Cultura

Cultura

La Dispensa di Casa Amaro Teggiano si prepara ad una nuova iniziativa letteraria. Il progetto mensile di Amaro Letterario è ormai appuntamento fisso in cui Enzo Sorbo e Vincenza Tropiano, mettono a disposizione La Dispensa per creare occasioni di crescita culturale e sociale e per mettere in risalto eccellenze locali. Nopo il primo appuntamento introduttivo con la presentazione del libro del Proff. Carmine Pinto, Casa Amaro Teggiano ha ospitato due eventi di carattere promozionale delle eccellenze locali con l'evento dedicato alle polpette degli antenati e una serata per la degustazione di squisiti Thè e per conoscerne la storia.

Ora, per l'appuntamento mensile di dicembre, mese in cui i bambini sono protagonisti assoluti con il Natale, arriva un nuovo evento e, come giusto, dedicato proprio ai bambini ma rivolto soprattutto agli adulti responsabili della crescita sana ed equilibrata dai piccoli. Domenica prossima 15 dicembre alle ore 17,30, presso La Dispensa di Casa Amaro Teggiano sarà presentato il libro di Vincenza Tropiano "Joacchino nel Mistero del Mondo" una favola simpatica e divertente che ha come protagonisti un topino, appunto Joacchino e il suo grande ma tenerissimo amico Fante un pigro elefante solitario. La storia parte proprio dall'incontro dei due amici che poi, tra vari vicende, si troveranno a doversi trasformare nei salvatori della Savana e paladini della difesa del Mondo. Da qui il titolo del libro che, Vincenza Tropiano, presenterà al pubblico domenica pomeriggio nella suggestiva e magica location del Centro Storico.

Un evento che vuole essere anche un momento di confronto sull'importanza delle fiabe e dei racconti simpatici e divertenti per aiutare i bambini a crescere sani e con una maggiore consapevolezze di cosa sono, del loro reale valore e, magari anche di cosa è giusto e cosa non è giusto fare. Un modo divertente che, però non può e non deve intaccare il loro diritto ad essere bambini e a vivere con totale serenità, allegria e colore la loro infanzia. Torna quindi, l'appuntamento mensile con Amaro Letterario di La Dispensa di Casa Amaro Teggiano in un appuntamento che, rivolgendosi agli adulti, pensa in maniera primaria ai bambini.

Anna Maria CAVA

Cultura

Una testimonianza dall’interno che indaga i mancati appuntamenti con la storia della sinistra italiana.  È stato presentato così il libro “Il tramonto dell’avvenire” di Paolo Franchi che nello scorso weekend è stato a Monte San Giacomo accolto dal sindaco Raffaele Accetta e dalla vicesindaca Angela D’Alto.

Sabato sera in una Officina Cultura gremita l’autore insieme con il prof. Carmine Pinto, in qualità di storico, e l’Avv. Riccardo Marone in qualità di politico italiano protagonista soprattutto della realtà napoletana, partendo dai fatti storici hanno interpretato la dialettica tutta interna alla sinistra italiana, dal 1976 in poi, tra PCI e PSI.  E le conseguenze che ne sono derivate. Perché è proprio sulle anime diverse, e inconciliabili, dei due partiti, sulla loro incapacità di comunicare e far convergere il l'elettorato in un'unica direzione per governare insieme il Paese che si fonda il libro di Franchi. L’autore racconta i fatti senza far mancare al lettore le sue personali convinzioni. Da qui il cammino della sinistra presentato come una via crucis e la scelta del titolo “Il tramonto dell’avvenire” a indicare un futuro insieme che i protagonisti non hanno mai veramente considerato.

Paolo Franchi, editorialista del Corriere della Sera, è tornato dopo diversi anni a Monte San Giacomo ospite dell’Amministrazione comunale che continua ad organizzare occasioni culturali di grande spessore. E di un Palazzo Marone che conserva alcuni dei suoi scritti su Rinascita tra il patrimonio librario personale di Pietro Laveglia che la famiglia di quest'ultimo ha voluto donare alla sua comunità d'origine e che ora si trova custodito proprio nel Palazzo Marone dove Paolo Franchi ha potuto trovarli e regalarci alcuni aneddoti che vi sono legati.

Rosa ROMANO

Cultura

I referenti dell'associazione internazionale Joe Petrosino negli Stati Uniti in questi giorni in cui si svolgono una serie di manifestazioni, tra cui anche il Columbus Day in cui viene posta in risalto anche la figura del poliziotto italo americano, il cui ricordo è particolarmente vivo tra la comunità statunitense.

Una delegazione dell'associazione padulese tra cui i membri del direttivo quali il presidente Vincenzo Lamanna, il vicepresidente Vincenzo Petrizzo e i consiglieri Pasquale Chirichella e Aurora Gallo, insieme ai soci e simpatizzanti oltre che al pronipote di Joe Petrosino, Nino Melito Petrosino, ha raggiungo gli Stati Uniti per celebrare, insieme ai referenti locali e alle associazioni statunitensi, il 110° anniversario dall'omicidio di Joe Petrosino, primo poliziotto ucciso dalla mano nera della mafia il 12 marzo 1909 a Palermo dove si era recato per indagare sui rapporti tra la mafia degli stati uniti e la mafia siciliana.

La delegazione padulese,in questi giorni di permanenza negli Stati Uniti, sta seguendo una lunga serie di eventi e appuntamenti iniziati lo scorso sabato con la partecipazione alla parata del Queens, domenica a quella di Huntington e lunedì ha sfilato alla parata del Columbus day  sulla 5 Avenue. Una giornata che è proseguita con un altro importante appuntamento quando il folto gruppo proveniente da Padula, insieme alla presidente dell'associazione Joe Petrosino Sicilia Annamaria Corradini, sono stati ricevuti dal console Italiano a New York. Giorni intensi e di importanti impegni ma anche giorni in cui viene messo in risalto l'impegno dell'associazione, particolarmente apprezzato negli Stati Uniti per mantenere sempre vivo il ricordo e il sacrificio di Joe Petrosino a favore della legalità.

A tal proposito il presidente dell'associazione Vincenzo Lamanna, ha ricevuto due importanti riconoscimenti. Inoltre, nell'ambito delle celebrazioni, la delegazione è stata accolta dal club San Cono dei Teggianesi negli stati uniti unitamente alla Federazione dei Campani negl'USA rappresentata dal presidente Rocco Manzolillo.

L'associazione Internazionale Joe Petrosino di Padula è stata inoltre ospite anche dell'associazione Joe Petrosino d’America, presieduta da Bob Fonti nell'ambito del mese della cultura Italiana negli USA ha ospitato a Washington le due associazioni Italiane per la visita al “ National low enterforcement Museum and Memorial “, e per una visita e  ricevimento al Congresso accolti dal Congressman  Thomas Suozzi.

Anna Maria CAVA

Cultura

premio lucio gallo

Domani mattina presso la Chiesa di San Michele Arcangelo a Padula si terrà la cerimonia di consegna dei  premi Lucio Gallo: alunni meritevoli. L'istituto omnicomprensivo di Padula guidato dalla dirigente scolastica Lilina Ferzola consegnerà i premi agli alunni delle scuole secondarie di I grado che, nei tre anni di corsi scolastici si sono maggiormente distinti nell'ambito delle attività didattiche e del percorso di studio, dimostrando attitudine e volontà ad una crescita reale sia personale che nel'ambito della formazione. Il premio è stato offerto di figli del compianto Lucio Gallo in memoria del loro padre che, nel corso del sua vita e del suo lavoro, ricoprendo il ruolo di preside, ha dimostrato grande impegno al servizio dei suoi alunni. La cerimonia in programma presso la chiesa madre di Padula, prenderà il via alle ore 10,00

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.