio sarà allestita la grotta e avverrà la nascita di Gesù, con la celebrazione della santa messa presieduta da Don Domenico Santangelo per le ore 19:30. Una serata di spiritualità, allegria e aggregazione arricchita con caldarroste e piatti tipici della tradizione salese".

L’Associazione Arte e Mestieri – Diego Gatta, che organizza l’evento in collaborazione con il Comune, invita quanti hanno voglia di far crescere il numero dei figuranti a contattare il direttivo e prendere parte alla manifestazione che resta di grande attrazione per grandi e piccoli non solo di Sala Consilina.

Rosa ROMANO

 

Eventi

Tutto pronto per la consegna dei premi dedicati alle persone esempio di valore umano e professionale. Sabato 28 dicembre presso il Centro di Educazione Ambientale di Loc. Salemme a Sanza si terrà la cerimonia di consegna del Premio Mentes 2019. 4 le personalità che riceveranno i riconoscimenti. Il premio Mentes è stato istituito dall'amministrazione comunale guidata da Vittorio Esposito su suggerimento del settore cultura, al fine di concedere un riconoscimento speciale a quelle personalità che, nel corso della loro vita, hanno dimostrato grandi doti umane, professionali e culturali, acquisendo meriti civili, sociali e scolastici, che rendono l’uomo, esempio da seguire per le nuove generazioni.

Dopo attente valutazioni la commissione giudicatrice ha scelto i premiati di questa edizione. A giungere a Sanza per ricevere il Premio Mentes sarà la famiglia Francesco Confuorto,che arriverà dal Brasile nei prossimi giorni.  i Confuorto da Emigranti italiani hanno saputo con i loro sacrifici realizzare una delle più importanti e solide imprese industriali in Brasile. Per la sezione giovani sarà premiata la giovane studentessa Erika Pinto che si è diplomata nell'anno scolastico 2018/2019 con il massimo dei voti. I due premi saranno consegnati sabato 28 dicembre presso il CEA durante la cerimonia speciale che inizierà alle ore 17,30. Il premio Mentes, prevede inoltre l'assegnazione di premi speciali che saranno consegnati successivamente in date distinti. A ricevere il premio speciale Mentes sono il giornalista inviato di Striscia la Notizia, Luca Abete, per l’eccellente lavoro, l’abnegazione e l’impegno costante nel migliorare la società, sempre al servizio della gente e dei più deboli.

Il premio gli sarà consegnato nell'aprile del 2020 in occasione del suo tour promozionale "Non ci ferma nessuno". e il giornalista RAI Rino Genovese per il suo grande lavoro di promozione del territorio, delle eccellenze della nostra amata Campania, dei piccoli borghi e delle tradizioni locali; riconoscendo un valore straordinario per la conservazione e la promozione dei luoghi e della cultura campana grazie al format “Tg Itinerante” che ha ospitato anche la comunità di Sanza. A Rino Genovese il premio sarà consegnato in occasione di un incontro previsto a febbraio 2020 quando il giornalista RAI sarà a Sanza ospite della scuola media dove parlerà agli studenti di promozione del territorio.

Anna Maria CAVA

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.