Cultura

Si intitola “Poseidonia città d’acqua: archeologia e cambiamenti climatici” la mostra che aprirà il 4 ottobre prossimo al Parco Archeologico di Paestum. Unirà archeologi, scienziati, scrittori e artisti contemporanei con l’obiettivo di sensibilizzare il pubblico su di un tema cruciale. A cura di Paul Carter, Adriana Rispoli e Gabriel Zuchtriegel, la mostra racconterà la storia del territorio di Paestum, la greca Poseidonia, attraverso il rapporto tra gli uomini e l’ambiente, in particolare il mare. Durante la mostra saranno proiettate immagini sui cambiamenti climatici e ambientali che potrebbero investire la Piana del Sele nei prossimi 100 anni, elaborate dal Centro di Studi sui Cambiamenti Climatici nel Mediterraneo. Inoltre, andrà in scena il video-mapping sul Tempio di Nettuno dell’artista napoletana Alessandra Franco.

“Dopo le previsioni preoccupanti pubblicate da parte di scienziati di tutto il mondo, è la prima mostra che integra il discorso sui cambiamenti climatici con una prospettiva storica e archeologica –  spiegano il direttore di Paestum Gabriel Zuchtriegel e il co-curatore anglo-australiano Paul Carter, – l’obiettivo è di attirare l’attenzione su una storia caratterizzata dall’espansione imperialistica, dalla capacità delle società umane di comprendere cambiamenti imprevisti, adattarsi e ricostruirsi. Vogliamo mostrare la rilevanza del passato per il futuro”.

Tra i protagonisti del progetto, oltre a archeologi, storici e scienziati, c’è anche l’autrice Andrea Marcolongo, che nel suo contributo evidenzierà le ragioni per le quali Poseidonia, è un luogo speciale per affrontare la storia del clima e dell’ambiente. La mostra, co-finanziata dalla Regione Campania,  comprende anche la realizzazione di vetrine cilindriche che con la loro forma richiamano l’installazione dedicata alla Tomba del Tuffatore di Carlo Alfano.

Antonella D'ALTO

 

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.