Cronaca

Nella notte tra sabato e domenica, incendio in un'azienda sita nella zona industriale di Atena Lucana Scalo. Le fiamme si sono sprigionate intorno alle 3 di notte ed hanno interessato il materiale custodito al suo interno, prevalentemente ferroso. Non si esclude la matrice dolosa tanto che, il magistrato, ha richiesto l'intervento del Nucleo Investigativo Antincendio dei Vigili del Fuoco che dovrebbero giungere sul posto nelle prossime ore per effettuare rilievi e indagini e cercare di ricostruire l'esatta causa dell'incendio.

Intenso lavoro per i vigili del Fuoco del distaccamento di Sala Consilina che sono intervenuti sul posto immediatamente, allertati da un vigilantes che per primo ha notato le fiamme. Un lungo e articolato lavoro per gli uomini del caposquadra esperto Eugenio Siena che giunti sul posto, hanno dovuto faticare non poco per riuscire ad aver ragione delle fiamme e per mettere in sicurezza l'intera area. Un intervento durato circa 6 ore con la squadra di Eugenio Siena che ha lasciato il posto intorno alle ore 9,30 del mattino, sostituiti da un'altra squadra che ha dovuto operare per gli ultimi interventi di ripristino dell'area. Fortunatamente sembra che il capannone non sia rimasto danneggiato in maniera grave. Sono ora in corso le indagini per risalire alla causa dell'incendio che, inizialmente si pensava potesse essere legata ad un corto circuito.

Al termine delle operazioni di spegnimento, alcuni elementi emersi, hanno però portato il magistrato a richiedere ulteriori rilievi per meglio risalire all'origine delle fiamme che, al momento, non esclude il dolo. Per tale ragione è stato disposto il sequestro temporaneo dell'interna area, in attesa dei rilievi che dovrebbero essere effettuati nei prossimi giorni da parte degli uomini del Nucleo Antincendio dei Vigili del Fuoco, assistiti da capo squadra esperto Eugenio Siena che, con i suoi uomini è intervenuto sul luogo per lo spegnimento delle fiamme ed ha effettuato i primi rilievi sul posto. Fortunatamente non si registrano persone ferite ma solo danni ad attrezzature ed altri beni custoditi all'interno del capannone.

Anna Maria CAVA

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.