Cronaca

Cronaca

alt

alt

 

La notte scorsa a Buonabitacolo, in fiamme un'auto di media cilindrata nel centralissimo Largo Unità d'Italia. Le fiamme si sono sprigionate nella notte intorno alla mezzanotte. E' il quarto caso di incendio di auto a Buonabitacolo nell'ultimo mese e sembra che tutte le autovetture appartengano a persone collegate al Comune di Buonabitacolo. In quest'ultimo caso, infatti, l'auto incendiata appratiene ad un dipendente comunale. Sul posto, a domare le fiamme, i Vigili del Fuoco del Distaccamento di Sala Consilina, insieme ai carabinieri della locale stazione. Sono in corso le indagini per risalire alle cause del incendio

Cronaca

alt

Galeotti furono gli articoli del Sexy Shop... si potrebbe dir così nel caso di due ragazzi di Sala Consilina sorpresi in flagranza di reato mentre tentavano di rubare alcuni articoli erotici da un erogatore automatico sito a Atena Lucana. Ma i sogni "erotici" dei due giovani amici sono andati in frantumi quando sono stati sorpresi dai Carabinieri della Stazione di Sala Consilina. La singolare vicenda si è verificata nella tarda serata di ieri, quando i due giovani hanno tentato, mediante uno strumento elettronico, denominato "jammer", di manomettere un erogatore automatico di articoli erotici, funzionante h 24 presso un Sexy Shop sito ad Atena Lucana. Ben congegnato anche il metodo scelto dai due per compiere il furto: lo "jammer" infatti stava disturbando le frequenze elettroniche del distributore, in modo da consentire ai due di ottenere l'erogazione dei prodotti senza bisogno di introdurre soldi, e di fare man bassa dei vari articoli erotici custoditi all'interno. Provvidenziale è stato in questo caso l'intervento di una pattuglia dei militari della Stazione di Sala Consilina, che già da giorni tenevano sotto controllo il distributore, che era già stato oggetto di furto, con la medesima tecnica, nei giorni passati. I due giovani sono stati dunque fermati, identificati e denunciati, ed ora dovranno rispondere del reato di tentato furto aggravato dinnanzi all'Autorità Giudiziaria di Lagonegro.

alt

Cronaca


Ieri a Salerno si è tenuta una nuova udienza preliminare del Processo Chernobyl. Presente tra gli altri il responsabile del Codacons Vallo di Diano Roberto De Luca, che ai nostri microfoni fa il punto della situazione in attesa dell'Udienza preliminare conclusiva fissata per martedì 25 Febbraio.

Cronaca

Lite per futili motivi sfocia in delitto a Lagonegro. È successo nel pomeriggio di ieri in un bar per poi culminare con la tragedia in strada, dove un giovane di 19 anni è stato ferito mortalmente al torace da un coltello. Ferito, ma se le sue condizioni non destano preoccupazioni, anche un uomo di 57 anni. 4 le persone coinvolte, 2 giovani e i loro padri. La causa scatenante della lite si pensa possa essere stata uno sguardo di troppo tra i 2 giovani, sfociata poi in un violento litigio all'interno del locale di Lagonegro che sembrava poi essersi risolto senza gravi conseguenze. All'uscita dal locale, però, la lite è ripresa e questa volta ai due giovani si sono aggiunti anche i rispettivi padri. Nel corso della lite sembra siano spuntate due armi da taglio: un coltello e un'ascia. Ed è prorpio con il coltello che il giovane 19enne è stato ferito mortalmente al torace. Immediato l'intervento dei soccorsi che hanno provveduto al trasporto del giovane presso il vicino ospedale di lago negro dove è stato sottoposto ad intervento chirurgico. Inutile però il tentativo dei medici di salvare la vita al ragazzo, che è morto a causa della gravità delle ferite riportate. Nel corso della lite è stato ferito anche un uomo di 57 anni, colpito dal padre del ragazzo accoltellato. Anche per il 57enne si è reso necessario il trasporto presso l'ospedale di Lagonegro con successivo trasferimento presso il presidio ospedaliero di Potenza, dove è attualmente ricoverato in gravi condizioni anche se non sembra sia in pericolo di vita. Sono in corso le indagini da parte dei carabinieri di Lagonegro che in queste ore stanno ascoltando diversi testimoni presenti sul luogo nei due momenti della lite, per cercare di risalire alle cause esatte che hanno scatenato la rissa sfociata poi in tragedia e la dinamica dell'accaduto

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.