Cronaca

carabinieri

È stato convalidato l’arresto per il medico in servizio presso la guardia medica di Sant’Angelo a Fasanella beccato a lasciare il posto di lavoro durante il turno di servizio. Il 51enne, P.A., è accusato di tentata truffa ai danni di Ente pubblico, tentata truffa aggravata ai danni dello Stato, interruzione di pubblico servizio e falsità ideologica continuata. È stata inoltre disposta l’interdizione, per un anno, dall’esercizio di ogni pubblico servizio prestato all’Asl Sa.

I carabinieri della compagnia di Sala Consilina due giorni fa, intorno all’1 di notte, lo hanno trovato a 20km dalla guardia medica dove doveva essere di turno fino alle 8. L’uomo aveva posizionato un cartello sulla porta giustificando la sua assenza con una “visita medica domiciliare”. Durante la perquisizione nella sede della guardia medica, i militari hanno anche scoperto che sul registro erano stati annotati, poco prima di allontanarsi, falsi nominativi di due pazienti sottoposti ad immaginarie visite domiciliari.L’attività dei carabinieri è stata il frutto di indagini iniziate nella scorsa estate: attraverso appostamenti, pedinamenti, acquisizione di sommarie informazioni di persone recatesi di notte presso la guardia medica, riprese video del presidio sanitario e installazione di un gps, sono riusciti a dimostrare una serie di allontanamenti da parte del medico e molte false annotazioni di visite domiciliari sul registro degli interventi.

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.