Cultura

Cultura

Si è svolta nel pomeriggio di ieri l’attesa cerimonia di premiazione della XXVII edizione del Premio “Eduardo R. Caianiello”. Bandito dall'Istituto Internazionale per gli Alti Studi Scientifici, in collaborazione con il Dipartimento di Fisica dell'Università di Salerno, per onorare la memoria dell'eminente scienziato ed educatore Eduardo R. Caianiello, il concorso ha visto la collaborazione della Banca Monte Pruno che intensifica, così, il percorso di vicinanza e sinergia con l’Università degli Studi di Salerno e, nell’occasione, con il Dipartimento di Fisica "E.R. Caianiello".

Il concorso è dedicato agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado ed è incentrato sulle materie di matematica e fisica. Francesco Guerra, del Liceo “Alfonso Gatto” di Agropoli, si è aggiudicato il primo dei tre premi messi a disposizione dalla Banca Monte Pruno. Ottimo anche il risultato raggiunto dal Liceo Scientifico "Carlo Pisacane" di Padula che si è qualificato tra le scuole d'eccellenza della Campania partecipanti al Premio, con lo studente Antimo Chiariello che ha ricevuto una Menzione Speciale con attestazione di merito. Hanno partecipato al Premio anche gli studenti Carmine De Paola, Vincenzo Pinto e Gennaro Lucio Gaito. Durante la cerimonia di premiazione, i ragazzi hanno potuto inoltre prendere parte ad un interessante seminario del professore Antonello Pasini sui cambiamenti climatici e le crisi globali.

Per la Banca Monte Pruno è intervenuto ai lavori il Responsabile della Segreteria di Direzione Antonio Mastrandrea che ha ringraziato il Dipartimento ed il professore Roberto De Luca per aver condiviso, nuovamente, questo percorso culturale che punta a valorizzare il merito ed i talenti, promuovendo la diffusione della cultura scientifica tra le giovani generazioni.

Antonella D'ALTO

Cultura

L'autrice originaria di San Rufo Simona Setaro e il matematico salernitano Michele Mele saranno tra i nove autori scelti in tutta Italia per prendere parte all'evento on line “Pomeriggio del libro: Livre festival”, in programma domenica 23 maggio dalle 17 sulla pagina Facebook Giuseppe Sanfilippo Filosofo. Un festival del libro volto a creare un momento di incontro e condivisione tra autori e lettori. L’evento, oltre a vedere protagonista il mondo del libro, in tutti i suoi formati, sarà arricchito da intervalli musicali.

Tra i nove protagonisti ci saranno dunque due autori salernitani: la valdianese Simona Setaro che parlerà del suo libro “Riflessi su specchi d’anima” e il salernitano Michele Mele, matematico ipovedente autore del libro “L’universo tra le dita. Storie di scienziati ipovedenti o non vedenti”, Edizioni Efesto. “Riflessi su specchi d’anima” è il secondo volume per l'autrice 27enne, ed è una raccolta di poesie divisa in quattro sezioni basate su sentimenti di perdita, speranza, tristezza e amore.

"Per me è importante tornare ad un contatto con i miei lettori - ha affermato l'autrice - . Le presentazioni dal vivo sono ricche di emozioni, condivisione, ma questo evento significherà anche spezzare allentare la distanza in attesa delle presentazioni dal vivo. Parlerò dei miei due romanzi "Il coraggio di tornare a vivere", autobiografico, e della raccolta di poesie "Riflessi su specchi d'anima". Mia sorella leggerà in anteprima due mie poesie".

Ricercatore presso il dipartimento di ingegneria all’Università del Sannio, Michele Mele parlerà invece del suo libro “L’universo tra le dita", che raccoglie le storie di 10 scienziati ipovedenti o non vedenti vissuti negli ultimi tre secoli e mezzo. "È il primo evento in cui posso presentare il mio libro - ha affermato - , dunque si tratta a tutti gli effetti di una prima volta nel ruolo di autore. Spero che, con il miglioramento dei dati della pandemia, si apra un periodo di maggiori opportunità per divulgare il mio messaggio di speranza ed inclusione".

Antonella D'ALTO

 

Cultura

L' Istituto Sacco di Sant’Arsenio, anche quest’anno, si è distinto per le eccellenze in campo matematico. L'alunno Mattia Mandara, frequentante il quinto anno, già campione alle semifinali due anni fa, ha superato due importanti e dure selezioni arrivando tra i finalisti del Campionato internazionale di Matematica.

L'alunno, guidato dalla professoressa Lidia Molinara, parteciperà nel prossimo mese di ottobre alle finali del Campionato alla Bocconi di Milano. Un risultato eccellente che conferma il trend positivo registrato ogni anno dai ragazzi del Sacco ai campionati internazionali della Matematica.

“La pandemia e la chiusura della scuola alle attività in presenza – ha affermato la professoressa Lidia Molinara - non hanno interrotto questa tradizione. Certo, è stato tutto più complicato ma anche quest'anno siamo riusciti a preparare un certo numero di alunni e a portarli prima alla prova di preselezione e poi alla semifinale. Uno dei nostri ragazzi Mattia Mandara ha superato tutte le selezioni ed è stato ammesso alla finale nazionale”.

La professoressa Molinara ha parlato di esperienza positiva per gli studenti e di risultati che “hanno confermato la vocazione non solo economica e tecnologica dell’istituto ma anche l'esistenza di eccellenze nello studio della matematica che non sono solo appannaggio dei licei scientifici. I ragazzi – ha spiegato - hanno partecipato ai corsi che ho tenuto online di pomeriggio, si sono divertiti e hanno imparato molto. Insomma è stato un modo per sentirsi meno soli e continuare, nonostante il periodo sfavorevole, un percorso di valorizzazione delle eccellenze”.

Nel ringraziare la dirigente scolastica, Rosaria Murano, per il sostegno offerto, la professoressa Molinara ha parlato anche degli altri ragazzi che, non ammessi alla finale, hanno fatto una gara parallela e uno di loro, Padovano Domenico, ha avuto un ottimo piazzamento.

Antonella D'ALTO

Cultura

Torna anche quest’anno il Premio di Studio promosso dall’Associazione Culturale “Francesco ed Evelina Vecchio”, volto a favorire ed incoraggiare giovani studiosi meritevoli. Il concorso prevede un premio di mille euro da assegnare alla migliore tesi di laurea, di qualunque materia, che abbia come oggetto un argomento inerente al territorio del Cilento.

L'Associazione, infatti, è nata nel 2017 su iniziativa dei fratelli Bruno, Silvana e Sergio Vecchio per ricordare i genitori, Francesco ed Evelina, che pur avendo vissuto in differenti città italiane non hanno mai interrotto il rapporto con i luoghi della loro comune origine, il Cilento. La tesi deve essere stata discussa a conclusione di un Corso di Laurea Magistrale o di Laurea Magistrale a Ciclo unico, nel periodo che va dal 1 giugno 2020 al 31 maggio 2021. I partecipanti al concorso devono far pervenire una copia della tesi e un certificato di laurea con voto, in formato digitale pdf, entro il 30 giugno prossimo, all’Associazione Culturale Francesco ed Evelina Vecchio per partecipare al concorso.

Il bando può essere consultato nel sito dell’Associazione. La valutazione delle tesi sarà effettuata da una apposita commissione. I risultati, il luogo che sarà uno dei comuni del Cilento e la data della premiazione saranno resi pubblici entro il 31 luglio prossimo.

Antonella D'ALTO

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.