Cronaca

I Carabinieri della Compagnia di Sala Consilina, diretti dal Capitano Davide Acquaviva, hanno tratto in arresto un 35enne di origini rumene per maltrattamenti in famiglia e lesioni personali aggravate nei confronti della convivente.

La vittima, una donna 32enne di origini rumene, si è presentata nella notte presso la Caserma della Compagnia valdianese scalza e in stato di forte agitazione, riferendo ai militari di essere scappata di casa perché il proprio compagno, rientrato a casa ubriaco, aveva iniziato ad insultarla e a percuoterla con schiaffi e pugni al volto, impedendole di chiedere aiuto e minacciandola di morte.

Solo successivamente, approfittando di un momento di distrazione del marito, la donna è riuscita a scappare per chiedere aiuto ai Carabinieri, che le prestavano i primi soccorsi e la accompagnavano per le prime cure al pronto soccorso dell’Ospedale di Polla, dove le è stato riscontrato un trauma cranico (curabile in 3 giorni) ed una gravidanza conseguente ad un rapporto sessuale non desiderato.

Le prime ricostruzioni dei militari parlano di episodi di violenza che si protraggono dall’inizio della convivenza, da circa12 anni, con violenze perpetrate sia durante la gravidanza che dinnanzi ai figli, tra l’altro minori di 10 anni, della coppia.

Continua, dunque, l’impegno quotidiano dell’Arma dei Carabinieri per la diffusione dei valori della legalità contro ogni forma di violenza e sopruso, soprattutto in tema di violenza contro le donne, di cui è ricorsa la giornata internazionale il 25 novembre scorso, in occasione della quale sono stati numerosi i convegni a cui ha partecipato tutto il personale del Comando Provinciale Carabinieri di Salerno.

Federico D'ALESSIO

 

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.