Cronaca

Cronaca

NEL VIDEO AMATORIALE I MOMENTI PIU' CONCITATI DELL'INCENDIO- Momenti di panico ieri notte a Trinità di Sala Consilina: auto in fiamme fuori controllo finisce la sua corsa impazzita all'interno di un negozio di calzature a Trinità di Sala Consilina, causando un incendio che distrugge l'esercizio commerciale. Fortunatamente illese la donna e la bambina che erano a bordo dell'auto. Davvero rocambolesca la dinamica di quanto accaduto ieri notte a Trinità: tutto ha avuto inizio –secondo le prime ricostruzioni- da un principio di incendio sviluppatosi a bordo di un'autovettura Nissan Micra che era in marcia sulla SS 19, in direzione Padula. A bordo alla guida una donna di 38 anni di Buonabitacolo, che sta rientrando a casa insieme a sua figlia, 15enne. All'improvviso la donna si accorge che dal motore della sua auto vettura fuoriesce del fumo, e probabilmente è presa dal panico: l'auto sbanda, l'autista perde il controllo del mezzo che fuoriesce dalla SS 19 e conclude la sua corsa impazzita contro la vetrina di un negozio di scarpe, "Gallery Shoes" . L'impatto è violento con l'auto che, frantumata la vetrina, finisce all'interno del negozio stesso. Il principio di incendio che si era sviluppato all'interno dell'autovettura si espande, e trova facile sviluppo nella merce (pellame, scarpe ed altro) contenuta nell'esercizio commerciale, che in pochi minuti è completamente avvolto dalla fiamme. Fortunatamente la donna e la bambina riescono a mettersi in salvo, e sono soccorse sotto shock dopo pochi istanti dai Carabinieri della Stazione di Sala Consilina, al comando del Luogotenente Cono Cimino, giunti immediatamente sul posto. Entrambe saranno poi condotte presso L'Ospedale Luigi Curto di Polla, per i controlli del caso, ma i sanitari non riscontreranno gravi conseguenze. Intanto le fiamme continuano a divampare all'interno del negozio di scarpe, rendendo molto impegnativo l'intervento dei Vigili del Fuoco di Sala Consilina, che hanno dovuto faticare non poco per domare l'incendio. Le fiamme hanno avviluppato anche un motorino che era parcheggiato nel piazzale, finito carbonizzato come la Nissan Micra. Danni pesantissimi –dalle prime stime- al negozio di calzature, non solo dovuti alla perdita del materiale in esposizione e all'arredo, ma anche a probabili cedimenti strutturali causati dall'intensità delle fiamme, che ora dovranno essere verificati. Insomma davvero un episodio dalla dinamica tra l'incredibile ed il rocambolesco, che per fortuna non si è trasformato in tragedia, documentato dal video e dalle foto amatoriali gentilmente messi a disposizione di Uno Tv da Antonio Gallo.

Antonio Sica

altaltalt

Cronaca


"Assolto perché il fatto non sussiste". E' arrivata ieri sera alle 22,00, al termine del rito abbreviato, la sentenza del GIP del Tribunale di Sala Consilina Enrichetta Cioffi che assolve il Maresciallo dei Carabinieri Giuseppe Cunsolo dall'accusa di omicidio preterintenzionale nei confronti del meccanico 22enne di Buonabitacolo Massimo Casalnuovo. Il verdetto è giunto alla fine di una giornata lunghissima, seguita minuto per minuto presso il tribunale salese da un gruppo di una trentina di amici di Massimo, con indosso magliette con la scritta "mi chiamo Massimo e voglio Giustizia", che hanno presidiato pacificamente l'ingresso del Tribunale, come documentato dalle immagini girate dal collega Elia Rinaldi. Presente anche un cospicuo schieramento di forze dell'ordine e di Polizia, ma nonostante la forte tensione emotiva non si sono registrati incidenti di alcun tipo. All'interno dell'aula numero uno erano presenti, a pochi metri di distanza, il Maresciallo Cunsolo rappresentato dall'Avvocato Renivaldo Lagreca, ed il padre di Massimo Osvaldo Casalnuovo con la moglie e gli altri due figli, rappresentati dal legale Cristiano Sandri. A rappresentare l'accusa il Pubblico Ministero Michele Sessa. All'interno del Palazzo di giustizia era presente anche una delegazione del Comitato Mastrogiovanni.
L'udienza, convocata per le 9,30, comincia con diverse ore di ritardo e si svolge a porte chiuse. Il GIP Enrichetta Cioffi deve decidere sulla richiesta di rinvio a giudizio per l'accusa di omicidio preterintenzionale a carico del Maresciallo Cunsolo, per i fatti relativi alla morte di Massimo Casalnuovo, avvenuta a Buonabitacolo ad un posto di blocco dei Carabinieri la sera del 20 Agosto 2011. Nelle fasi iniziali, la svolta: l'avvocato difensore di Cunsolo, Renivaldo Lagreca, chiede ed ottiene il rito abbreviato. La parola va quindi al PM Sessa, che in due ore di durissima arringa ricostruisce –dal punto di vista dell'accusa- quanto avvenuto quel drammatico sabato sera di due anni prima a Buonabitacolo. Sessa riporta testimonianze, evidenzia le perizie e in conclusione chiede, in caso di processo dibattimentale, una pena di 9 anni e 4 mesi. A seguire l'intervento dell'avvocato Sandri, che rappresenta la famiglia di Massimo, durato circa un'ora e mezza. Poi la pausa, con il procedimento penale che riprende dopo le 15,00 con l'intervento dell'avvocato difensore di Cunsolo, Renivaldo Lagreca ,che argomenta oltre tre ore difendendo la posizione del suo assistito, e sottolineando le contraddizioni dell'inchiesta e delle perizie. Dopo le controrepliche il GIP Cioffi si ritira in camera di consiglio. Alle 22 la sentenza, dopo 4 ore di camera di consiglio: "Assolto, perché il fatto non sussiste". Reazioni tutte all'insegna della massima compostezza, nonostante la drammaticità del momento. Momenti di commozione quando il capitano dei Carabinieri Domenico Mastrogiacomo ha avvicinato, fuori dal Palazzo di Giustizia, la famiglia e i membri del Comitato. "Oggi non ha vinto nessuno –ha detto Mastrogiacomo-, siamo stati tutti sconfitti da quanto accaduto: Massimo era un bravo ragazzo e a causa di quel tragico incidente non tornerà". Il Capitano ha sottolineato la sincerità delle sue parole, associandosi al dolore della famiglia, e si è soffermato a parlare anche con alcuni membri del Comitato. "E' finito un incubo per il mio assistito – ha sottolineato l'avvocato difensore del Maresciallo Cunsolo, Renivaldo La Greca - ma non c'è nessuna gioia, perché nessuno dimentica che un ragazzo di soli 22 anni non c'è più. Sono stato sempre convinto dell'innocenza del mio assistito – ha concluso- e ritengo la sentenza giusta". "Attendiamo i 90 giorni del deposito della motivazione della sentenza –commenta invece il PM Michele Sessa- e dopo averla letta, se ci saranno gli estremi, la impugneremo". Laconico il commento di Osvaldo Casalnuovo: "Io non mi fermo e andrò avanti –assicura- perché il rito abbreviato non ha permesso di ascoltare i testimoni. Per un fatto così grave ci deve essere un processo ed i testimoni devono essere sentiti".

Cronaca

Un terremoto di magnitudo 3 si è verificato alle ore 15:56 nel distretto sismico del Vallo di Diano. La scossa è stato localizzata dalla Rete Sismica Nazionale dell'INGV ad una profondità di 10.3 km nel territorio di Brienza (PZ), ed è stata avvertita in alcuni comuni valdianesi ed in alcuni lucani. I Comuni compresi entro 10 Km dall'epicentro sono ATENA LUCANA (SA), SALA CONSILINA (SA), BRIENZA (PZ), SANT'ANGELO LE FRATTE (PZ), SASSO DI CASTALDA (PZ) e SATRIANO DI LUCANIA (PZ). I comuni compresi tra i 10 ed i 20 km dall'epicentro sono CAGGIANO (SA), MONTE SAN GIACOMO (SA), PADULA (SA), PERTOSA (SA), POLLA (SA), SALVITELLE (SA), SAN PIETRO AL TANAGRO (SA), SAN RUFO (SA), SANT'ARSENIO (SA), SASSANO (SA), TEGGIANO (SA), ABRIOLA (PZ), BALVANO (PZ), MARSICO NUOVO (PZ), PICERNO (PZ), PIGNOLA (PZ), SAVOIA DI LUCANIA (PZ), TITO (PZ) VIETRI DI POTENZA (PZ) e PATERNO (PZ). Al momento non si segnalano danni a persone o cose.

alt

Cronaca


Svolta nell'inchiesta condotta dalla Procura di Salerno scaturita dalla denuncia effettuata della nota showgirl Sara Tommasi in occasione della registrazione di un film hard girato a Settembre 2012 in un agriturismo di Buccino. 2 persone sono state infatti arrestate con le accuse di violenza sessuale di gruppo nei confronti della stessa Tommasi

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.