Eventi

Eventi

A partire da giovedì 11 luglio torna con la VI edizione la manifestazione che ogni anno trasforma la villa comunale di Sala Consilina in una festa di musica e colori con ottimo cibo e tanto divertimento. 4 giorni di musica e balli per grandi e piccini con gli organizzatori che non hanno tralasciato alcun dettaglio per consentire a tutti di trascorrere ore di sana allegria e di socializzazione. Si parte giovedì prossimo 11 luglio con l'esibizione di danza delle Life Gym e della Dance all Dance. Ancora balli anche venerdì 12 luglio con l'esibizione dell'ASD Sport Zone e della Dance Studio 2.

Tanta musica dal vivo e divertimento puro nelle ultime serate di sabato 13 e domenica 14 luglio quando ad animare le serate ci penseranno Zampy, DJ Art e la Cono D'Elia Band. Divertimento ma anche tanta solidarietà. Quest'anno, infatti, gli organizzatori hanno voluto accanto a loro in questa manifestazione anche l'associazione Ascoltami che si occupa di sensibilizzare la comunità sui temi che riguardano le difficoltà vissute dalle famiglie di bambini speciali. Così, nella 4 serate di Villa in Festa, sarà anche possibile essere parte integrante di un grande progetto di sensibilizzazione e solidarietà per regalare ai bambini speciali del Vallo di Diano una fetta di normalità. Un invito che ha emozionato Giulia Iannuzzi dell'Associazione Ascoltami per la sensibilità manifestata dagli organizzatori

Anna Maria CAVA

Eventi

È tornata nella giornata di domenica scorsa con una grande festa di musica e allegria la Festa dei Popoli a Pertosa con una Piazza De Marco trasformata in un incontro di comunione nel nome del sano divertimento. A partire dalle ore 17,00 si è svolta la 7^ edizione della Festa dei popoli organizzata dall'amministrazione comunale guidata dal Sindaco Michele Caggiano in collaborazione con la diocesi di Teggiano-Policastro, la Fondazione Mida, l'Associazione Italo Venezuelana Vallo di Diano, l'Associazione Latino Americana in Italia l'associazione Romeno Italiani Amici Sud Italia, l'associazione La Ferrovia, la Parrocchia di Santa Maria delle Grazie, gli uffici Migrantes delle Diocesi di Salerno Campagna Acerno e Teggiano-Policastro, il Piano Sociale di Zona, l'asd Pertosa, Sodalis, Caritas Diocesana e il gruppo di Protezione Civile GOPI.

Una festa che, ormai da sette anni, vede Pertosa trasformata in un luogo di incontro e comunione tra le diverse culturre che si intrecciano nel Vallo di Diano. E lo si fa in totale armonia e divertimento attraverso anche spettacoli musicale e non solo che mettono in risalto proprio le tradizioni dei diversi Paesi rappresentati durante la festa. Alla presenza di diversi sindaci del territorio e rappresentati delle istituzioni religiose, si è celebrata la manifestazione ricca e di gusto con la possibilità di ammirare e conoscere le tradizioni dei diversi popoli e i loro piatti tipici e, allo stesso tempo anche di ammirare gli abiti caratteristici. Sul palco allestito in Piazza De Marco, invece, sono saliti numerosi talenti dei diversi popoli come che hanno potuto mostrare le loro grandi capacità. Come ad esempio un giovane Georgiano non vedente che ha impressionato il pubblico, cantando con la sua meravigliosa voce Con te Partirò di Andrea Bocelli.

E poi tanti balli tipici delle diverse nazionalità che sono anche stata occasione di unione e socializzazione tra le diverse culture che si sono mischiate proprio ballando i diversi ritmi. Ancora un successo quindi per una festa che riesce ogni anno a far vivere il mondo in un paese

Anna Maria CAVA

Eventi

A ridosso della festività liturgica del beato Pier Giorgio Frassati (1901-1925) che ricade il 4 luglio, la scorsa settimana diversi sono stati gli appuntamenti escursionistici lungo i sentieri di montagna a lui intitolati. Anche a Sala Consilina, dove c'è il primo Sentiero Frassati d’Italia, sabato e domenica due giorni di spiritualità e trekking che hanno visto protagoniste, oltre a quella locale, le diocesi di Aversa, Avellino, Nocera, Pozzuoli, Nola e Bari-Bitonto. L’evento è stato organizzato dall’Azione Cattolica Regionale Campania insieme con l’Azione Cattolica della Diocesi di Teggiano-Policastro e dal CAI di Salerno. L’avvio sabato pomeriggio dal Battistero paleocristiano di San Giovanni in Fonte a Padula, dove ad accogliere gli escursionisti c’era Olga Manolio, presidente dell’Azione cattolica diocesana e Antonello Sica, l’ideatore dei Sentieri Frassati.

Partiti da Padula gli escursionisti, attraverso il Sentiero, hanno raggiunto il Polo Culturale Cappuccini di Sala Consilina dove si è tenuta la catechesi curata da Don Tony Drazza, assistente nazionale del Settore Giovani dell’AC. Poi la cena comunitaria nella suggestiva Piazzetta Gracchi e la successiva salita in notturna al Santuario di San Michele Arcagelo. Per riprendere il cammino domenica mattina, seguendo sempre il Sentiero Pier Giorgio Frassati, con l’ascesa alla Cappella della Madonna di Sito Alto. Qui sono stati accolti dalla confraternita che ha offerto loro il pranzo di saluto.

Hanno collaborato all’organizzazione della due giorni: la sottosezione “Piergiorgio Frassati” della Giovane Montagna, le Comunità Parrocchiali locali e il Comune di Sala Consilina rappresentato sabato, alla partenza, dall’assessore alla Cultura Francesco Spinelli.

 

Rosa ROMANO

Eventi

Grande successo ieri per la pedalata “sulle Orme dei Trecento”, una giornata di ciclo-turismo con una pedalata di oltre 120 km che ha attraversato i comuni di Buonabitacolo, Montesano, Casalbuono, Lagonegro, Sapri, Torraca, Casaletto Spartano, Caselle in Pittari e  Sanza. Duecento  i ciclisti che ieri, arrivati da ogni parte d’Italia, sono partiti da Sanza allo start dato dal sindaco Vittorio Esposito, da piazza XXIV maggio alle 8.30 per percorrere un circuito che li ha portati sulle “Orme dei Trecento”, passando per il Fortino, poi nel Golfo di Policastro, quindi il ritorno a Sanza, con arrivo per le 14.00. Sanza, non per caso, nel ricordo della Spedizione di Sapri che vide morire proprio a Sanza, Carlo Pisacane, il 2 luglio del 1857.

Un’iniziativa per la quale si è mobilita la Pro Loco, i ragazzi del servizio civile, l’ufficio turistico del Comune, i soci del CAI, la Protezione Civile, la Consulta del Commercio,  i dipendenti del Comune, la Consulta delle donne, per dare accoglienza ed ospitalità ai duecento ciclisti ed il loro seguito. Un’ottima occasione infatti anche per promuovere le eccellenze enogastronomiche del luogo, visto che i partecipanti hanno poi consumato in convivialità il pranzo presso l’area antistante l’antico Monastero di Salemme. Le eccellenze dell’enogastronomia locale sono state anche inserite nei cestini viaggio dei ciclisti. Dal pane, ai biscotti, dai salumi ai formaggi, tutto rigorosamente curato dai ristoratori locali partner dell’iniziativa. “L’occasione per dare anche ossigeno alle attività ricettive locali – ha commentato il Consigliere con delega al Turismo, Angelo Marotta – un nuovo tassello che si inserisce nel più ampio percorso di valorizzazione e promozione turistica della nostra comunità”. La manifestazione rientra nel progetto di promozione del territorio Meeting del Cervati 2019.

 

Antonella D'ALTO

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.