Cultura

Cultura

libri

Un gesto bello e di amore per la comunità. E’ ciò che ha fatto Vito Cozzi, titolare, con la sua famiglia, dell’edicola in piazza XXIV maggio a Sanza, che ha deciso di donare decine di libri, tra storia, politica, cultura saggistica, romanzi, alla biblioteca comunale.

“Grazie per la sensibilità e per l’attenzione mostrata verso i nostri ragazzi che da oggi potranno godere di altre decine di volumi in consultazione presso la biblioteca comunale – ha commentato l’assessore alle politiche sociali, Marianna Citera –, un grazie a nome di tutta la comunità. Piccoli gesti che dimostrano l’amore per il bene comune. I libri sono maestri di vita e compagni fedeli, in molti modi differenti. Possono indicare la strada in un periodo buio, oppure insegnare qualcosa di importante. Possono aiutarci a dar voce a pensieri ed emozioni nascosti. La lettura aiuta a connettersi con quello che ci circonda e con gli altri. Dunque – conclusono dal comune - grazie a Vito ed alla sua famiglia a nome di tutta la comunità”.

Cultura

Legalità, bullismo, droghe e orientamento in uscita. Sono i temi che saranno affrontati domani nel corso di un incontro on line dedicato ai ragazzi delle classi quinte dell’Istituto Cicerone di Sala Consilina, alla presenza di esponenti di rilievo delle Forze dell’Ordine locali.

In particolare saranno il Comandante della compagnia carabinieri di Sala Consilina, il Capitano Paolo Cristinziano e il comandante della stazione di Sala Consilina, il Maresciallo Capo Giacomo Mezzo, ad incontrare i ragazzi domani, mercoledì 10 marzo, a partire dalle ore 11, sulla piattaforma Meet di Gsuite.

L’incontro è dedicato agli alunni delle classi quinte dell’Istituto e sarà incentrato sui temi della legalità, del bullismo, delle droghe e dell’orientamento in uscita. Lo scopo dell’iniziativa organizzata dall’istituto guidato dalla dirigente scolastica Antonella Vairo è quello di sensibilizzare gli studenti su temi di grande rilevanza, seguendo la prospettiva di una formazione integrale della personalità. Di grande importanza dunque, per le tematiche che saranno affrontate, l’intervento delle Forze dell’Ordine.

Si parlerà di bullismo e cyberbullismo, di sicurezza in rete e di reati informatici, ma anche di contrasto alle dipendenze vecchie e nuove, di violenza di genere, tutela ambientale, cronaca giornalistica, senza tralasciare le vittime del dovere, patrimonio etico della Nazione, con uno sguardo anche al processo simulato, il tutto “per imparare e a fare la propria parte”.

Antonella D'ALTO

Cultura

"Riconoscere e sostenere la crescita socio-culturale attraverso la diffusione della lettura come valore riconosciuto e condiviso in grado di influenzare positivamente la qualità della vita individuale e collettiva". E' questo lo scopo della seconda edizione di "Padula Città che Legge", che si terrà da domani nei musei della cittadina, dopo il grande successo della prima edizione.

Gli appuntamenti si terranno quindi  nel centro storico e in particolare nella casa museo Joe Petrosino, nel museo civico multimediale, nel museo del cognome e nel museo della pietra e al museo del presepe. "Dalla lettura - afferma Filomena Chiappardo, assessore alla cultura del Comune di Padula - dipendono lo sviluppo intellettuale, sociale ed economico delle comunità".

La rassegna, spiegano dal comune, ha l'intento di unire la valorizzazione del patrimonio alla promozione della lettura. "La seconda edizione si snoderà attraverso cinque appuntamenti che - spiega l'assessore Chiappardo -  vedranno la promozione del museo e una presentazione dell'autore il cui libro presenta un'attinenza un legame con il museo stesso".

Si andrà dai temi della legalità, alla lavorazione della pietra di Padula, dalla storia del Vallo di Diano all'immigrazione: un percorso tematico che sarà possibile seguire sulla pagina Facebook del circuito Padula Sistema Museo. Inoltre tutti gli appuntamenti saranno sottotitolati per rendere la cultura ancora più inclusiva ed accessibile.

Primo appuntamento domani dalle 12.00, con l' intervista all'autore Giovanni Cancellaro nel museo della pietra di Padula.

Antonella D'ALTO

 

Cultura

L’Istituto Cicerone di Sala Consilina celebra la Giornata internazionale dei diritti della donna con un incontro on line dal titolo ”8 Marzo: giornata di riflessione”, curato dall’animatore digitale, il professore Antonio Anzalone coadiuvato dall’assistente tecnico Giuseppe Petrizzo.

Un momento per riflettere sulla celebrazione che ricorre ogni anno e che ricorda i traguardi raggiunti dalle donne, ma anche le discriminazioni e le ingiustizie che devono essere ancora superate e sulle quali l’Onu è all’opera affinché nel mondo si possa raggiungere una effettiva parità di genere entro il 2030. Il webinar, al quale parteciperanno gli studenti del biennio finale di tutti gli indirizzi del Cicerone, inizierà con i saluti della dirigente scolastica Antonella Vairo a cui seguirà l’introduzione ai lavori  della docente Emilia Rossi.

Interverranno la blogger Maddalena Robustelli sul tema: “Non solo mimose e dal voto delle donne in cammino verso la parità dei diritti”, l’avvocato Rosy Pepe, presidente del Comitato “Se non ora quando “- Specialist distrettuale Liones per la violenza di genere per il Meridione, che tratterà “Il matrimonio riparatore e la riforma del diritto di famiglia”, l’architetto Gelsomina Lombardi, presidente f.f. della Consulta delle Amministratrici del Vallo di Diano e del Tanagro, che esporrà il ruolo attuale delle donne in politica e la consigliera delegata alle Pari Opportunità Rosa Melillo, del comune di Sala Consilina, che invece argomenterà sul ruolo e le attività intraprese nel settore. 

All’incontro, inoltre, in collegamento da Bruxelles, interverrà il soprano valdianese Valentina Mastrangelo, artista musicale internazionale, sul tema “Le donne nell’arte”. A moderare sarà la docente e giornalista Antonella Morena.

Antonella D'ALTO

 

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.