Cronaca

Cronaca


Poteva avere conseguenze ancora più gravi il ribaltamento di un motocarro e del relativo rimorchio avvenuto ieri mattina a Sala Consilina, lungo la strada che conduce al santuario della Madonna di Castello. Il bilancio è stato di 12 persone ferite, di la maggior parte in modo lieve. Solo per una donna di 53 anni la prognosi è di un mese circa.

Cronaca

12 persone ferite, di cui una in condizioni più serie ma fortunatamente non in pericolo di vita, è il bilancio del ribaltamento di un motocarro agricolo avvenuto questa mattina a Sala Consilina, tra il 6° ed il 7° tornante della stradina che conduce a santuario della Madonna di Castello. Un incidente che poteva assumere dimensioni ben più tragiche. La dinamica di quanto accaduto è tuttora al vaglio dei Carabinieri della Stazione di Sala Consilina, al comando del Luogotenente Cono Cimino, giunti immediatamente sul posto subito dopo l'allarme, e che con i sanitari del 118 hanno prestato i primi soccorsi ai feriti. Le 12 persone, di cui 2 viaggiavano a bordo della cabina di guida del mezzo agricolo, e le altre 10 sul cassettone a rimorchio del motocarro, sono tutte di Sala Consilina e si stavano recando al santuario. Tra di loro alcuni membri della Congrega della Madonna di Castello e loro familiari, impegnati a turno ogni domenica nei mesi estivi nell'apertura della struttura e nella sua pulizia. Dalle prime ricostruzioni sembra che ad un certo punto della salita il motocarro con le 12 persone a bordo abbia incontrato un ostacolo imprevisto sul terreno: forse uno spuntone di roccia o un masso caduto sulla strada, che ne ha causato il ribaltamento al lato della strada, in un pendio adiacente per fortuna non molto profondo. Momenti di vero e proprio panico per le persone che erano sul motocarro e sul rimorchio, con queste ultime che si sono viste sbalzate fuori con il rischio di essere travolte dal pesante mezzo. Tutte e 12 le persone sono rimaste ferite, ma la maggior parte in modo lieve. In condizioni più serie sono una signora di 53 anni, che ha riportato una frattura e forti contusioni, ed un uomo anche lui 53enne per il quale la prognosi è di un mese circa. I Militari dell'Arma ed i Sanitari del 118 hanno allestito un posto di "primo soccorso" alle pendici del monte salese, in località "Vallone", dove i vari feriti man mano sono stati trasportati per poi essere trasferiti su diverse ambulanze in arrivo, e quindi condotti all'Ospedale Luigi Curto di Polla.
Antonio Sica

alt 

Cronaca


A Santa Marina, nel Golfo di Policastro, incidente stradale mortale sulla Strada Provinciale 82. Un ex ferroviere di 73 anni ha perso la vita dopo essere precipitato con la sua autovettura in un dirupo alto circa 15 metri

Cronaca


Serata "calda" quella di ieri nel Vallo di Diano, con due liti in altrettanti locali pubblici di Sala Consilina e Sant'Arsenio che sono sfociate in rissa e con due persone che sono rimaste ferite per fortuna in modo non grave. A Sala Consilina il primo episodio si è verificato nel centralissimo Bar Marco Polo di Piazza Umberto I. Per motivi ancora in corso di accertamento da parte dei militari dell'Arma la lite ha visto protagoniste due persone del posto, tra le quali una guardia giurata che era fuori servizio. Ad avere la peggio è stata proprio la guardia giurata, colpita con una testata e rimasta ferita, e per la quale si è reso necessario il trasporto presso l'Ospedale di Polla. Nulla di grave comunque secondo i sanitari del Luigi Curto. Sul posto sono intervenuti i Carabinieri della Stazione di Teggiano, impegnati nella ricostruzione di quanto accaduto. A Sant'Arsenio, intorno alle 21, una lite per futili motivi è degenerata presso il centralissimo bar "La Piazzetta". Coinvolti due 40enni, entrambi del posto, con uno dei due che a un certo punto ha afferrato un tabellone pubblicitario dei gelati ed ha colpito sulle spalle il suo avversario. Sul posto i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Sala Consilina, ed i sanitari del 118 che hanno provveduto a trasportare il 40enne ferito presso il pronto soccorso dell'Ospedale Luigi Curto di Polla. Anche in questo caso le sue condizioni non sono risultate gravi. La posizione delle due persone coinvolte nella rissa è al vaglio dei Militari dell'Arma. Insomma il caldo torrido degli ultimi giorni evidentemente surriscalda anche gli animi dei cittadini valdianesi.

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.