Cultura

Cultura

I referenti dell'associazione internazionale Joe Petrosino negli Stati Uniti in questi giorni in cui si svolgono una serie di manifestazioni, tra cui anche il Columbus Day in cui viene posta in risalto anche la figura del poliziotto italo americano, il cui ricordo è particolarmente vivo tra la comunità statunitense.

Una delegazione dell'associazione padulese tra cui i membri del direttivo quali il presidente Vincenzo Lamanna, il vicepresidente Vincenzo Petrizzo e i consiglieri Pasquale Chirichella e Aurora Gallo, insieme ai soci e simpatizzanti oltre che al pronipote di Joe Petrosino, Nino Melito Petrosino, ha raggiungo gli Stati Uniti per celebrare, insieme ai referenti locali e alle associazioni statunitensi, il 110° anniversario dall'omicidio di Joe Petrosino, primo poliziotto ucciso dalla mano nera della mafia il 12 marzo 1909 a Palermo dove si era recato per indagare sui rapporti tra la mafia degli stati uniti e la mafia siciliana.

La delegazione padulese,in questi giorni di permanenza negli Stati Uniti, sta seguendo una lunga serie di eventi e appuntamenti iniziati lo scorso sabato con la partecipazione alla parata del Queens, domenica a quella di Huntington e lunedì ha sfilato alla parata del Columbus day  sulla 5 Avenue. Una giornata che è proseguita con un altro importante appuntamento quando il folto gruppo proveniente da Padula, insieme alla presidente dell'associazione Joe Petrosino Sicilia Annamaria Corradini, sono stati ricevuti dal console Italiano a New York. Giorni intensi e di importanti impegni ma anche giorni in cui viene messo in risalto l'impegno dell'associazione, particolarmente apprezzato negli Stati Uniti per mantenere sempre vivo il ricordo e il sacrificio di Joe Petrosino a favore della legalità.

A tal proposito il presidente dell'associazione Vincenzo Lamanna, ha ricevuto due importanti riconoscimenti. Inoltre, nell'ambito delle celebrazioni, la delegazione è stata accolta dal club San Cono dei Teggianesi negli stati uniti unitamente alla Federazione dei Campani negl'USA rappresentata dal presidente Rocco Manzolillo.

L'associazione Internazionale Joe Petrosino di Padula è stata inoltre ospite anche dell'associazione Joe Petrosino d’America, presieduta da Bob Fonti nell'ambito del mese della cultura Italiana negli USA ha ospitato a Washington le due associazioni Italiane per la visita al “ National low enterforcement Museum and Memorial “, e per una visita e  ricevimento al Congresso accolti dal Congressman  Thomas Suozzi.

Anna Maria CAVA

Cultura

premio lucio gallo

Domani mattina presso la Chiesa di San Michele Arcangelo a Padula si terrà la cerimonia di consegna dei  premi Lucio Gallo: alunni meritevoli. L'istituto omnicomprensivo di Padula guidato dalla dirigente scolastica Lilina Ferzola consegnerà i premi agli alunni delle scuole secondarie di I grado che, nei tre anni di corsi scolastici si sono maggiormente distinti nell'ambito delle attività didattiche e del percorso di studio, dimostrando attitudine e volontà ad una crescita reale sia personale che nel'ambito della formazione. Il premio è stato offerto di figli del compianto Lucio Gallo in memoria del loro padre che, nel corso del sua vita e del suo lavoro, ricoprendo il ruolo di preside, ha dimostrato grande impegno al servizio dei suoi alunni. La cerimonia in programma presso la chiesa madre di Padula, prenderà il via alle ore 10,00

Cultura

Novità sul fronte scolastico nel Vallo di Diano. Ancora un passo in avanti per il Liceo Scientifico “Pisacane” di Padula, che offre un'ulteriore possibilità agli studenti. E’ stata discussa e approvata ieri mattina, presso la sede della Provincia di Salerno, la richiesta di arricchire la proposta didattica e formativa del “Pisacane” con l’istituzione del nuovo indirizzo di studio “Internazionale”.

Il primo passo è stato fatto. Ora toccherà alla Regione Campania imprimere il sigillo finale che potrà dare il via ufficiale a questo nuovo progetto didattico - culturale.

L’indirizzo "Internazionale" risponderà ai bisogni dei giovani talenti del territorio per avviarli alle pubbliche relazioni e alla carriera politica e diplomatica, anche negli organismi internazionali. Un campo di studio che mancava al comprensorio, e necessario per l'approfondimento di materie che vengono trattate all'ordine del giorno.

Grande soddisfazione è stata espressa da Liliana Ferzola, dirigente scolastica dell’Istituto Omnicomprensivo di Padula, di cui il Liceo Scientifico “Pisacane" fa parte, che ha inteso rivolgere un ringraziamento speciale alla Provincia di Salerno nella figura del presidente Michele Strianese e del consigliere delegato alla scuola Giovanni Guzzo.

Federico D'ALESSIO

Cultura

Esordio letterario per la scrittrice cilentana Francesca Schiavo Rappo, residente a Stella Cilento, dove si occupa, tra le varie cose, di promozione culturale, poesia e scrittura, partecipando ad eventi e presentazioni letterarie. Il suo primo libro si intitola “La compagnia della Tèpa. Dodici atti di vandalismo sociale”, una raccolta di 12 racconti per dodici personaggi, impreziosito dalle illustrazioni della pittrice Cristiana Nasta, anche lei di origini cilentane. Il volume, pubblicato da L’ArgoLibro, si presenta come una critica sociale in costante frapposizione fra simile e verosimile, fra possibile e improbabile: la realtà diventa relativa e tutto è messo in discussione.

"La raccolta nasce come atto di protesta, - racconta l’autrice - come gesto rabbioso per l'approssimazione con cui il contemporaneo tratta le fragilità umane, come grido e lamento per il materialismo in cui si consumano le relazioni sociali, e lo fa trattando del lutto inteso come perdita del sé e dell'altro”.

I testi trattato diversi argomenti che trovano la loro coerenza nei racconti specchio che aprono e chiudono la raccolta. I due testi, infatti, funzionano come parentesi all'interno delle quali si consumano le proteste, i così detti "atti vandalici", di tutti gli altri protagonisti. “Spetta a quei personaggi originari, - conclude l’autrice - la donna e l'uomo del "dopo caduta", il compito di definire lo spazio umano dei racconti".

L’introduzione è a cura di Milena Esposito, mentre le illustrazioni di Cristiana Nasta, pittrice che nel corso degli anni ha esposto i suoi lavori in varie rassegne d'arte del territorio, fra dipinti a olio e disegni. Francesca Schiavo Rappo, prima di dare alle stampe il suo libro d’esordio, ha partecipato a varie rassegne e festival, aggiudicandosi di recente il premio "Opera prima" di AVeditoria per la sezione poesia con la silloge "Il primo uomo del nuovo mondo".

Antonella D'ALTO

 

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.