Cultura

Cultura

Presso lo storico Palazzo Marone di Monte San Giacomo, ha avuto luogo la tavola rotonda di presentazione del libro “Giorgio Napolitano. La traversata da Botteghe Oscure al Quirinale” di Paolo Franchi. Un tema sicuramente ancora di più all’ordine del giorno dopo lo storico secondo mandato conferito a Napolitano. Ecco l’intervista del giornalista romano autore della biografia del Presidente Napolitano ai microfoni di Pietro Cusati.

Cultura

Nella serata di venerdì 26 aprile è stato presentato, presso la chiesa della SS. Annunziata di Buonabitacolo, il libro scritto da Don Nicola Russo e dedicato alla figura del Vescovo dell’ottocento Mons. Nicola De Martino. Ben 3 i Vescovi presenti per l’occasione a Buonabitacolo: oltre al  Vescovo della Diocesi di Teggiano –Policastro, Mons. Antonio De Luca, c’erano infatti Mons. Angelo Spinillo, Vescovo di Aversa, e Mons. Pasquale Cascio, Vescovo della diocesi di Sant’Angelo dei Lombardi, Conza, Nusco e Bisaccia 

Cultura

La storia e la figura di Monsignor Nicola de Martino, Vescovo vissuto nell’800 ed originario di Buonabitacolo, sono l’oggetto del libro dal titolo “Vita di un vescovo meridionale dell’Ottocento. Monsignor Nicola De Martino (1818-1881)”,  scritto da don Nicola Russo, Parroco di S. Stefano a Sala Consilina. L’opera sarà presentata venerdì 26 aprile,  alle 17 presso la chiesa della SS. Annunziata a Buonabitacolo. Alla presentazione del libro, pubblicato dalla casa editrice Edizioni Scientifiche Italiane, parteciperà il professor Mario Casella, ordinario di Storia Contemporanea presso l’Università del Salento, che offrirà una panoramica dell’opera. Le conclusioni, invece, verranno affidate a Monsignor Antonio de Luca, vescovo della diocesi Teggiano-Policastro ed autore della prefazione del libro. La biografia si occupa  di strappare dall’oblio il ricordo di Nicola De Martino, grazie a un lavoro basato sullo studio di un’inedita ed ampia documentazione d’archivio. Monsignor Nicola De Martino, nacque a Buonabitacolo nel 1818. Qui svolse le funzioni di parroco dal 1854 al 1860. Dopo un periodo da vicario, prima a Caserta e poi a Cerreto Sannita, divenne vescovo di Venosa nel 1871, con la nomina da parte di Papa Pio IX. Gravi problemi di salute però portarono alla sua traslazione nella sede titolare di Samo, nel 1878. Monsignor Antonio De Luca, sottolinea nella prefazione la bontà dell’opera, scrivendo che l’autore “si è accostato al suo soggetto con animo rispettoso e discreto, cercando di rendersi conto senza ergersi a giudice”. 

Cultura

Disponibile da oggi anche nelle edicole del Vallo di Diano l’edizione cartacea di “Truffa di Stato”, il libro-inchiesta scritto dal giornalista di Buonabitacolo Elia Rinaldi e dedicato agli sprechi della casta e alla corruzione della cosiddetta “cricca”, prima e dopo il 150° dell’Unità d’Italia. L’inchiesta sui festeggiamenti per il 150 anniversario dell’Unità d’Italia, diventati occasione per una serie di spese folli fatte da politici e dirigenti alla guida di enti pubblici, è in breve diventata un “caso” sulla rete, dove la versione e-book  di “Truffa di Stato” è stata subito classificata da Amazon tra le novità più interessanti nella sezione Giornalismo e tra i best-seller nella categoria Amministrazione Pubblica. Non c’è da meravigliarsi, visto che Elia Rinaldi è stato il primo a mettere insieme un accurato dossier sui risvolti negativi dei festeggiamenti per il 150esimo anniversario dell'Unità d’Italia, ricco di notizie inedite ed, ancora una volta, di piccole e grandi storie di malcostume politico. Appalti truccati in cambio di denaro e regali di ogni genere, incarichi e consulenze sempre alle stesse persone. Nomi importanti quelli implicati, personaggi al centro degli ultimi scandali politici, ma anche piccoli amministratori locali. Tutti accomunati dalla passione per le spese pazze, il disprezzo per il buonsenso e l’indifferenza verso la difficile condizione economica del Paese. Un bilancio pesante, di quasi 1 miliardo di euro per infrastrutture non completate o, addirittura, mai avviate. Senza contare i soldi finiti negli ingranaggi della corruzione e quelli spesi per feste, viaggi, cene, rinfreschi e trovate di ogni genere. Insomma davvero l’ennesima Truffa in grande stile, questa volta di “Stato” ed in nome della Fragile Unità d’Italia, quella rigorosamente documentata da Elia Rinaldi, giornalista del Vallo di Diano appassionato di inchieste e di ricerca, e che da sempre segue con passione le diverse dinamiche della realtà italiana e del Mezzogiorno. Oltre all’e-book disponibile attraverso il sito www.truffadistato.it , ora l’edizione cartacea dell’interessante libro- inchiesta è in distribuzione nelle edicole del Vallo di Diano, a partire da quelle di Sala Consilina, Padula e Montesano sulla Marcellana.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.